Indice I Sogni Lucidi Diario dei Sogni Lucidi > Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Raccontateci i vostri sogni lucidi e confrontatevi con quelli degli altri: una importante fonte di idee e ispirazione. Potete tenere un diario personale con i sogni che ritenete rilevanti.

Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda cetaceon » 19/06/2014, 11:06

Sono convinto che se non avessi scoperto questo magnifico forum probabilmente i sogni lucidi sarebbero rimasti per me uno splendido miraggio per il resto della mia vita. Del resto ho letto "L'arte di sognare" di Castaneda parecchi anni fa, ma poi nel corso del tempo avrò fatto forse 4 o 5 sogni lucidi involontari in tutto. Ero quasi persuaso che fosse impossibile ottenere risultati concreti utilizzando l'esercizio di visualizzazione delle mani di Castaneda. :(
Probabilmente mi è sempre mancato il sostegno di un gruppo che avesse questo medesimo interesse e devo dire che è stata proprio la presenza e l'entusiasmo di tanti Sognatori che mi ha dato la carica per tentare in tutti i modi di avere un sogno lucido volontario.
Ho letto con molta attenzione molti sogni riportati nei diari ( sono un tesoro magnifico e così tanti che sarà un grandissimo piacere leggerseli tutti con calma).
Ho chiesto molti consigli e vi sono gratissimo per le risposte molto chiare, utili e pazienti che mi avete dato. Poi ho comprato il libro "l'arte di vivere i sogni" di cui si è parlato qui qualche mese fa qui sul forum. Ho tentato di mettere in pratica tutti i consigli ricevuti e le esperienze che sono riuscito a leggere Ho fatto molta ADA e mi sono spesso chiesto di giorno "sto sognando".
Scrivo sul diario dei sogni tutti i giorni dal 29 maggio.
Insomma mi sono impegnato seriamente e mi sono accorto che questa passione non ti allontana dalla realtà fisica ma te la fa vivere con più presenza e consapevolezza del "qui e ora" :insomma lucidare e meditare sono due facce della stessa medaglia.
Per cui innanzitutto voglio ringraziare tutti i Sognatori del forum senza i quali non sarei forse mai riuscito a fare un sogno lucido volontario. : Yahooo :
Il sogno volontario che ho fatto stanotte è molto breve e semplice rispetto alle meravigliose avventure che avete postato, ma è comunque un buon inizio!
Il primo sogno lucido che ho riportato nel diario l'ho fatto invece un paio di anni fa ed è stato del tutto spontaneo. Potrei forse azzardare che avendolo fatto durante una trasferta all'estero, il cambio di abitudini giornaliere, la rottura del solito tran tran, l'abbia in qualche modo favorito.

28 aprile 2012
sogno lucido spontaneo

Si tratta del sogno lucido più lungo d articolato ch abbia mai avuto il quale si è svolto come naturale evoluzione di un sogno normale di cui ho ugualmente ricordo.
Sulla Terra incombe un immenso disastro. So che il nostro pianeta sta per essere distrutto nella collisione con una stella o con un altro pianeta, ma non sono in grado di vedere cosa esattamente stia per colpire il nostro pianeta. Sono disperato, consapevole della morte imminente ed inizio a prendere commiato dalle persone che mi sono più care ( di cui non ricordo i volti). Ho la curiosa impressione che tutta la terra abbia ora dimensioni ridotte ed io sia in piedi a fianco del pianeta che può avere un diametro di qualche metro.
La collisione stellare accade in un istante, so che sono morto, che il mio corpo è statto distrutto.... tuttavia so che niente è terminato davvero.
Mi trovo su un treno in corsa, solo in uno scompartimento dai cui finestrini mi affaccio per osservare il paesaggio della campagna.
Sono pienamente consapevole adesso di stare sognando. La mia morte nel sogno normale è stata l’elemento di transizione che ha consentivo l’avvento della lucidità nel sogno.
Scendo dal treno e mi avvicino ad alcuni alberi, forse pini, alti una decina di metri, che si elevano su una collinetta in mezzo alla campagna. Inizio ad osservare ed a toccare con attenzione i tronchi e la radici, contento della mia condizione di lucidità ed intento a studiare il contesto del sogno. Posseggo almeno tre sensi: vista, tatto e udito.
Con il tatto verifico la consistenza delle radici degli alberi, agendo rapidamente e senza soffermare mai la vista troppo a lungo su un particolare. E’ come se sapessi ( quasi come se avessi appreso un insegnamento in proposito da uno sconosciuto insegnante ) che indulgendo a lungo su un particolare rischierei di smarrire la lucidità.
Per cui tocco in rapida successione tronchi e radici delle piante che al tatto hanno una consistenza solida ma semispugnosa, per cui mi appaiono assai più reali alla vista che al tatto. Alzando lo sguardo verso la cima degli alberi mi accorgo che anche la loro apparenza visiva tende ad essere instabile: infatti per qualche istante la cima degli alberi appare spoglia e quasi evanescente. Ho la sensazione che la lucidità del sogno stia per svanire. Ecco che la cima degli alberi riprende la propria apparenza reale.
Mi allontano dal boschetto mi trovo ai piedi di un basso terrapieno sopra il quale è costruito un campo da tennis affiancato da un basso edificio, uno spogliatoio.
Voglio verificare se sono in grado di volare alzandomi al livello del campo da tennis ed inizio a sollevarmi fino al livello del terrapieno. Cammino verso lo spogliatoio, dal quale escono due giovani uomini ( è la prima volta che faccio incontri in un sogno lucido ) .
Mi rivolgo al più giovane, un ragazzo di 18-20 anni, invitandolo a giocare con me. Lui mi risponde con un tono rassegnato che accetta non avendo altro da fare ed io intuisco che senza dirlo esplicitamento fa riferimento alla sua condizione ( ovvero di esser in trappola o di essere morto).
Per cui io gli rispondo di essere arrivato in quel posto volontariamente.
L’altro giovane allora gli spiega che io sono in uno stato di proiezione volontaria di OBE. Il ragazzo molto stupito “OBE ?? cosa sarebbe ?”.
Mentre parliamo si avvicinano numerose altre persone ed io ho paura di essere circondato, di essere preso in trappola ed inizio ad indietreggiare. Sento una voce dietro di me che dice “ Ha paura che gli prendiamo energia”. Io mi spavento ed arretro mentre il sogno lucido svanisce.



19/6/2014
PRIMO SOGNO LUCIDO VOLONTARIO
tecnica: wbtb+yoga nidra+wild

Un rumore mi sveglia verso le 4.30 del mattino.
Ne approfitto per scrivere immediatamente sul portatile i sogni della notte, do un'occhiata all'ora e penso che quello sia un buon momento per tentare una wild. ;)
Vado in bagno e mi fisso allo specchio ripetendomi che farò senz'altro un sogno lucido. E' un gesto di cui ho letto la descrizione in un altro post sul forum. Mi sento ottimista e positivo. :) Tutto può servire per fare un sogno lucido.
Vorrei tornare a letto subito perchè sono ancora piuttosto stanco anche se so che dovrei stare sveglio almeno una mezz'oretta.
Allora cerco di snebbiarmi la mente scuotendomi. Poi dopo un pò torno a letto, mi sdraio supino e decido di fare una wild precedendola con lo yoga nidra, una tecnica che consiste nel rilassare tutte le parti del corpo portandovi la consapevolezza una parte dopo l'altra.
Lo yoga nidra mi rilassa profondamente e per rinforzarne gli effetti immagino di cadere con la testa all'indietro e di ruotare lentamente fuori dal letto come mi hanno consigliato qui sul forum.
Mi sembra di sentire una specie di fischio o rombo nelle orecchie. Poi iniziano le immagini ipnagogiche. Mi sento un pò emozionato e allora le lascio venire senza forzare nessun risultato ma ricordandomi che sto sognando. Provo a pregustare anche l'euforia e la gioia di un sogno lucido anche se ancora non succede niente.
Dopo un pò vorrei girarmi su un fianco ed addormentarmi perchè sono stanco e non riesco a lucidare, ma poi penso che non sto insistendo abbastanza, che il sogno lucido è un esperienza troppo bella per non insistere ed impegnarsi a fondo e allora resto nelle ipnagogiche che diventano sempre più vivide e variegate.
Tuttavia restano immagini in cui non riesco ad entrare, mi sento uno spettatore separato, io sono "fuori" e loro sono "dentro" :roll:
Quando se ne avvicina qualcuna e si mette a fuoco più delle altre provo a immaginare di toccarla, ma mi sembra di avere a che fare con tessuti fragilissimi che si dissolvono appena li tocchi. Credo di essere rimasto in questo stato per circa mezz'ora, probabilmente l'intervallo di tempo più lungo in assoluto in cui sono stato nelle ipnagogiche.
Ma poi decido di girarmi su un fianco e dormire. :sleep: Diamine va bene lo stesso così.
Mi addormento e sogno.
Sto camminando lungo una strada di un borgo medioevale, la strada è larga e costeggiata da edifici antichi in mattoncini marroni vecchi e consunti dal tempo.
E' sera e mentre cammino vengo affiancato da due o tre ragazzi di cui non capisco le intenzioni ma che mi spaventano un pò. Mi vogliono provocare e infastidire, vorrei andarmene in fretta e aumento il passo per arrivare in fondo alla strada.
Poi mi accorgo che sto iniziando a sollevarmi da terra e che sto sognando! : Yahooo : Mi sto alzando sopra la strada ma io so che sto dormendo, questo è un sogno lucido e io sto volando! E' tutto così assolutamente naturale e così pazzesco.. inverosimile ma reale a modo suo.
Fluttando nell'aria mi avvicino al muro per osservarlo meglio: è proprio il muro di una vecchia abitazione ma non è più in mattoncini scuri, anzi mi sembra fatto di piastrelle di colore beige. Decido che forse sia meglio atterrare anche perchè ho la sensazione che il sogno non sia molto stabile. Si sta facendo buio, sto scendendo ma sono inquieto, ho la sensazione di essere finito con i piedi in una pozza d'acqua poco profonda o in una fossa rettangolare non so.
Ho la sensazione di star per perdere l'equilibrio, ho paura di perdermi, non so dove mi trovo. Mi inizia a girare la testa. Ma dove sono finito? Cos'e' questo posto?
Sento che potrei restare ancora, il sogno non è finito! Ma ho paura... : Sad :

Mi sveglio....mannaggia! : WallBash :
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 114 volte
'Mi piace' ricevuti:: 74 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda cetaceon » 23/07/2014, 10:11

sogno dell' 11/7
tecnica: dild
Sono in una camera, potrebbe essere la mia camera solo che c'e' la televisione accesa e io non ho la televisione.
E' tutto buio e io mi alzo. Improvvisamente mi accorgo che sto sognando e che sono in piedi al buio ma la situazione mi risulta sgradevole, il buio è opprimente, mi voglio a tutti i costi svegliare e ci riesco.

sogno del 23/7
tecnica dild + galantamina + yoganidra
Mi sveglio verso le tre del mattino e resto sveglio a lungo, mi sento nervoso, potrebbe essere l'effetto della galantamina ma l'ho presa verso le 11 prima di andare a dormire e l'effetto potrebbe essersi già esaurito. Torno a letto dopo mezz'ora, ma non riesco ad addormentarmi perchè molti pensieri affollano la mente. Per calmarmi pratico lo yoga nidra e ripeto a lungo il mantra "faccio un sogno lucido" . Il corpo si rilassa profondamente, visualizzo molte ipnagogiche ma non tento la wild. Poi mi addormento e sogno.
Sono nel cortile di un palazzo, mi sembra la società in cui lavoravo anni fa. Vorrei entrare all'interno dell'edificio e allora mi infilo in un androne per cercare la porta di ingresso ma incrocio un mio ex capo e mi sento in imbarazzo perchè era un tipo che non mi piaceva .
Allora mi allontano ma finisco in un vicolo cieco, mi accorgo di trovarmi in una stanza senza uscite, totalmente chiusa e questa situazione mi sembra un'incongruenza perchè in quella stanza ci sono comunque entrato. L'esame critico della situazione mi fa sollevare ai limiti della lucidità ma non innesca ancora l'inizio del sogno lucido.
Lo scenario cambia e mi trovo in una stanza d'albergo, bianca, piuttosto spoglia, seduto su un divanetto davanti a una vecchia tv su cui scorrono le immagini di un film porno ed intanto ascolto la melodia abbastanza sgradevole di una canzone ripetitiva.
Mi rendo conto di essere addormentato e lucido senza la necessità di fare alcuna prova, ma questa consapevolezza invece di rendermi euforico e contento, mi spaventa : WallBash : . E' un posto che non mi suscita alcuna impressione gradevole o sgradevole, ma realizzo che non voglio trovarmi in un lucido, questo realismo mi opprime, mi sforzo in tutti i modi di svegliarmi e ci riesco. : Sad :

Appena sveglio mi rendo conto di aver perso una bella occasione, avrei potuto fare qualsiasi cosa, la scena era nitida, l'ambiente stabile e mi arrabbio con me stesso perchè sono voluto fuggire volontariamente da un lucido :!:
Che cosa mi sta succedendo :?:
Faccio una fatica boia per lucidare ma poi quando finalmente ci riesco scappo via. :shock:
E' la seconda volta in due settimane che spreco l'occasione di lucidare per il disagio suscitato dal contesto del sogno o dallo stato di lucidità in sè; non riesco a mettere a fuoco la situazione e i motivi : Blink :
Decido di tentare una deild.
Mi riaddormento e sogno di essere disteso sul letto nella cabina di una barca a vela. La cabina è trasparente e posso vedere qualcuno che da fuori sta cercando di prendere possesso del mio corpo.
Io però non mi spavento . Vedo un omone grosso che cerca di afferrarmi o di infiltrarsi nel mio corpo, mi sento al limite della lucidità, praticamente lucido , ma la situazione un pò spaventosa mi respinge e ritorno nel limbo di un sogno normale. :angry:
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 114 volte
'Mi piace' ricevuti:: 74 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda cetaceon » 21/09/2014, 9:54

sogno del 21/9
Un sogno dentro l'altro: primi esperimenti lucidi

Da circa due mesi non facevo lucidi pur leggendo quotidianamente i sogni degli altri sognatori, facendo ADA e trascrivendo tutti i giorni i miei sogni sul diario.
Poi l'altro giorno in chat parlando con Cenwyn e Dixit ho individuato il mio problema: ero caduto nella trappola della WILD :o :!:
Avevo trascurato la dild e mild per lasciarmi confondere dalle sirene ipnagogiche: il risultato :?: Niente lucidi :shock:
Nonostante tutti gli sforzi fatti.
Da un paio di giorni ho ripreso di buona lena la DILD prima di addormentarmi e l'esercizio di visualizzazione delle mani di Castaneda: mi sono parsi subito più spontanei e naturali da utilizzare.
Ieri ho letto alcuni capitoli di un libro sui sogni e ho riletto alcuni sogni del mio diario provando ad interpretarli e accorgendomi che dopo averli trascritti in genere li dimentico o li metto da parte mentre invece dovrei riprenderli ed apprezzarne maggiormente il contenuto .
Purtroppo spesso mi sembrano così strampalati che li lascio perdere quasi subito dopo averli scritti perchè mi sembra quasi impossibile tirarne fuori un significato. :oops:
La lettura di ieri ha avuto senz'altro un effetto importante sui sogni che ho poi avuto questa notte. : Smile :
Ieri sera prima di addormentarmi ho fatto una mezz'ora di meditazione di tao yoga sulla respirazione dei reni e mezz'ora di meditazione sul respiro. Poi sono andato a letto facendo una DILD ma senza eccessiva tensione o desiderio di riuscire a tutti i costi.
Verso le 4 del mattino mi sono svegliato e ho trascritto due sogni a contenuto catastrofico che ho riportato in un altro topic per chiedervi un parere: il loro contenuto inquietante mi ha tenuto nel dormiveglia nel tentativo di interpretarli con un gioco di libere associazioni.
Poi ho provato una dild e ho visualizzato un pò di immagini ipnagogiche,mi sono addormentato e ho fatto questo sogno:

Sogno di essere a casa di D., un terapista verso cui provo un grande affetto e con cui ho fatto diversi seminari di meditazione: siamo in salotto e stiamo lavorando sulla interpretazione dei sogni che io e altri partecipanti abbiamo fatto stanotte. D. commenta insieme alla sua amica il contenuto dei sogni. Purtroppo non ricordo cosa mi abbia detto a parte il fatto che stava spiegando ad un ragazzo che in sogno si possono registrare le melodie di musiche.
Dopo un pò vado a letto, mi addormento e sogno ( un sogno dentro l'altro).
Mi accorgo che sto sognando mentre sono in un prato e tocco delicatamente le foglie di un albero: non faccio nessun test perchè so di sognare.
Sono cosi felice di essere in un sogno lucido che mi metto a piangere dalla gioia ma ho il timore che l' emozione possa dissolvere il sogno. : Yahooo :
Allora decollo e mi lancio sopra il prato e poi mi lancio in un dirupo e provo la meravigliosa sensazione di volare e nel contempo le vertigini di buttarmi a pesce cadendo in una vallata senza farmi nulla di male.
Mentre scendo per sperimentare le nuove sensazioni mi lascio cadere su una specie di pensilina metallica su cui piombo abbastanza pesantemente da sentire l' urto e anche un pò di dolore. Poi mi precipito di nuovo nella casa di D e svolazzo da una camera all' altra. In una stanza incontro due PO e provo a fare a pugni con loro.
Ad uno infilo la mano in bocca con l' intenzione di spaccargliela o deformargliela ma non ci riesco. Mi rendo conto che devo essere più convinto di quello che voglio fare. Siccome le sensazioni sono molto reali non riesco a credere di poter fare a pezzi la faccia di un tizio a cui ho messo due dita in bocca. : Surprice :
I due PO sono un po inerti e come in attesa della mia prossima mossa.
Allora mi stufo e vado nell' altra stanza dove ci sono due donne. Io volteggio nella stanza e chiedo alla tipa più vecchia che sta seduta nel letto se mi vede o se crede che io sia un fantasma.
Lei mi vede e mi parla normalmente chiedendomi cosa stia facendo li. Sono stupito del fatto che il sogno sia cosi lungo. Talvolta la lucidità è altalenante e allora io mi strofino le mani e inizio a leccare gli infissi della porta per recuperare lucidità. Gli infissi di legno hanno sapore neutro e sembrano assolutamente reali.
Poi mi ritrovo in un' altra stanza e adocchio una ragazza bionda. "Ti voglio baciare" le dico, voglio sperimentare la cosa.
Lei mi guarda ed è un po incerta ma non se ne va, anche se mostra una certa timidezza.
Inizio a baciarla e ad abbassarle i pantaloni mentre siamo ancora in piedi. Le mie mani scivolano sulle sue natiche ben sode, le abbasso gli slip, e mi stupisco del realismo delle sensazioni mentre avverto la contrazione dei muscoli del suo sedere sotto le dita mie dita. :wyn:
Improvvisamente lo scenario sparisce e mi ritrovo immerso in una nebbia bianca.
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 114 volte
'Mi piace' ricevuti:: 74 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda cetaceon » 22/03/2015, 17:09

Sono molto stanco e approfitto della domenica pomeriggio per fare un sonnellino perché ho parecchi arretrati di sonno. Prima di addormentarmi mi metto a leggere "Avventure fuori dal corpo" di William Buhlman, vari diari del forum ed infine il diario dei sogni lucidi di Olrac in cui vengono spesso narrate esperienze di OBE. Il sonno tarda a venire ma progressivamente mi accorgo che il mio corpo è profondamente rilassato e "paralizzato" nel senso che che pur essendo vigile non riesco a muovermi. Sento chiaramente le chiacchiere di G e G nell'altra stanza. Stanno per uscire. Io decido di provare una tecnica di obe.
E' una sensazione strana, mi sento addormentato ma sono vigile perché sento tutti i suoni e mi rendo conto che il corpo in qualche misura dorme benché io ne sia consapevole.
Ripenso alle letture di poco prima e provo ad alzare il braccio sinistro che mi sembra molto leggero. Mi pare che si sollevi dal letto benché abbia la simultanea sensazione che sia invece anche appoggiato alle lenzuola. Ho un pò di paura. Sono certamente suggestionato dalla lettura di Buhlman e Orlac, ma decido comunque di approfondire questa esperienza.
Vorrei sollevarmi dal letto e sento improvvisamente una vibrazione intensa ma non sgradevole che mi attraversa il corpo e l'impressione piuttosto realistica di sollevarmi dal letto, cioè di scivolare verticalmente sopra il letto benchè non stia usando la muscolatura corporea. Infatti ho la sensazione di essere sia nel letto che "fuori" dal letto.
Le chiacchiere nell'altra stanza non mi disturbano, anzi mi rassicurano perché questa forma di "allucinazione" mi appare piuttosto realistica e inquietante.
Sono di nuovo "nel corpo" o quanto meno ho la sensazione che una parte di me "più leggera" sia rientrata nel corpo. Poi però provo a svegliarmi ma non riesco a muovermi perché evidentemente sono in uno stato di paralisi onirica di cui ho letto spesso la descrizione nei diari sul forum. Provo allora ancora una volta a sollevarmi e di nuovo percepisco una vibrazione, una specie di brivido ed un suono basso che dura qualche istante.
Mi sembra di essere leggero come una foglia, senza peso, e mi trovo a scivolare lateralmente fuori dal letto. In qualche modo cado o scendo nell'angolo della stanza dietro al comodino di fianco al letto. Ancora ho la sensazione curiosa di essere simultaneamente nel letto e fuori dal letto. Non vedo nulla ma percepisco o immagino di percepire lo spazio ovviamente in base alla memoria ben precisa che ho della stanza in cui dormo. La sensazione di essere molto leggero è gradevole ma dura pochi istanti. Ho paura, "rientro" di nuovo "nel corpo" e poi con un grande sforzo riprendo a muovere gli arti ed il controllo del corpo addormentato.
Mi sveglio e mi sento riposato benchè in effetti non mi sia addormentato affatto perché non mi è parso di essere mai scivolato nell'incoscienza o in un sogno di qualunque tipo.
E' questa sensazione di "presenza a cio che accade" che alimenta l'impressione di avere avuto un'OBE. L'inconscio genera forse una illusione di realismo che non è cosi' dissimile da quella di un falso risveglio. Credo di essere sveglio e di volare "fuori" mentre in realtà sto sognando di essere sveglio e di essere uscito "dal corpo" in base alle suggestioni derivanti dalle letture fatte prima di addormentarmi.. Comunque non voglio esprimere giudizi ma faccio solo supposizioni sull'esperienza avuta che è stata delicata e piacevole. : greeting :
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 114 volte
'Mi piace' ricevuti:: 74 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda Cenwyn » 01/04/2015, 0:55

Davvero interessante @Cetaceon, sembra l'inizio di uno dei miei tanti lucidi, ma tu ti sei fermato prima... perchè?! Sii più coraggioso la prossima volta!!
La vita è scoprire quello che accade dopo il presente, un po' per volta

Immagine
Avatar utente
Cenwyn
 
Messaggi: 2591
Iscritto il: 29/03/2010, 9:19
Località: Padova
Ha  fatto 'Mi piace': 638 volte
'Mi piace' ricevuti:: 670 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda cetaceon » 01/04/2015, 8:49

grazie dell'incoraggiamento Cenwyn: in effetti ero un pò spaventato. :?
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 114 volte
'Mi piace' ricevuti:: 74 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda Lucky144 » 01/04/2015, 9:14

Ecco in genere dopo essere scivolato fuori dal letto mi lancio dalla finestra e volo.
Stato attività:
Spoiler:
Stato: In sperimentazione.
Obbiettivo: Indurre sogni lucidi tutte le notti.

Diario dei sogni lucidi

Gioia
Riconoscenza
Gioco...


Dovresti pensare che dove ora sei tu io ci sono già stato, tu invece qui non ci sei ancora arrivato.........
Cerchi un programma per tenere traccia dei tuoi sogni ?...http://www.sognilucidi.it/forum/viewtopic.php?f=4&t=4528
Avatar utente
Lucky144
 
Messaggi: 1756
Iscritto il: 19/12/2011, 18:09
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda cetaceon » 05/05/2015, 18:40

Sto leggendo molti diari, ma spesso per pigrizia mi lascio addormentare ripetendo solo un paio di volte che voglio lucidare. Questa notte però prima di dormire ho fatto circa una decina di minuti di DILD ripetendomi che volevo essere consapevole di stare sognando in sogno.

Sono a casa con due miei vecchi compagni di università. Dobbiamo fare un esame ci stiamo preparando insieme ma loro non mi dicono molto sulla loro preparazione e io protesto dicendo che stiamo insieme proprio per studiare. Allora mi danno indicazioni su un esame misterioso che dicono essere molto importante e di cui non avevo mai sentito parlare e di cui non trovo niente neppure su internet.
Mi rendo conto in qualche modo che sto dormendo e decido di sperimentare l'effetto del volo lasciandomi cadere all'indietro pensando di decollare e sperimento la sensazione realistica di sollevarmi e di volare con la schiena rivolta in basso come nuotando sul dorso. Sento l'aria fresca ed intravvedo sotto di me un paesaggio di boschi non riesco mai però ad entrare in uno stato di lucidità completa, in cui sono pienamente conscio del mio stato e controllore della situazione. So che sto dormendo, ma la consapevolezza resta parziale. : Sailor :
Poi il sogno torna normale.
Ultima modifica di cetaceon il 05/05/2015, 19:38, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 114 volte
'Mi piace' ricevuti:: 74 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda PK2 » 05/05/2015, 18:54

Ma santa pazienza!... Stabilizzare no?... :x Ci credo che la lucidità era bassa
« Gli invisibili unicorni rosa sono esseri dotati di grande potere spirituale. Questo lo sappiamo perché sono capaci di essere invisibili e rosa allo stesso tempo. Come tutte le religioni, la fede negli invisibili unicorni rosa è basata sia sulla logica che sulla fede. Crediamo per fede che siano rosa; per logica sappiamo che sono invisibili, perché non possiamo vederli. »

Sogni lucidi lucidosi
Avatar utente
PK2
 
Messaggi: 1340
Iscritto il: 15/09/2012, 9:11
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 384 volte

Re: Diario dei sogni lucidi di cetaceon

Messaggioda cetaceon » 05/05/2015, 19:37

mannaggia! non ci ho proprio pensato :oops: grazie Pk2 me lo metto come task per il prossimo sogno : STABILIZZARE : Thumbup :
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 114 volte
'Mi piace' ricevuti:: 74 volte

Prossimo

Torna a Diario dei Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti