Indice Il Mondo Onirico Diario dei sogni comuni > Diario Onirico di una Sognatrice Entusiasta

Sogni o incubi, unici o ricorrenti. Sogni particolarmente emotivi o bizzarri che volete condividere e su cui volete sentire commenti e associazioni degli altri utenti.

Diario Onirico di una Sognatrice Entusiasta

Messaggioda Umiko » 03/11/2017, 21:13

Diario Onirico di una Sognatrice Entusiasta

By Umiko

Buongiorno a tutt*! : WohoW :
Dopo aver (finalmente!) inaugurato il mio fantastico Diario dei Sogni Lucidi, ho deciso che era giusto creare uno spazio da dedicare anche a quelli di tipo comune. Come accennato nella mia presentazione, sono sempre stata una sognatrice accanita e non solo di notte. Amo tantissimo fantasticare e adoro sognare.
Quindi, bando a quisquilie e pinzillacchere e diamoci dentro!
: Yahooo : Buona lettura! : Yahooo :


PREMESSA:
tutti i sogni che pubblicherò in questa sezione saranno provvisti di:
-Titolo, lo stesso che hanno sul diario onirico che tengo tramite app sul mio cellulare;
-Data, quella di registrazione sull'app del cellulare e quindi, solitamente e salvo diversa indicazione, quella del mattino successivo;
-Indicazione del Luogo dove ho dormito e sognato;
-Ulteriori Specifiche, se necessarie.
Avatar utente
Umiko
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 12/07/2017, 10:28
Ha  fatto 'Mi piace': 18 volte
'Mi piace' ricevuti:: 5 volte

Re: Diario Onirico di una Sognatrice Entusiasta

Messaggioda Umiko » 03/11/2017, 22:57

Altari Demoniaci, Crocifissi e Mariti Indiani

Sogno del 23/6/2017, Casa

E' iniziato in un "luogo ricorrente" che sognavo spesso qualche anno fa. Mi trovavo in un bellissimo paesino arroccato su una montagna, nell'entroterra ligure, in una giornata leggermente nuvolosa e ventosa ma senza essere fredda. Quella volta, la terra cominciò a tremare sempre più forte, fino ad aprirsi con spettacolari zampilli di lava e getti di fumo nero. Presto il cielo fu completamente oscurato, striato solamente dalla luce instabile e pericolosa di lampi giganteschi, e l'aria divenne calda, quasi irrespirabile. Inutile dire che cominciai a correre a perdifiato verso la montagna accanto, sulla cui cima vedevo in lontananza la Basilica di Superga (che in realtà si trova sulla collina torinese, in Piemonte) e dove sapevo sarei stata al sicuro.

Dopo alcuni minuti mi ritrovai in una radura bruciata, al cui centro si ergeva un antico altare di pietra grezza. Su di esso si trovava un bacile di pietra scolpito, contenente una notevole quantità di incandescente oro fuso. Era bellissimo, così decisi di avvicinarmi per curiosare un po', pensando che in fondo sarebbe stato improbabile avere nuovamente l'occasione di osservare in totale libertà il comportamento fisico dell'oro fuso, in futuro. Non saprei dire quanto tempo rimasi ad osservare affascinata il prezioso metallo sobbollire piano ma infine un'esplosione poco lontano mi riportò alla realtà, ricordandomi di essere in fuga. Allora afferrai un bastoncino e ne intinsi la punta nel bacile, in modo da poterne portare un po' con me ed osservarlo meglio nel suo processo di solidificazione. Ripresi a correre in direzione della montagna ma dopo pochi metri provai una potentissima sensazione di pericolo che nulla aveva a che vedere con il cataclisma che si stava scatenando attorno a me.

Mi bloccai al confine della radura e osservando il bastoncino ricoperto d'oro capii che se lo avessi portato con me sarei stata per sempre maledetta dal demonio. Tornata velocemente all'altare, gettai il bastone dentro il bacile di pietra, dove a contatto con l'oro fuso prese fuoco, poi mi voltai e ripresi a correre in direzione della Basilica, ben più velocemente di come ero arrivata. Correndo ebbi la sensazione di essere inseguita da qualcosa che non potevo vedere e la cosa mi riempì di angoscia al punto di spingermi quasi alle lacrime. Quando credevo che sarei stata presa, arrivai ad un bivio, al cui centro si ergeva, luminoso contro il cielo nero, un bellissimo crocifisso di ferro battuto, come quelli che si possono trovare sulla cima delle montagne. Tutto intorno le tenebre sembravano arretrare come fantasmi alla luce del sole. Credo si trattasse di una tappa della Via Crucis ma non saprei assolutamente dire quale. Ho preso il sentiero di destra ed ho continuato a correre, sapendo che ormai nulla avrebbe potuto farmi del male (a parte le eruzioni che continuavano tutto attorno, s'intende : Mr green : ).

Dopodiché il sogno è cambiato completamente: ero Julia Roberts (solo fisicamente) e mi trovavo in India, dove vivevo nella casa dei genitori di mio marito (nota: non sono sposata ma convivo da più di un anno. L'uomo del sogno, però, non è il mio ragazzo). Avevamo un figlio piccolissimo, di pochi mesi, e bello come non ne avevo mai visti. Tuttavia odiavo la situazione: sentivo che non era il mio posto. In alcuni momenti mi sono sentita come se stessi vivendo la vita di qualcun altro, una vita molto infelice. Nemmeno la persona destinata ad essa doveva esserne felice. E' stato molto strano, un po' agivo ed un po' vivevo il "racconto". Poi presi il bambino e fuggii, ritrovandomi a Londra. Non che mio marito non mi amasse ma non mi considerava sua pari e non potevo tollerarlo. Poi mi sono svegliata.

NOTA: no, non sono una fanatica religiosa, anzi. Nonostante sia credente, all'epoca del sogno avevo un rapporto più conflittuale del solito con il concetto di divinità, a causa di una padellata di cavoli miei legati a brutte cose successe ad una persona a me molto cara in quel periodo.
Avatar utente
Umiko
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 12/07/2017, 10:28
Ha  fatto 'Mi piace': 18 volte
'Mi piace' ricevuti:: 5 volte

Re: Diario Onirico di una Sognatrice Entusiasta

Messaggioda Umiko » 03/11/2017, 23:22

Il Team Rocket Sogna alla Velocità della Luce!

Sogno del 5/7/2017, Casa
Nota: questo è il primo sogno che ho fatto dopo aver iniziato la lettura de "L'Avventura del Sogno Lucido" di Charlie Morley, un manuale per principianti prestatomi da un'amica (ciao Amelia! : greeting : ) e cominciato proprio quella sera. Per chi non lo sapesse, il Team Rocket è la banda di cattivi che appare nell'anime (leggi: cartone animato giapponese) di "Pokémon". Se non li conoscete fatevi un giro su youtube perché fanno scassare dalle risate! : Love : In quel periodo stavo riguardando la prima stagione del suddetto anime su Netflix.

Ho sognato Jesse e James del Team Rocket che si allenano con il sogno lucido "scannerizzando" con un raggio bianco, da una delle loro strambe invenzioni, una bellissima mela rossa. La scena è iniziata con la recitazione del loro classico motto da "super" cattivi: "Proteggeremo il mondo dalla devastazione! Uniremo tutti i popoli nella nostra Nazione. Denunceremo gli inganni di Amore e Verità! Conserveremo il nostro potere per l'eternità. Jesse... e James! Il Team Rocket viaggia alla velocità della luce! Arrendetevi ora o... non avrete scampo!". Dopodiché hanno cominciato a spiegare il funzionamento del loro magnifico macchinario e discusso con la loro caratteristica flemma dei vantaggi che il sogno lucido avrebbe portato loro nella cattura dei pokémon.

Amo molto questo sogno, lo ricordo alla perfezione e tutte le volte che ci ripenso mi fa sganasciar dal ridere! La scena si è svolta esattamente come se fosse una vera puntata della serie, con tanto di retinature a pois sullo sfondo della mela che viene "scannerizzata". Davvero perfetto!
Avatar utente
Umiko
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 12/07/2017, 10:28
Ha  fatto 'Mi piace': 18 volte
'Mi piace' ricevuti:: 5 volte


Torna a Diario dei sogni comuni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite