Indice Il Mondo Onirico Diario dei sogni comuni > Diario di jaki

Sogni o incubi, unici o ricorrenti. Sogni particolarmente emotivi o bizzarri che volete condividere e su cui volete sentire commenti e associazioni degli altri utenti.

Re: Diario di jaki

Messaggioda jaki11 » 04/10/2011, 22:50

Stasera non ho fatto scattare la musica. Per fortuna comincio a svegliarmi regolarmente. Però succedono cose strane, quando sono nel sogno ho una lieve consapevolezza di essere appunto nel sogno, ma non mi turba + di tanto, e questo succede da molto. Inoltre nel sogno mi sono detto oggi "Ecco senti questa sensazione, ti stai per svegliare" e di fatto mi sono svegliato. Non è finita li, quando sono sveglio mi "sembra" di essere appunto troppo sveglio per tentare la WILD, per questo non faccio nessun tentativo, nonostante dopo 5 secondi cada con la testa sul cuscino. Fossero tutti falsi risvegli?
I'm in a lucid DREAM
Immagine
Avatar utente
jaki11
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 09/01/2011, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 4 volte

Re: Diario di jaki

Messaggioda dixit » 05/10/2011, 5:20

O microrisvegli!
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4490
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 118 volte
'Mi piace' ricevuti:: 601 volte

Re: Diario di jaki

Messaggioda jaki11 » 10/10/2011, 20:49

Sarà da almeno una settimana che mi accorgo che sto sognando e non reagisco : WallBash :
Il mio problema è che vorrei scrivere i sogni ma appena mi sveglio devo andare a scuola e ricordarmeli per tutta la mattina diventa davvero difficile, poi ne faccio sempre 2 o 3 quindi ancora + difficile.

Domenica 9 ottobre 2011, ore 23:45
Sono con mio fratello e un mio amico, che chiameremo M. Siamo sotto ad un arco di marmo. Davanti a noi un grande parco assolato e circondato da delle mura, sotto le mura dei corridoi di portici. Vedo davanti a noi un ragazzo che ha fatto parkour con me, e capisco che siamo a Milano (questo ragazzo abita a Milano, io no). Ci accompagna all'interno del cortile. Prima era completamente vuoto, adesso si era riempito di gente che leggeva libri, che passeggiava o che dormiva sdraiata sull'erba. Era una bella giornata. Nel lato sinistro di questo cortile era presente una coda di persone. Il ragazzo di milano ci spiega che per iscriversi (?) bisognava andare in quella fila, ci saluta e se ne va. Noi tre ci avviamo verso la coda. Mentre camminiamo, cominciamo una discussione accesa sui sogni e sui sogni lucidi in particolare, MA NON MI VENISSE IN MENTE DI FARE UN TEST DI REALTA'?!? M. continua il discorso dicendo che recentemente era riuscito addirittura a trasformarsi. Questo mio amico nella realtà non conosce l'esistenza dei sogni lucidi, e non penso neanche che gli interesserebbe, tutti i miei amici sono fatti così : Sad : . E' un peccato perchè non sanno quel che si perdono, e vorrei anche fargli provare un solo minuto di lucidità, facciamo due, uno per rendersi conti che si è in un sogno e accettare questo fatto e un'altro per fargli capire che (scusate i termini) figata è sognare lucido. Comunque... non faccio il test di realtà, ci mettiamo in coda e il sogno finisce li...
I'm in a lucid DREAM
Immagine
Avatar utente
jaki11
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 09/01/2011, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 4 volte

Re: Diario di jaki

Messaggioda jaki11 » 12/10/2011, 17:22

Come promesso, altri sogni normali, altre DUE possibilità di lucidare in una notte, e tutte e due SPRECATE! Ormai è un classico... tre sogni.

Martedì 11 ottobre 2011, ore 00:10 circa
1- Sono al mare, sul lungomare per la verità, incomincio a camminare finchè non raggiungo il mio bagno. Li ci trovo dei miei amici, e gli chiedo dove fosse mio fratello. Loro dicono che non lo sanno, mi siedo un attimo con loro, ma poi decido di tornare a casa. E' incredibile il cambiamento di luce, dal mare alla casa dei miei nonni (è li che passiamo buona parte dell'estate) ci saranno a dire tanto 300m, e casa mia era completamente al buio, come se fosse già notte. Mi giro e guardo il mare in lontananza e ovviamente la c'è un sole splendente, e qui il buio totale. Una oscurità innaturale, direi... . Sono davanti a casa, mi giro e vedo una persona che mi punta una pistola. L'oscurità non mi rende possibile l'identificazione di quella persona, ma non sono agitato. Quella persona preme il grilletto e si sente un rumore plastico. Era una pistola finta. Mi giro ed ecco un'altra persona con un'altra pistola finta. Mi state prendendo in giro?? Ed ecco una terza persona con un'altra pistola, spara anche lui e un proiettile mi sfiora la gamba :shock: . Corro dietro un albero. Mi sporgo per localizzare questa terza persona e vedo una sagoma a qualche metro da me. Una mano mi tocca la spalla :shock: . E' mio papà, mi dice di tornare in spiaggia, che qua ci pensa lui. Eseguo gli ordini e mi allontano velocemente. Man mano che percorro quei 300m ritorna sempre di più la luce. Questa luce mi da molta energia e corro ancora più veloce, una corsa fluida. Sentivo il corpo libero, e ad ogni passo acceleravo sempre di più, finché non mi viene un dubbio: "Pensa se fossi in un sogno!". Mi fermo. Provo a fare quella spinta con le braccia che ho descritto nei miei lucidi ma non accade niente, non ero convinto. Continua il sogno normalmente.

2-Sono in montagna con la mia famiglia. Stiamo percorrendo un sentiero. Io scivolo giù e cado su un sentiero sottostante. La caduta non mi ha fatto male, ma tutto ciò mi pare del tutto normale. Mi alzo e guardo il sentiero più in alto. Ci sono i miei genitori e mio fratello che mi guardano. Saranno stati 7 o 8 metri più in alto. Per fortuna mi ricordo che poco prima c'era una stradina che collegava questi due sentieri. Prima però mi fermo a guardare il luogo. Oltre ai classici abeti, c'erano degli alberi piccolini. Dei mini abeti con delle ghiande qua e la. Il sole faceva brillare l'erba, era tutto molto magico. Per qualche ragione elaboro il ragionamento "Molto probabilmente se uno si addormenta vicino a questi piccoli alberelli sognerà lucido" : WallBash : . Questo ragionamento si interrompe quando davanti a me compare una vespa. Non era una vespa normale. Era più grossa, e aveva mooolte più antenne che gli pendevano qua e la. La cosa mi sembra strana e cerco di allontanarmi, ma inciampo in una radice. Finisco con la faccia al suolo, vicino a dei sassi e delle buche nel terreno "Saranno piene di serpenti!!" , cerco di rialzarmi ma non riesco a stare in piedi e continuo a cadere.

3-Sono nella palestra dove faccio basket. Sono seduto nel campo ed attorno a me ci sono alcuni miei compagni di squadra. Ci stavamo facendo 4 risate quando arriva il coach che ci dice che dobbiamo spostarci dal campo. Andiamo in tribuna. E dallo spogliatoio escono dei ragazzini + piccoli. Probabilmente dovevano fare allenamento loro. Io e i miei amici continuiamo a parlare, ma la coach che allenava i bambini continua a richiamarci perchè dice che facciamo troppo rumore. Io scocciato appoggio il braccio su una bottiglietta di plastica chiusa col tappo ma vuota che era li di fianco. Appena lo appoggio parte il tappo e va a finire dall'altra parte della tribuna dove c'era mia madre. Faccio finta di niente e mi metto a parlare piano con un mio amico li di fianco a me. E' anche un mio compagno di scuola ed oggi entravamo due ore dopo. Gli chiedo se fosse andato a scuola prima visto che avevamo un riunione (Unico giorno in cui entriamo dopo e abbiamo una riunione ). Lui mi risponde di si, e mi stupisce perchè io come tutti gli altri eravamo rimasti a casa. Quella stessa mattina infatti lui era l'unico ad esserci andato!
I'm in a lucid DREAM
Immagine
Avatar utente
jaki11
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 09/01/2011, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 4 volte

Re: Diario di jaki

Messaggioda jaki11 » 12/11/2017, 12:59

Un po' è emozionante tornare a scrivere dopo tanto tempo. L'ultima volta era il 2011, proprio quando cominciai a fare sogni lucidi abitualmente. Ed eccomi 6 anni dopo, tornare in campo per battermi per la mia libertà di azione nei miei sogni..
In sei anni ho perso le buone abitudini che avevo come i rc, la scrittura dei sogni, ecc... Quindi si riparte da zero, spero di riuscire a scrivere i sogni in maniera costante ogni giorno anche se avendo perso l'abitudine di scriverli si sono fatti molto più difficili da ricordare... partiamo subito:

Domenica 12 Novembre
Vado a letto alle ore 2:30 di notte circa
Ero in una città medievale che sembrava tipo Lucca. Giravo per il centro della città assieme a qualcuno, forse mio fratello. Passo davanti all'entrata di un castello sul quale erano state appese quelle gabbie dove venivano rinchiusi i prigionieri nel medioevo, affinchè tutti li vedessero.
*Qualcosa di cui non mi ricordo nulla*
Sempre nella stessa città. Sono stato appena liberato da un uomo che mi aveva tenuto in ostaggio, era sicuramente un terrorista. Si era diffusa la voce che in città c'era una altissima possibilità di attentato e tutti erano in guardia. Sto passeggiando vicino ad un bar, in mano ho un pacchetto bianco che sembrava proprio una bomba, decido di lanciarlo vicino al bar per vedere la reazione delle persone. Ovviamente c'è chi scappa, chi urla, chi piange, ma c'è soprattutto uno chi tira fuori una pistola e comincia a sparare. Un proiettile colpisce in pieno un uomo di circa 40 anni che avevo davanti, facendolo cadere a peso morto sull'asfalto. Mi proteggo dietro un'auto per evitare che un proiettile volante mi colpisca e attendo lì che il pistolero smetta di sparare.


Altro sogno, un po' sfuocato:
Sono a casa mia. Mi dicono che nella casa accanto alla nostra si sono trasferite delle nuove persone, tra cui una ragazza molto bella. Entro in casa loro, mi dirigo verso una mensola e prendo un gioco da tavolo che era appoggiato lì. La ragazza mi guarda un po' stranita, mi giro e dico:
"Buona notte" prima di andarmene dalla porta. Poi torno frettolosamente dentro la loro casa e dico "Non è che vi serve il gioco?" e la ragazza "Sì, effettivamente ci giochiamo spesso", deluso, le cedo indietro il gioco.
I'm in a lucid DREAM
Immagine
Avatar utente
jaki11
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 09/01/2011, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 4 volte

Re: Diario di jaki

Messaggioda dixit » 12/11/2017, 13:21

Bentornato! : WohoW :
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4490
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 118 volte
'Mi piace' ricevuti:: 601 volte

Re: Diario di jaki

Messaggioda jaki11 » 14/11/2017, 16:01

Ti ringrazio dixit! : Chessygrin :

13 novembre 2017
Ero in un parcheggio con mio fratello e qualche amico di università. Era una zona di industrie e uffici e il cielo era grigio. Eravamo seduti sulle classiche sedie di plastica da giardino a chiacchierarcela. Attorno a noi c'era della polizia che sorvegliava la zona, adesso non mi ricordo il motivo però c'era una valida ragione per il quale era li. Avevano anche l'unità cinofila. Una agente di colore con qualche chilo in più viene verso di noi e ci fa alzare dalle sedie, dicendo che dobbiamo spostarci. Irritati, ce ne andiamo.
Mi ritrovo in un supermercato. Assieme a me ora c'è solo un mio amico, siamo lì perché dobbiamo fare la spesa. Ad un certo momento vedo su uno scaffale una cosa molto particolare. Vendevano i boccioni d'acqua (in italia se ne vedono pochi, ma ad esempio in spagna sono molto utilizzati, da 7-8 litri) solo che erano in formato maxi, da 100-150 kg. Vi lascio immaginare quanto fossero grandi questi boccioni, tant'è che per motivi strutturali erano composti di plastica ma attorno avevano delle guide in metallo rosso. Erano questi cilindroni alti quanto una persona di media statura e con un diametro di 60/70 cm. Una donna che stava facendo la spesa lo solleva senza particolare fatica e lo mette nel carrello.
Alla vista di quei boccioni, mi giro verso il mio amico e dico "Quella è la quantità d'acqua che bevo quando torno a casa da una festa dove ho alzato un po' il gomito" poi aggiungo un'altra battuta e anche due ragazzi dietro di noi si mettono a ridere.
I'm in a lucid DREAM
Immagine
Avatar utente
jaki11
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 09/01/2011, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 4 volte

Re: Diario di jaki

Messaggioda jaki11 » 17/11/2017, 1:53

16 novembre 2017
Sono nel cortile della mia università. Non era proprio identico, però per il mio subconscio era normale.
Assieme a me ci sono amici e amiche e stiamo parlando. Siamo seduti sotto delle colonne romane che circondano un cortile cementato interno.
Volevamo andare a vedere una partita di basket universitario che ci sarebbe stata. I miei amici mi danno i loro badge universitari e mi dicono che dovevo andarli a "convertire" da badge di medicina a badge di ingegneria, un requisito necessario per entrare nel palazzetto a vedere la partita.
Entriamo giusto in tempo per vedere il riscaldamento delle due squadre. Inizia la partita vera e propria.
Dopo un po' che giocano mi sale la nostalgia della palla a spicchi (abbandonata 3 anni fa per impegni universitari) e dico ai miei amici
"Avrei proprio voglia di scendere in campo".
Come non detto, mi ritrovo in campo assieme ai miei ex compagni. Stiamo sostituendo una delle due squadre che prima si stavano fronteggiando.
Azione nostra. Sulla riga dei tre punti, durante un passaggio, un avversario intercetta il pallone e corre in contropiede. In qualche modo lo recupero e faccio una stoppata bella potente.
Subito dopo questo gesto, noto che il colore della mia divisa era lo stesso degli avversari, quindi decido di togliermi la divisa per girarmela. Il coach, vedendomi togliere la canottiera, si prende malissimo con me perché pensava fosse un gesto da esibizionista per la stoppata appena fatta
I'm in a lucid DREAM
Immagine
Avatar utente
jaki11
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 09/01/2011, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 4 volte

Precedente

Torna a Diario dei sogni comuni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite