Indice Off Topic Riflessioni > Dio, l'universo e tutto il resto...

Discussioni, aforismi e pensieri di ordine culturale. Speculazioni filosofiche astratte, psicologia, antropologia, sociologia, arte, scienza, cultura e società...

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Dreyeam » 15/05/2014, 23:22

piadinas ha scritto:Discussione interessantissima, domani se trovo un po' di cervello scrivo anche il il mio pensiero a riguardo!


Ti aspetto! : Thumbup : E aggiungo che possiamo anche parlare di altri argomenti connessi, sapete quel "tutto il resto".
It's just a ride
Avatar utente
Dreyeam
 
Messaggi: 726
Iscritto il: 09/11/2013, 2:17
Ha  fatto 'Mi piace': 675 volte
'Mi piace' ricevuti:: 164 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Filippo » 16/05/2014, 20:33

La butto li. Il nostro patrimonio genetico è uguale al 98% a quello degli scimpanzè. Credete che discendiamo dalle scimmie? Insomma la teoria dell'evoluzione è una certezza, ma riflettendoci perchè utilizziamo il 10% del cervello? Perchè non utilizziamo tutte le nostre capacità? L'evoluzione prevede che quando qualcosa non serve o non la si usa la si mette da parte. Ok ancora non comprendiamo tutti i meccanismi del cervello e forse mai ci riusciremo... Però sembra che possiamo fare molto di più di ciò che facciamo o abbiamo fatto. Perchè la natura avrebbe creato queste capacità se non siamo in grado usarle appieno? Che dite? Magari ci siamo involuti. Magari siamo un'esperimento di qualche forma di vita extraterrestre. Magari ci ha davvero creato Dio... Allora, sono aperte le scommesse. Chi siamo o cosa siamo realmente? Da dove veniamo? Vedo cosa ne pensate e poi dico la mia :D
L'infinito è nel presente di ogni singolo istante
Diario dei Lucidi di Filippo - viewtopic.php?f=10&t=7194
Spoiler:
OH CAVOLO MA E' UN SOGNO?
Avatar utente
Filippo
 
Messaggi: 505
Iscritto il: 24/03/2013, 12:22
Località: L'Aquila
Ha  fatto 'Mi piace': 79 volte
'Mi piace' ricevuti:: 251 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Dreyeam » 16/05/2014, 23:54

Filippo ha scritto:La butto li. Il nostro patrimonio genetico è uguale al 98% a quello degli scimpanzè. Credete che discendiamo dalle scimmie? Insomma la teoria dell'evoluzione è una certezza, ma riflettendoci perchè utilizziamo il 10% del cervello? Perchè non utilizziamo tutte le nostre capacità? L'evoluzione prevede che quando qualcosa non serve o non la si usa la si mette da parte. Ok ancora non comprendiamo tutti i meccanismi del cervello e forse mai ci riusciremo... Però sembra che possiamo fare molto di più di ciò che facciamo o abbiamo fatto. Perchè la natura avrebbe creato queste capacità se non siamo in grado usarle appieno? Che dite? Magari ci siamo involuti. Magari siamo un'esperimento di qualche forma di vita extraterrestre. Magari ci ha davvero creato Dio... Allora, sono aperte le scommesse. Chi siamo o cosa siamo realmente? Da dove veniamo? Vedo cosa ne pensate e poi dico la mia :D


Scusa per la brutta notizia, ma quella del 10% è malainformazione. In realtà è risaputo che noi utiliziamo tutto il nostro cervello e non solo il 10%. Se fai una ricerca troverai diverse informazioni. : Chessygrin :
It's just a ride
Avatar utente
Dreyeam
 
Messaggi: 726
Iscritto il: 09/11/2013, 2:17
Ha  fatto 'Mi piace': 675 volte
'Mi piace' ricevuti:: 164 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Cenwyn » 17/05/2014, 0:06

La vita è scoprire quello che accade dopo il presente, un po' per volta

Immagine
Avatar utente
Cenwyn
 
Messaggi: 2595
Iscritto il: 29/03/2010, 9:19
Località: Padova
Ha  fatto 'Mi piace': 639 volte
'Mi piace' ricevuti:: 671 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda DayDreamer » 17/05/2014, 0:35

Volete un'altra brutta notizia? E' una bufala anche il discorso per cui l'emisfero sinistro è logico e il destro creativo!

Broad generalizations are often made in popular psychology about one side or the other having characteristic labels, such as "logical" for the left side or "creative" for the right. These labels are not supported by studies on lateralization, as lateralization does not add specialized usage from either hemisphere.[2] Both hemispheres contribute to both kinds of processes,[3] and experimental evidence provides little support for correlating the structural differences between the sides with such broadly-defined functional differences.[4]


http://en.wikipedia.org/wiki/Lateraliza ... n_function
IMHO
"WILDs always happen in association with brief awakenings (sometimes one or two seconds long) from the immediate return to REM (rapid eye movement) sleep. The sleeper has a subjective impression of having been awake." (S. Laberge)

"I’ve learned how to have lucid dreams at will, so I know that it can be done, and I also know that it’s easy
— once you know how." (S. Laberge)
Avatar utente
DayDreamer
Autore wiki
 
Messaggi: 3326
Iscritto il: 23/01/2008, 19:32
Ha  fatto 'Mi piace': 166 volte
'Mi piace' ricevuti:: 370 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Filippo » 17/05/2014, 11:43

Ok il 10% magari no. Però il fatto è che non utilizziamo tutto il nostro potenziale penso sia esatto. Insomma ci sono prove su prove che dimostrano che le aree del cervello adibite a specifiche funzioni possono svolgerne anche di altre; addirittura alcune aree del cervello sono praticamente spente.
L'infinito è nel presente di ogni singolo istante
Diario dei Lucidi di Filippo - viewtopic.php?f=10&t=7194
Spoiler:
OH CAVOLO MA E' UN SOGNO?
Avatar utente
Filippo
 
Messaggi: 505
Iscritto il: 24/03/2013, 12:22
Località: L'Aquila
Ha  fatto 'Mi piace': 79 volte
'Mi piace' ricevuti:: 251 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Cenwyn » 17/05/2014, 12:16

Filippo ha scritto:Ok il 10% magari no. Però il fatto è che non utilizziamo tutto il nostro potenziale penso sia esatto. Insomma ci sono prove su prove che dimostrano che le aree del cervello adibite a specifiche funzioni possono svolgerne anche di altre; addirittura alcune aree del cervello sono praticamente spente.

Forse non hai letto il mio link... te lo riquoto
Il neuroscienziato Barry Beyerstein ha enunciato sette diverse prove volte a confutare questa credenza[5]:

Studi sui danni al cervello: se, normalmente, solo il 90% del cervello fosse inutilizzato, eventuali danni in queste aree non avrebbero alcun effetto sull'individuo; al contrario, non esiste pressoché area del cervello che, se danneggiata, non infici anche le capacità dell'individuo: perfino piccoli danni possono produrre gravi effetti.
- Evoluzione: il cervello è un apparato "enormemente dispendioso" per il nostro corpo in termini di consumo di ossigeno e di elementi nutritivi: pur avendo una massa pari a solo il 2% dell'intero corpo umano, assorbe il 20% del fabbisogno energetico di un essere umano. Se il 90% fosse davvero inutilizzato, allora l'uomo ricaverebbe un grande vantaggio in termini di sopravvivenza dal possedere un cervello molto più piccolo ed efficiente, per cui la selezione naturale avrebbe eliminato quella parte del cervello inutilizzata.
- Immagini di tomografie cerebrali: tecnologie come la tomografia a emissione di positroni e la risonanza magnetica funzionale permettono di monitorare le attività del cervello, rivelando, ad esempio, che tutte le parti del cervello sono in attività anche durante il sonno; solo in caso di gravi danni cerebrali esistono parti del cervello non attive.
- Localizzazione delle funzioni: sebbene il cervello si comporti come una singola massa, nel cervello esistono distinte aree per distinte funzioni; decenni di ricerche hanno permesso una mappatura completa e non sono state trovate aree del cervello alle quali non siano state associate delle funzioni precise.
- Analisi microstrutturale: esistono metodi di indagine basati su misure microscopiche, realizzate con l'inserimento di un elettrodo nel cervello, che permettono di monitorare l'attività di piccolissimi gruppi di cellule (multi-unit microelectrode recording) o, addirittura, di un singolo neurone (single-unit microelectrode recording). Se davvero il 90% dei neuroni fosse inutilizzato, queste tecniche l'avrebbero già rivelato per via strumentale.
- Studi metabolici.
- Decadimento neuronale: le cellule cerebrali non utilizzate tendono al decadimento; se il 90% del cervello fosse inutilizzato, una semplice autopsia rivelerebbe il decadimento del 90% delle cellule cerebrali


Attenzione, questo non significa che le capacità del cervello non possano svilupparsi e migliorare!
Come per i muscoli, un adeguato training può potenziare e tonificare il tuo cervello :cool:
La vita è scoprire quello che accade dopo il presente, un po' per volta

Immagine
Avatar utente
Cenwyn
 
Messaggi: 2595
Iscritto il: 29/03/2010, 9:19
Località: Padova
Ha  fatto 'Mi piace': 639 volte
'Mi piace' ricevuti:: 671 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Filippo » 17/05/2014, 13:17

Raga potrei scrivervi e linkarvi molti fatti riguardo zone del cervello che non usiamo al massimo e ad altre che praticamente sono assopite. Parlare in termini generali può portare a dire che usiamo tutto il nostro cervello. Ma i singoli soggetti non sfruttano tutto quello che hanno a disposizione; causa l'ambiente, causa la cultura, le esperienze fatte ecc.. Della ghiandola pineale che mi dite? Si parla di tutto l'encefalo ovviamente non solo del cervello. Il cervelletto? Il bulbo? Se le zone che rispondono ad uno stimolo sono sempre attive anche durante il sonno non vuol dire che le stiamo sfruttando appieno, o che ne siamo consapevoli. Per "assopite" intendo proprio questo; certo, non sono neanche del tutto spente. Sembrano in attesa. Oppure, cosa più probabile, potrebbero formare molte più connessioni di quante facciano.
Le tesi riguardo le lesioni sono inconsistenti. E' come dire che se danneggio il tubo cardiaco il cuore non funziona più... Certo che ogni lesione danneggia tutto il cervello, ovvio. Ma che mi dite di coloro che dopo un trauma cerebrale ne sono uscite migliori di prima? L'encefalo è un'organo estremamente delicato e ogni sua connessione, se alterata, può portare a malfunsionamenti o, in rari casi, a miglioramenti. Questo testimonia il fatto che il potenziale a disposizione è maggiore di quello che effettivamente crediamo.
Evoluzione. E' proprio di questo che parlavo nel primo post. Nello studio di Beyerstein si parla di grandezza. L'uomo di Neanderthal aveva un cervello molto più grande del nostro, eppure non aveva sviluppato il linguaggio. Come lo spieghiamo? Le implicazioni al riguardo sono molteplici e non sto quì a dilungarmi.
Localizzazione delle funzioni. Bhè no. Si è scoperto che singole aree si possono adattare anche a funzioni diverse. Nelle persone capaci di fare calcoli complessi come i calcolatori artificiali, ad esempio, si è scoperto che le aree che si attivano non sono solo quelle solitamente adibite al calcolo; altre aree, non sempre uguali (cambiano appunto da soggetto a soggetto), si adattano a quella funzione. Prendi i Savon (non sò se si scrive così), gli autistici i "geni" ecc...
Gli altri punti dicono la stessa cosa e sono sorti basandosi sul fatto che il 90% sia fermo, bloccato, morto. Io ovviamente (parlavo di 10% per capirci, per praticità) non intendevo che neuroni o connessioni sono bloccate o non utilizzate (o che non ci siano sinapsi in corso), semplicemente svolgono le stesse funzioni delle altre parti oppure non svolgono tutto quello che potrebbero.
L'infinito è nel presente di ogni singolo istante
Diario dei Lucidi di Filippo - viewtopic.php?f=10&t=7194
Spoiler:
OH CAVOLO MA E' UN SOGNO?
Avatar utente
Filippo
 
Messaggi: 505
Iscritto il: 24/03/2013, 12:22
Località: L'Aquila
Ha  fatto 'Mi piace': 79 volte
'Mi piace' ricevuti:: 251 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Filippo » 17/05/2014, 13:31

Attenzione, questo non significa che le capacità del cervello non possano svilupparsi e migliorare!
Come per i muscoli, un adeguato training può potenziare e tonificare il tuo cervello :cool:


Esatto. Il cervello umano può adattarsi in fretta a qualsiasi evento, esperienza, ambiente ecc... Siamo sicuri che il nostro training stia potenziando al massimo tutto quello che c'è da potenziare? Per come la vedo io possiamo andare molto oltre. Cosa che ogni tanto un singolo individuo fa. Si può chiamare evoluzione? Su questo volevo discutere. Perchè la natura e l'evoluzione ci hanno dato i mezzi per superare quel limite che ancora non abbiamo superato? Insomma avevamo lo stesso cervello decine di migliaia di anni fa. Un cervello che era adatto a produrre il linguaggio e a svolgere funzioni comlpesse. E' grazie al potenziale del cervello che abbiamo fatto un balzo avanti nell'evoluzione. Ma perchè l'evoluzione ha prima creato il cervello e successivamente tutto quello che ne deriva grazie al suo utilizzo? Cioè l'occhio è nato perchè c'era il bisogno reale di vedere; ed in milioni di anni si è evoluto. La giraffa ha allungato il collo perchè con le piante basse non si sfamava più. Ad un causa c'è un'effetto. Per noi è successo lo stesso? Quanti bisogni avevamo per essere arrivati al punto di dover sviluppare il cervello? E quì vorrei sentire le vostre opinioni. Chi siamo e da dove veniamo. Appunto come chiede la discussione. Dio, l'universo e tutto il resto. Cosa siamo?
L'infinito è nel presente di ogni singolo istante
Diario dei Lucidi di Filippo - viewtopic.php?f=10&t=7194
Spoiler:
OH CAVOLO MA E' UN SOGNO?
Avatar utente
Filippo
 
Messaggi: 505
Iscritto il: 24/03/2013, 12:22
Località: L'Aquila
Ha  fatto 'Mi piace': 79 volte
'Mi piace' ricevuti:: 251 volte

Re: Dio, l'universo e tutto il resto...

Messaggioda Dreyeam » 17/05/2014, 14:32

Filippo ha scritto:Insomma avevamo lo stesso cervello decine di migliaia di anni fa. Un cervello che era adatto a produrre il linguaggio e a svolgere funzioni comlpesse. E' grazie al potenziale del cervello che abbiamo fatto un balzo avanti nell'evoluzione. Ma perchè l'evoluzione ha prima creato il cervello e successivamente tutto quello che ne deriva grazie al suo utilizzo? Cioè l'occhio è nato perchè c'era il bisogno reale di vedere; ed in milioni di anni si è evoluto. La giraffa ha allungato il collo perchè con le piante basse non si sfamava più. Ad un causa c'è un'effetto. Per noi è successo lo stesso? Quanti bisogni avevamo per essere arrivati al punto di dover sviluppare il cervello? E quì vorrei sentire le vostre opinioni.


Anche gli altri animali hanno un cervello. L'evoluzione però ha portato a diversi risultati. Alcuni per sopravvivere hanno sviluppato le ali, altri le zanne, gli artigli, i veleni, le dimensioni, la visione notturna, l'udito, l'olfatto... Noi non essendo portati al "corpo a corpo" abbiamo sviluppato il cervello, l'immaginazione ed è questo che ci ha fatto evolvere, per sopravvivere. Il nostro cervello non è quello di migliaia di anni fa, come non lo è il nostro aspetto fisico. GlI esseri viventi sono in continua evoluzione, per adattarsi e sopravvivere, non abbiamo mai smesso di evolverci. Siamo sì, ancora simili ai nostri antenati, ma solo perchè l'ambiente è rimasto lo stesso. Noi cerchiamo solo di adattarci.

Filippo ha scritto:Cosa siamo?


Be cosa siamo è semplice. Degli esseri viventi che si sono evoluti (dalle scimmie per quanto ne sappiamo) e cercano di sopravvivere in un mondo che non comprendono. Viviamo in un luogo che chiamiamo universo e che non sappiamo come e perchè sia saltato fuori. L'unica nostra certezza è di esistere. Noi siamo noi. Io sono io. La domanda giusta forse è: "Chi" siamo? : Hide :
It's just a ride
Avatar utente
Dreyeam
 
Messaggi: 726
Iscritto il: 09/11/2013, 2:17
Ha  fatto 'Mi piace': 675 volte
'Mi piace' ricevuti:: 164 volte

PrecedenteProssimo

Torna a Riflessioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite