Indice I Sogni Lucidi Discussioni sui Sogni Lucidi > Ne vale davvero la pena?

Dialoghi sulle varie teorie scientifiche e spirituali, riflessioni sulla letteratura, le vostre domande e curiosità relative ai sogni lucidi.

Ne vale davvero la pena?

Messaggioda EternalDreamer94 » 09/04/2016, 14:31

Ad oggi sono 5 mesi giusti che mi esercito regolarmente per avere sogni lucidi e fino a d'ora sono riuscito a farne sei, anche se due sono durati poco. Leggendo in giro, chiunque li abbia fatti anche se li fa molto di rado,li descrive come delle esperienze intense e memorabili. Non per me, il mio controllo sui sogni fa schifo e non sono riuscito a fare niente che esce troppo dall'ordinario, se dovessero chiedermi cosa penso dei miei sogni probabilmente risponderei:-"Niente di particolare!" non provo nemmeno quella sensazione di gioia che si prova quando ci si accorge di stare sognando e leggere i vostri diari mi deprime. Secondo voi, dov'è che sbaglio?

Francamente sto iniziando a chiedermi se vale davvero la pena cercare di ricordarsi tutti i giorni di fare RC, di meditare, cercare di svegliarsi nel cuore della notte per tentare la WILD (un sacco di volte non riesco nemmeno a svegliarmi) per poi avere un SL al mese che il mio falegname con 30mila lire fa meglio... Grazie a chiunque voglia aiutarmi.
Amo questo Forum!

"Dunque... tu saresti il Guerriero Dragone!"
"Ehm..."
"Sbagliato! Tu non sei il Guerriero Dragone! Non sarai mai il Guerriero Dragone!"


Ti interessano i miei sogni?: LUCIDI, COMUNI, A ONIRIA
Avatar utente
EternalDreamer94
Autore wiki
 
Messaggi: 956
Iscritto il: 29/12/2015, 13:23
Ha  fatto 'Mi piace': 179 volte
'Mi piace' ricevuti:: 129 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda IlVagabondoSolitario » 09/04/2016, 14:41

Stiamo sulla stessa zattera, bucata :) ..... : WallBash :
IlVagabondoSolitario
 
Messaggi: 86
Iscritto il: 30/12/2015, 21:20
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 12 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda fcm19 » 09/04/2016, 16:40

EternalDreamer94 ha scritto:Ad oggi sono 5 mesi giusti che mi esercito regolarmente per avere sogni lucidi e fino a d'ora sono riuscito a farne sei, anche se due sono durati poco. Leggendo in giro, chiunque li abbia fatti anche se li fa molto di rado,li descrive come delle esperienze intense e memorabili. Non per me, il mio controllo sui sogni fa schifo e non sono riuscito a fare niente che esce troppo dall'ordinario, se dovessero chiedermi cosa penso dei miei sogni probabilmente risponderei:-"Niente di particolare!" non provo nemmeno quella sensazione di gioia che si prova quando ci si accorge di stare sognando e leggere i vostri diari mi deprime. Secondo voi, dov'è che sbaglio?

Francamente sto iniziando a chiedermi se vale davvero la pena cercare di ricordarsi tutti i giorni di fare RC, di meditare, cercare di svegliarsi nel cuore della notte per tentare la WILD (un sacco di volte non riesco nemmeno a svegliarmi) per poi avere un SL al mese che il mio falegname con 30mila lire fa meglio... Grazie a chiunque voglia aiutarmi.

Sono gli stessi identici pensieri che mi facevo io fino a qualche mese fa, e sinceramente penso che ognuno che si cimenta coi sogni lucidi si sia posto queste domande almeno una volta, è normalissimo.

Innanzitutto ti posso dire con certezza che non devi assolutamente abbatterti, perché dici di aver fatto sei sogni lucidi in cinque mesi: checché se ne pensi non è una media così scarsa, ed è quella che rappresenta la maggior parte dei sognatori (ricordi le statistiche che avevo pubblicato qualche tempo fa sul forum?)... Inoltre sei lucidi all'attivo possono non essere sufficienti per avere il quadro generale di tutte le sensazioni che la lucidità può dare. Pensa che io ho iniziato a provare con più frequenza quelle sensazioni incredibili che tutti descrivono a partire probabilmente dal trentesimo lucido, con episodi interessanti di tanto in tanto, molto sporadici, tant'è che agli inizi avevo addirittura il brutto sospetto, mentre ripensavo ai miei lucidi passati, di avere fatto solo prelucidi!
Poi comunque anche se ci si mette tutta la buona volontà i sogni lucidi non sono tutti uguali, per cui capiterà sempre quello bello nitido, emozionante e controllabile, ma anche quello buio, instabile e che fa resistenza. E qui non possiamo farcene una colpa, molto spesso non dipende da noi...
Altra cosa, i diari qui sul forum sono tutti bellissimi e leggerli è un piacere, ma tieni conto che molti di quei sognatori che tanto "ti fanno deprimere" per le loro invidiabili gesta oniriche sono dei professionisti ormai da diversi anni, alcuni addirittura sono dei naturali, pertanto hanno avuto tutto il tempo per sviluppare delle abilità che difficilmente si possono replicare in soli pochi mesi...

Nella mia esperienza ho capito che la stabilizzazione è importantissima, e se sul forum si ripete sempre di applicarla non è solo quella frasetta retorica che viene detta ai nuovi iscritti, ma è proprio perché è indispensabile! Sono convinto che appena ci si ritrova nel sogno lucido sia necessario prendersi almeno uno o due minuti di tempo per fermarsi un attimo, per stabilizzare bene, per concentrarsi e per analizzare accuratamente ogni dettaglio dello scenario, e apprezzare in che modo la nostra mente crei tutto alla perfezione. È in questi frangenti che secondo me si coglie tutta la meravigliosità del mondo onirico, anche se a dirsi può sembrare estremamente banale! Se invece si segue sempre il classico istinto di buttarsi immediatamente a capofitto nel sogno e saltare qua e là senza una logica precisa è chiaro che il sogno risulta piuttosto brutto, caotico e sfocato, viene sprecato e difficilmente si concluderà qualcosa, anche dopo moltissime esperienze (io ho sprecato decine di lucidi in questo modo...).

Stesso discorso per il controllo: per svilupparlo ci vuole molta pratica, pazienza, bisogna seguire un certo ordine mentale in modo da provare poche azioni per volta. Il lavoro sul controllo spesso parte con degli allenamenti sulla visualizzazione da fare durante la veglia, visto che il sogno lucido controllato altro non è che una visualizzazione che si concretizza intorno a noi durante il sonno. Come avevo già scritto più volte, anche io ho avuto spesso delle difficoltà nel controllo del sogno (fino a qualche tempo fa addirittura anche il semplice fatto di volare mi risultava spesso difficile!), ma poi mi sono messo giù con calma, ho elaborato la lista delle task e ho iniziato ad applicarmi con ordine, infatti il controllo è migliorato in modo esponenziale nel giro di poco tempo.

Quindi direi che sia indispensabile procedere poco alla volta, per gradi, ponendosi degli obiettivi inizialmente semplici e via via sempre più complessi. Purtroppo non si possono ottenere risultati soddisfacenti in poco tempo, anche se giustamente si vorrebbe fare tutto e subito...

Detto questo, propongo a tutti, me compreso, come prossima task quella di fermasi un attimo, di stabilizzare bene con calma e di osservare attentamente il sogno intorno a noi in ogni minimo dettaglio, di "percepirne" tutta la consistenza, di interagire con esso poco per volta, anche se una cosa del genere può dare l'impressione di sprecare un sogno lucido. Non importa, il sogno lo sprecheremmo peggio se agissimo in modo frenetico e caotico.

Quindi, se questo può esserti d'aiuto, ti posso dire che secondo me vale comunque la pena continuare, perché in ogni caso non c'è nulla da perdere ma è tutto di guadagnato :)
Avatar utente
fcm19
 
Messaggi: 2226
Iscritto il: 30/07/2015, 11:38
Ha  fatto 'Mi piace': 294 volte
'Mi piace' ricevuti:: 429 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda EternalDreamer94 » 09/04/2016, 19:47

fcm19 ha scritto:Identici pensieri che mi facevo io fino a qualche mese fa, e sinceramente penso che ognuno che si cimenta coi sogni lucidi si sia posto queste domande almeno

Si, beh è una cosa che mi portavo dentro da un po' mi faceva male e ho sentito il bisogno buttarla fuori.

fcm19 ha scritto:Innanzitutto ti posso dire con certezza che non devi assolutamente abbatterti, perché dici di aver fatto sei sogni lucidi in cinque mesi: checché se ne pensi non è una media così scarsa, ed è quella che rappresenta la maggior parte dei sognatori (ricordi le statistiche che avevo pubblicato qualche tempo fa sul forum?)... Inoltre sei lucidi all'attivo possono non essere sufficienti per avere il quadro generale di tutte le sensazioni che la lucidità può dare. Pensa che io ho iniziato a provare con più frequenza quelle sensazioni incredibili che tutti descrivono a partire probabilmente dal trentesimo lucido, con episodi interessanti di tanto in tanto, molto sporadici, tant'è che agli inizi avevo addirittura il brutto sospetto, mentre ripensavo ai miei lucidi passati, di avere fatto solo prelucidi!
Poi comunque anche se ci si mette tutta la buona volontà i sogni lucidi non sono tutti uguali, per cui capiterà sempre quello bello nitido, emozionante e controllabile, ma anche quello buio, instabile e che fa resistenza. E qui non possiamo farcene una colpa, molto spesso non dipende da noi...

Grazie per avermelo detto.

Fcm19 ha scritto:Altra cosa, i diari qui sul forum sono tutti bellissimi e leggerli è un piacere, ma tieni conto che molti di quei sognatori che tanto "ti fanno deprimere" per le loro invidiabili gesta oniriche sono dei professionisti ormai da diversi anni, alcuni addirittura sono dei naturali, pertanto hanno avuto tutto il tempo per sviluppare delle abilità che difficilmente si possono replicare in soli pochi mesi...

Forse mi sono espresso male, quando ho detto mi fanno deprimere non intendevo dire i diari facciano schifo, ci mancherebbe, è solo che io non mi accontento di essere bravo, voglio essere il migliore è quando non vedo subito una via per diventarlo mi deprimo e entro in crisi, lo sono è un grosso difetto ma non so come superarlo, consigli?

fcm19 ha scritto:Nella mia esperienza ho capito che la stabilizzazione è importantissima, e se sul forum si ripete sempre di applicarla non è solo quella frasetta retorica che viene detta ai nuovi iscritti, ma è proprio perché è indispensabile! Sono convinto che appena ci si ritrova nel sogno lucido sia necessario prendersi almeno uno o due minuti di tempo per fermarsi un attimo, per stabilizzare bene, per concentrarsi e per analizzare accuratamente ogni dettaglio dello scenario, e apprezzare in che modo la nostra mente crei tutto alla perfezione. È in questi frangenti che secondo me si coglie tutta la meravigliosità del mondo onirico, anche se a dirsi può sembrare estremamente banale! Se invece si segue sempre il classico istinto di buttarsi immediatamente a capofitto nel sogno e saltare qua e là senza una logica precisa è chiaro che il sogno risulta piuttosto brutto, caotico e sfocato, viene sprecato e difficilmente si concluderà qualcosa, anche dopo moltissime esperienze (io ho sprecato decine di lucidi in questo modo...).

So che dovrei fare con calma ma ho sempre paura che il sogno finisca e non mi va di aspettare un altro mese per riprovare a fare la task.

Per quanto riguarda la visualizzazione cosa intendi? Cercare di immaginare di essere in un sogno e controllarlo a piacimento?

La task in pratica è quella di godersi il semplice fatto di essere in un sogno lucido.

Purtroppo il chiedermi se ne valga davvero la pena è stata una delle prime cose che mi sono chiesto quando ho deciso di voler diventare onironauta e ancora adesso non ho ancora trovato una risposta ma proverò a seguire i tuoi consigli e vedrò, grazie fcm19! : Thumbup :

P.S.: scusa se da un certo punto non ho più quotato i messaggi ma il mio pad non capisce una sega e non ho voglia di litigarci.
Amo questo Forum!

"Dunque... tu saresti il Guerriero Dragone!"
"Ehm..."
"Sbagliato! Tu non sei il Guerriero Dragone! Non sarai mai il Guerriero Dragone!"


Ti interessano i miei sogni?: LUCIDI, COMUNI, A ONIRIA
Avatar utente
EternalDreamer94
Autore wiki
 
Messaggi: 956
Iscritto il: 29/12/2015, 13:23
Ha  fatto 'Mi piace': 179 volte
'Mi piace' ricevuti:: 129 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda fcm19 » 09/04/2016, 22:05

EternalDreamer94 ha scritto:Forse mi sono espresso male, quando ho detto mi fanno deprimere non intendevo dire i diari facciano schifo, ci mancherebbe, è solo che io non mi accontento di essere bravo, voglio essere il migliore è quando non vedo subito una via per diventarlo mi deprimo e entro in crisi, lo sono è un grosso difetto ma non so come superarlo, consigli?

Ti capisco perché a volte tendo a pensare esattamente così pure io! Quello che ti posso dire in questo caso (ma non voglio passare per quello che ne sa di più perché non è così, quindi quello che ti dirò prendilo come un semplice "confronto alla pari tra amici") è che ognuno ha le sue capacità e deve andarne fiero. Che senso ha rapportarsi alle esperienze agli altri? I diari qui sul forum non sono assolutamente una competizione per vedere chi fa sogni più belli, chi ne fa di più, chi ne fa di meno, chi è più scarso e via dicendo... Ognuno ha le sue capacità e ne deve essere orgoglioso, ognuno segue il suo percorso e quindi deve lavorare per sé, senza stare troppo a guardare le imprese degli altri, altrimenti il rischio è quello di spazientirsi e frustrarsi per cercare di emulare le esperienze altrui, seguendo così di conseguenza un percorso strano e incostante... La nostra per i sogni lucidi è solo una passione, quindi nulla di imposto e nulla per cui bisogna a tutti i costi ottenere risultati a raffica...

Detto questo, come ti ho detto prima, il mio unico consiglio in questo senso è quello di procedere costantemente per gradi, partendo sempre dalle basi ed essendo serenamente consapevole del fatto che questo è l'unico modo per arrivare ai più alti livelli :)



EternalDreamer94 ha scritto:So che dovrei fare con calma ma ho sempre paura che il sogno finisca e non mi va di aspettare un altro mese per riprovare a fare la task.

Anche questo purtroppo è vero, ma penso che sia proprio questa primissima e indispensabile task, quella di stabilizzare e di prendere confidenza con l'ambiente onirico, ad abituarci a far durare il sogno più a lungo e a migliorarne di gran lunga la qualità. Ricorda che è sempre meglio un sogno lucido nitido e stabile che dura anche solo un minuto piuttosto che uno caotico che dura un'intera fase rem. Non a caso i miei sogni lucidi che ricordo come più intensi non sono quelli in cui sono saltato qua e là come una scimmia per anche più di mezz'ora, non sono nemmeno quelli in cui ho portato a termine task complesse, bensì quelli durati anche solo un minuto in cui ho solamente osservato con calma l'ambiente circostante, che mi ha ricambiato con delle sensazioni ed emozioni estremamente profonde e personali...

Studiando le mie esperienze recenti sono arrivato alla conclusione che ciò che più di tutto fa destabilizzare il sogno sono proprio i pensieri superflui. In poche parole bisogna rimanere concentrati sul sogno senza farsi distrarre dai pensieri intrusivi, soprattutto le paure e le tensioni. Se inizi a temere che il sogno possa finire, questa paura si avvera automaticamente e il sogno prontamente termina (sai bene che nei sogni lucidi ciò che pensi spesso si realizza all'istante).
Lo so che non è facile, anche perché nei sogni lucidi i pensieri tendono a viaggiare molto più fluidamente e celermente che durante la veglia, spesso addirittura non ci rendiamo nemmeno conto come si sono originati, ma penso che anche qui sia questione di pratica: a tal proposito ci si può allenare con tutti i vari metodi che aumentino la concentrazione e la consapevolezza, come la meditazione, il ricordo di sé, la ADA, ecc... Quando si arriverà ad osservare in modo distaccato la maggior parte dei pensieri e le emozioni ad essi legate, questa sarà la miglior condizione affinché il sogno lucido duri un tempo ragionevole.



EternalDreamer94 ha scritto:Per quanto riguarda la visualizzazione cosa intendi? Cercare di immaginare di essere in un sogno e controllarlo a piacimento?

Esattamente! Se ad esempio nel sogno lucido hai difficoltà a spostare gli oggetti con la telecinesi, ti puoi allenare da sveglio a visualizzare una scena del genere, e teoricamente quando ti ritroverai a farlo nel sogno verrà più spontaneamente farlo. Stessa cosa ad esempio per il volo. Ma non deve essere nulla di sofisticato né impegnativo... Puoi visualizzare mentre ti addormenti, come in una sorta di MILD, poiché è molto probabile inoltre che il sogno - lucido o non lucido che sia - si materializzi a partire da quei contenuti visualizzati. Anche qui ovviamente, per l'ennesima volta, ci vuole pratica...
Poi un altro "segreto" per controllare al meglio il sogno è quello di alzare il più possibile la lucidità, quindi ripetersi delle affermazioni mentali all'interno del sogno che rendano la tua consapevolezza di trovarti in un sogno una *certezza*, renderti conto che tutto quello che ti circonda è solo un prodotto della mente... Certe volte un alto grado di lucidità ti dà uno strano senso di onnipotenza, tale per cui potresti controllare ogni elemento del sogno come meglio credi senza alcun impedimento. Inoltre è giusto sapere che nel controllo bisogna lavorare il più possibile di mente, non di corpo.

Quindi in definitiva ti posso consigliare di continuare serenamente con il tuo percorso, senza ricercare grandi risulti subito, ma essendo consapevole che ad ogni esperienza migliorerai sempre più. Come ci sono arrivati "quelli dei diari" ci puoi benissimo arrivare pure tu, di questo non v'è dubbio. È solo questione di tempo e pratica.

Spero che nel mio piccolo possa essere d'aiuto : Biggrin :
Avatar utente
fcm19
 
Messaggi: 2226
Iscritto il: 30/07/2015, 11:38
Ha  fatto 'Mi piace': 294 volte
'Mi piace' ricevuti:: 429 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda Searig » 10/04/2016, 10:10

EternalDreamer94 ha scritto:Ad oggi sono 5 mesi giusti che mi esercito regolarmente per avere sogni lucidi e fino a d'ora sono riuscito a farne sei, anche se due sono durati poco.


Ciao, io a fine aprile faccio un anno, e di sogni lucidi ne ho fatti pochi più di te... :oops: Anche io alle volte mi sento un po' "abbattuto", non perché vorrei essere più bravo, ma perché ci sono un sacco di cose che vorrei fare in sogno, però la mia bassa frequenza me lo impedisce, per cui quando mi ci ritrovo lucidamente mi scordo tutto e faccio cose a caso... Poi devo aspettare la prossima volta... : :s :

EternalDreamer94 ha scritto:Leggendo in giro, chiunque li abbia fatti anche se li fa molto di rado,li descrive come delle esperienze intense e memorabili. Non per me, il mio controllo sui sogni fa schifo e non sono riuscito a fare niente che esce troppo dall'ordinario, se dovessero chiedermi cosa penso dei miei sogni probabilmente risponderei:-"Niente di particolare!" non provo nemmeno quella sensazione di gioia che si prova quando ci si accorge di stare sognando e leggere i vostri diari mi deprime.


Beh, la sensazione di gioia e sorpresa nel momento in cui "ti accorgi" che è un sogno è veramente molto particolare e lo confermo, però non credere che sia sempre così, perché poi come in tutte le cose può subentrare anche l'abitudine, o anche semplicemente il fatto di trovarsi in un momento in cui non si è dell'umore adatto, per cui quello che si pensa è: "Ah, è un sogno, ok..." senza nessuna euforia particolare. A me è capitato, come mi è capitata l'emozione che descrivi: mi sono successe entrambe le cose. Penso che ciò sia dovuto al fatto che in un lucido siamo sempre "noi" con la nostra personalità, quindi capita il lucido nel "momento sì" e quello nel "momento no", come nella vita di tutti i giorni... In genere però sono belle esperienze...

EternalDreamer94 ha scritto:Francamente sto iniziando a chiedermi se vale davvero la pena cercare di ricordarsi tutti i giorni di fare RC, di meditare, cercare di svegliarsi nel cuore della notte per tentare la WILD (un sacco di volte non riesco nemmeno a svegliarmi) per poi avere un SL al mese che il mio falegname con 30mila lire fa meglio...


:lol: Aldo Giovanni e Giacomo? Comunque è un po' estenuante, è vero, pensa che io non faccio quasi niente di tutto questo, però poi ciò si riflette nel fatto che ho un lucido solo una volta ogni tanto... Certe volte proprio per questo penso che forse dovrei mettermi più seriamente, ma poi sono pigro e ciò prevale. Per adesso rimango con un impegno che potremmo definire "minimo", cioè quasi più un atteggiamento mentale di semplice "interesse all'argomento", che qualche volta aiuta, il più delle volte no... Ma, sinceramente, non voglio condizionarmi con un esercizio estenuante che, come dice fcm, trasformerebbe una passione in un dovere e un'imposizione. Attenzione: non ti sto affatto dicendo di lasciare perdere perché non lo penso, queste mie ultime righe non intendono dire che non ne vale la pena, ma vogliono solo dire che l'onironautica va vissuta serenamente, senza stress, senza rompercisi la testa... Perché poi è anche una cosa tutta mentale, come gli stessi sogni, quindi in questo campo credo che lo stress limiti e basta...

fcm19 ha scritto:Sono gli stessi identici pensieri che mi facevo io fino a qualche mese fa, e sinceramente penso che ognuno che si cimenta coi sogni lucidi si sia posto queste domande almeno una volta, è normalissimo.


Si, perché si parte con aspettative enormi per poi scontrarsi con la dura realtà del lucido che non arriva, e che magari poi, quando arriva, dura un minuto e va in crash... Ma poi secondo me vale la pena riprovare...

fcm19 ha scritto:Nella mia esperienza ho capito che la stabilizzazione è importantissima, e se sul forum si ripete sempre di applicarla non è solo quella frasetta retorica che viene detta ai nuovi iscritti, ma è proprio perché è indispensabile! Sono convinto che appena ci si ritrova nel sogno lucido sia necessario prendersi almeno uno o due minuti di tempo per fermarsi un attimo, per stabilizzare bene, per concentrarsi e per analizzare accuratamente ogni dettaglio dello scenario, e apprezzare in che modo la nostra mente crei tutto alla perfezione. È in questi frangenti che secondo me si coglie tutta la meravigliosità del mondo onirico, anche se a dirsi può sembrare estremamente banale! Se invece si segue sempre il classico istinto di buttarsi immediatamente a capofitto nel sogno e saltare qua e là senza una logica precisa è chiaro che il sogno risulta piuttosto brutto, caotico e sfocato, viene sprecato e difficilmente si concluderà qualcosa, anche dopo moltissime esperienze (io ho sprecato decine di lucidi in questo modo...).


Come faccio io: mi butto qua e là senza una logica : Mr green : , poi mi alzo e ci ripenso e mi accorgo che avrei potuto fare diversamente. Secondo me questo succede perché se da un lato è vero che nei sogni lucidi siamo in grado di ragionare come da svegli col senso critico la logica e tutto quanto, è pur sempre vero che ci troviamo in sogno e abbiamo comunque un certo offuscamento mentale, per cui siamo sì "come svegli", ma con quel pizzico di alterazione onirica per cui alle volte il nostro comportamento ci risulta più istintivo del solito. O forse è solo un problema di livello di lucidità, immagino che con una lucidità maggiore si ragioni meglio: impara che anche il livello di lucidità varia da sogno lucido a sogno lucido, non tutti sono uguali; non in tutti ci siamo comportati alla stessa maniera: rileggi il tuo diario e te ne accorgerai...

fcm19 ha scritto:Detto questo, propongo a tutti, me compreso, come prossima task quella di fermasi un attimo, di stabilizzare bene con calma e di osservare attentamente il sogno intorno a noi in ogni minimo dettaglio, di "percepirne" tutta la consistenza, di interagire con esso poco per volta, anche se una cosa del genere può dare l'impressione di sprecare un sogno lucido. Non importa, il sogno lo sprecheremmo peggio se agissimo in modo frenetico e caotico.


Mi sembra una buona idea.

EternalDreamer94 ha scritto:
fcm19 ha scritto:Identici pensieri che mi facevo io fino a qualche mese fa, e sinceramente penso che ognuno che si cimenta coi sogni lucidi si sia posto queste domande almeno

Si, beh è una cosa che mi portavo dentro da un po' mi faceva male e ho sentito il bisogno buttarla fuori.


Lo penso anche io che questa domanda se la siano fatta un po' tutti... E' normale...

EternalDreamer94 ha scritto:è solo che io non mi accontento di essere bravo, voglio essere il migliore è quando non vedo subito una via per diventarlo mi deprimo e entro in crisi, lo sono è un grosso difetto ma non so come superarlo, consigli?


Questo forse ti limita un po'... Prova a vederla in un'altra maniera: più che importarti essere bravo o meno, migliore o meno, dovrebbe importarti avere dei bei sogni lucidi, delle belle esperienze. Pensa ai lucidi che vuoi fare e non alle tue abilità...

EternalDreamer94 ha scritto:So che dovrei fare con calma ma ho sempre paura che il sogno finisca e non mi va di aspettare un altro mese per riprovare a fare la task.


Anche io! : Chessygrin :

EternalDreamer94 ha scritto:La task in pratica è quella di godersi il semplice fatto di essere in un sogno lucido.


Che è già un'ottima task, tuttaltro che banale... Anzi, forse per me è LA task, cioè quella di vivere lucidamente il sogno per quello che è... Purtroppo quando siamo lì spesso ci facciamo prendere dalla fretta e dall'agitazione e ce ne dimentichiamo...

fcm19 ha scritto:Anche questo purtroppo è vero, ma penso che sia proprio questa primissima e indispensabile task, quella di stabilizzare e di prendere confidenza con l'ambiente onirico, ad abituarci a far durare il sogno più a lungo e a migliorarne di gran lunga la qualità. Ricorda che è sempre meglio un sogno lucido nitido e stabile che dura anche solo un minuto piuttosto che uno caotico che dura un'intera fase rem. Non a caso i miei sogni lucidi che ricordo come più intensi non sono quelli in cui sono saltato qua e là come una scimmia per anche più di mezz'ora
:lol:
fcm19 ha scritto:non sono nemmeno quelli in cui ho portato a termine task complesse, bensì quelli durati anche solo un minuto in cui ho solamente osservato con calma l'ambiente circostante, che mi ha ricambiato con delle sensazioni ed emozioni estremamente profonde e personali...


Anche io mi dimentico sempre di stabilizzare!
Searig
 
Messaggi: 2784
Iscritto il: 16/06/2015, 16:39
Ha  fatto 'Mi piace': 271 volte
'Mi piace' ricevuti:: 400 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda fcm19 » 10/04/2016, 16:02

Searig ha scritto:Beh, la sensazione di gioia e sorpresa nel momento in cui "ti accorgi" che è un sogno è veramente molto particolare e lo confermo, però non credere che sia sempre così, perché poi come in tutte le cose può subentrare anche l'abitudine, o anche semplicemente il fatto di trovarsi in un momento in cui non si è dell'umore adatto, per cui quello che si pensa è: "Ah, è un sogno, ok..." senza nessuna euforia particolare.

Vero. Anche a me a volte è capitato, soprattutto l'anno scorso esattamente di questi tempi, quando avevo avuto un brusco calo di interesse e quindi di impegno verso i sogni lucidi... Ricordo che l'anno scorso ho avuto il picco di interesse con i migliori risultati tra gennaio e febbraio, poi, a partire da marzo fino praticamente alla fine di aprile ho mollato la presa, un po' perché avevo altro per la testa e un po' perché ero un po' insoddisfatto dei risultati che avevo ottenuto (una decina di lucidi abbastanza seri ma con sempre la stessa trama e una miriade di lucidini e prelucidi insignificanti da uno o due secondi di durata).
Pensate che la maggior concentrazione di sogni lucidi DILD in cui mi accorgevo di sognare l'ho avuta proprio tra i mesi di marzo ed aprile del 2015, quando ormai non facevo quasi più nulla per indurli, mi capitava quasi tutte le notti: ad un certo punto mi rendevo conto spontaneamente di sognare, ma ero svogliato, infatti nel momento clue dicevo: «Ah, sì, è un sogno...» e dopo qualche secondo mi svegliavo. Probabilmente è stato un "colpo di coda" di tutte le autosuggestioni che mi ero dato nei mesi precedenti...



Searig ha scritto:
EternalDreamer94 ha scritto: il mio falegname con 30mila lire fa meglio...

:lol: Aldo Giovanni e Giacomo?

... non ha neanche le unghie! :lol:



Searig ha scritto:Comunque è un po' estenuante, è vero, pensa che io non faccio quasi niente di tutto questo, però poi ciò si riflette nel fatto che ho un lucido solo una volta ogni tanto... Certe volte proprio per questo penso che forse dovrei mettermi più seriamente, ma poi sono pigro e ciò prevale.

Abbandonare la pigrizia e darsi una certa disciplina è l'unica via, come anche allenare l'intento e la forza di volontà! È la strada che ho scelto da qualche mese ed è infatti per questo che riesco ad ottenere risultati costanti. Ed ammetto che io di base sono molto pigro... Certo, bisogna essere fortemente motivati per darsi da fare in questo modo, altrimenti forse non ne vale nemmeno la pena... Comunque anche se io mi impegno piuttosto duramente non la ritengo assolutamente una cosa estenuante, anzi... Impegno non è sinonimo di lavori forzati ;)


Spoiler:
Peccato che tutta questa forma mentis volta all'impegno e alla disciplina che sto seguendo non ha ancora avuto altri sbocchi al di fuori dell'onironautica, quindi nella vita pratica... :oops: Devo inventarmi qualcosa al più presto...





Searig ha scritto:Attenzione: non ti sto affatto dicendo di lasciare perdere perché non lo penso, queste mie ultime righe non intendono dire che non ne vale la pena, ma vogliono solo dire che l'onironautica va vissuta serenamente, senza stress, senza rompercisi la testa... Perché poi è anche una cosa tutta mentale, come gli stessi sogni, quindi in questo campo credo che lo stress limiti e basta...

Quoto.



Searig ha scritto:Come faccio io: mi butto qua e là senza una logica : Mr green : , poi mi alzo e ci ripenso e mi accorgo che avrei potuto fare diversamente. Secondo me questo succede perché se da un lato è vero che nei sogni lucidi siamo in grado di ragionare come da svegli col senso critico la logica e tutto quanto, è pur sempre vero che ci troviamo in sogno e abbiamo comunque un certo offuscamento mentale, per cui siamo sì "come svegli", ma con quel pizzico di alterazione onirica per cui alle volte il nostro comportamento ci risulta più istintivo del solito. O forse è solo un problema di livello di lucidità, immagino che con una lucidità maggiore si ragioni meglio: impara che anche il livello di lucidità varia da sogno lucido a sogno lucido, non tutti sono uguali; non in tutti ci siamo comportati alla stessa maniera: rileggi il tuo diario e te ne accorgerai...

Vero anche questo, infatti il sogno è pur sempre uno stato alterato di coscienza interno al sonno...
Ma da quello che sto sperimentando recentemente mi pare di capire che la difficoltà nel rimanere concentrati mentre il sonno progredisce (nel caso della WILD) o di mantenere un certo comportamento all'interno del sogno non dipende tanto dall'alterazione della coscienza che il sonno comporta come potrebbe sembrare, bensì dall'alterazione della memoria! Per rendersene conto basta osservare quando cerchiamo di rimanere focalizzati su qualcosa mentre ci addormentiamo: come mai in molti tentativi di WILD, nonostante ci fossimo impegnati al massimo per rimanere concentrati mentre il sonno avanza, ad un certo punto, improvvisamente e senza volerlo, ci ritroviamo addormentati nel buio totale dell'incoscienza? Qui è senz'altro la memoria che dopo un po' cede, viene meno il ricordo di quello che ci eravamo prefissati di fare, e non tanto la coscienza, la quale si altera ma non scompare mai del tutto, nemmeno nel sonno profondo!

Ok, non mi dilungo in questa direzione se no vado OT...

Sicuramente il fatto di aumentare la lucidità con delle affermazioni mentali serve proprio per uscire da questo stato di offuscamento mentale che caratterizza molti sogni lucidi... quando la lucidità è sufficientemente alta si può tranquillamente ragionare come durante la veglia, anzi, pure più fluidamente e limpidamente.

Infine, un ultimo appunto per riagganciarmi al discorso sulle task: le task vanno per forza preparate in anticipo, altrimenti ci si ritrova sempre nel sogno lucido senza sapere cosa fare, con la conseguenza che agiamo in "modalità scimmia" (descritta nel mio post precedente :D ), il sogno dura pochi secondi e ogni volta non concludiamo nulla... Bisogna concentrasi su una o due task per volta, studiarsele bene in anticipo in ogni minimo dettaglio, in modo tale che quando ci si ritrova nel sogno si sa già quello che si deve e si vuole fare.
Avatar utente
fcm19
 
Messaggi: 2226
Iscritto il: 30/07/2015, 11:38
Ha  fatto 'Mi piace': 294 volte
'Mi piace' ricevuti:: 429 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda Searig » 10/04/2016, 17:08

Io non lo so con precisione, però penso che comunque anche un funzionamento alterato della memoria potrebbe essere ascrivibile ad uno stato mentale diverso, però non mi riferivo tanto a questo, quanto al fatto che possiamo essere più o meno lucidi, perché in due sogni diversi possiamo in entrambi sapere di sognare, ma in uno siamo in grado di ragionare meglio e nell'altro meno, seppure anche in quello siamo lucidi. Si capisce anche osservando le proprie stesse reazioni alla situazione del sogno, con un minimo di autoanalisi ("Ma perché non mi è venuto in mente di fare così?" E simili).

Ad esempio mi sono capitati lucidi in cui addirittura ripensavo alle cose lette sul forum e quindi le sperimentavo, quindi la mia mente aveva pieno accesso anche ai ricordi della veglia

e altri, in cui mi rendevo appena conto di essere in sogno, ma più di così non riuscivo a fare, o poco.

Lucidi in cui la lucidità perdurava fino al risveglio

e altri, in cui a un certo punto questa quasi vacillava, per poi essere ripresa fortunosamente...

Credo anch'io, come dicono già in molti, che la lucidità non sia una cosa "binaria", cioè che c'è o non c'è e basta, ma che possa essere più o meno intensa, cioè che possa, nel caso in cui c'è, esserci anche più o meno lucidità, può essere tanta o poca, insomma...

E' vero che bisogna prepararsi le task in anticipo e io pensandoci avrei un po' di cose che vorrei fare, però quando mi ci ritrovo casualmente ogni tanto e magari penso anche di avere poco tempo prima di una crash (lo so non dovrei pensarci e basta...) la fretta e la confusione prendono un po' il sopravvento, quindi alla fine rimango in modalità scimmia :) , anche se comunque qualche sogno lucido soddisfacente l'ho fatto...
Searig
 
Messaggi: 2784
Iscritto il: 16/06/2015, 16:39
Ha  fatto 'Mi piace': 271 volte
'Mi piace' ricevuti:: 400 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda IlVagabondoSolitario » 10/04/2016, 18:56

Io sto come voi, un lucido al mese :sleep: , però devo dire che sto iniziando a controllarli meglio e durano un pelo di più : Kid : però ancora non riesco a stabilizzare : WallBash : , come voi voglio fare la task al più presto perché al 80% non durerà più di un minuto e mezzo : Mr green :
Ora che ho tutti i pomeriggi liberi (si avete capito bene : Yahooo : : Yahooo :) insistero su tecniche che si possono fare anche di pomeriggio (la mia nemica wild, oggi mi sono addormentato nel mezzo haahahah).
Anche voi, dovete essere tignosi! Su su non vi scoraggiate, io non mi scoraggio di certo :roll:
IlVagabondoSolitario
 
Messaggi: 86
Iscritto il: 30/12/2015, 21:20
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 12 volte

Re: Ne vale davvero la pena?

Messaggioda Searig » 10/04/2016, 19:10

Grazie Vagabondo hai ragione, se si insiste poi i risultati arrivano... : Thumbup :
Searig
 
Messaggi: 2784
Iscritto il: 16/06/2015, 16:39
Ha  fatto 'Mi piace': 271 volte
'Mi piace' ricevuti:: 400 volte

Prossimo

Torna a Discussioni sui Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


cron