Indice Il Mondo Onirico Discussioni generali sul sonno e i sogni > Distrazioni mentali

Sezione in cui discutere del mondo onirico oltre l'ambito lucido. Letteratura, teoria, domande sui sogni in generale, oltre ai fenomeni del nostro corpo quando sta per addormentarsi o svegliarsi.

Distrazioni mentali

Messaggioda ipparcos » 08/10/2019, 12:04

Sto cercando la sera di fare una tecnica di rilassamento e autoinduzione. Conto da 50 a 1. Però faccio fatica a mantenere la concentrazione sul conteggio... Tipo sto a 42 e smetto di contare e penso ad altro o immagino qualcosa. La faccenda sa molto di distrazione presonno, la cosa ovviamente aumenta se sono stanco.
Questo stato a cosa è dovuto? Come mai la mia mente ha necessità di distrarsi ed immaginare altro, invece di continuare a contare?
Avatar utente
ipparcos
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 05/04/2017, 12:45
Ha  fatto 'Mi piace': 5 volte
'Mi piace' ricevuti:: 9 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda IlBagatto » 08/10/2019, 14:50

Domanda molto interessante Ipparcos. Sono molto curioso di sapere cosa ne pensate tu ed altri utenti.

La mia idea è che la nostra capacità di concentrazione è molto meno sviluppata di quello che ci piace pensare. Questo è valido in generale in ogni ambito della nostra vita; in momenti d'intensità, pericolo o grande entusiasmo riusciamo a focalizzare la nostra attenzione in maniera molto diretta e precisa, ma questa (almeno per me) è l'eccezione e non la regola.

Quando andiamo a dormire la nostra magra capacità di concentrazione viene ulteriormente ridotta dal fatto che il nostro io si dissolve piano piano nel sonno profondo. E di certo fare una tecnica di rilassamento non migliora le cose, anzi, aumenta la velocità con cui perdiamo coscienza. Quindi direi se ti perdi al 42 probabilmente la tua tecnica funziona fin troppo bene!

Ho avuto problemi simili le prime volte che ho provato a fare la meditazione ricapitolativa da sdraiato. Non credo mi sia mai capitato di riuscire a finirla : Chessygrin : per cui ho preso l'abitudine di farla da seduto prima di andare a dormire. Nonostante questo, se sono stanco o assonnato mi riesce difficile mantenere la concentrazione senza interruzioni o voli pindarici. Praticare meditazione aiuta molto. Nel tuo caso, potrebbe essere utile provare a fare la tecnica da seduto (anche nel letto) per un po', in modo da allenare la tua capacità di concentrazione, prima di provare a farla da sdraiato.
Ma io vorrei essere un'aquila, vedere il piano del mondo che inclina verso di noi, e le leggi che s'inchinano,
Lanciarmi a inseguire il tuo deserto, e i saperi solenni, e le porte dorate... Cominciare di nuovo il viaggio.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 127
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 53 volte
'Mi piace' ricevuti:: 71 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda olrac » 08/10/2019, 17:48

Bella questione. Lavorando da anni su questo tema ho notato che la mente a volte non ce la fa a reggere la concentrazione perché durante la giornata non è stato fatto un sufficiente lavoro e gli esercizi per mantenere la consapevolezza non sono andati a buon fine.
Quando prepari questa 'base' è molto più semplice concentrarsi e avere di conseguenza episodi Wild, obe, lucidi.
Se non si usa nessuna tecnica durante la giornata e ci si perde continuamente in mille questioni quotidiane è chiaro che il cervello è impegnato in tante attività che non vuole fare e che a volte sono discordanti. In effetti costringiamo la mente a fare cose che magari non vuole durante il giorno...e alla fine lei si ribella. Come spesso fa il corpo e tutti gli organi che vogliamo in qualche modo controllare..
olrac
 
Messaggi: 540
Iscritto il: 07/06/2014, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 677 volte
'Mi piace' ricevuti:: 363 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda dixit » 08/10/2019, 19:22

L'attenzione è uno strumento fondamentale per ottenere la libertà (di prendere decisioni con il libero arbitrio, per esempio). Il fatto è che noi non abbiamo abbastanza forza di volontà per usarla come dovremmo. Allora qualcos'altro (il mondo intorno a noi, per esempio) ne approfitta e ci distrae continuamente. Dovremmo sviluppare la capacità di prestare un'attenzione solida e continuativa inflessibile, esercitandoci sempre. Ma siamo pigri. Quindi la causa siamo noi.
Il sonno è una conseguenza normale all'uso intenso dell'attenzione. Dobbiamo resistere a esso con tutte le nostre forze e rimanere svegli e concentrati (e mantenere un silenzio interno, come nella meditazione, ma a occhi aperti, in stato contemplativo). Portare questa pratica alle estreme conseguenze porta a sorprese inaspettate. Alla fine ci si libera definitivamente dal sonno, ma solo se si riesce a mantenere una concentrazione 24 ore su 24 (o giù di lì), molto intensa. Ci vuole una disciplina non comune. Si può anche sperimentare una notevole capacità di concentrazione, se si rimane attenti e con il silenzio interno per parecchie ore, poi diventa più facile.
Lo dico per esperienza diretta. Le sorprese sulla strada dell'attenzione sono molte... e alcune non si possono spiegare facilmente.
Dirò una cosa off topic, se non siete interessati a questioni non prettamente scientifiche, non c'è bisogno che leggiate:

Spoiler:
Lasciate perdere gli studi sulla mente e sulla psicologia in proposito. Solo sfondando la barriera del sonno molte volte e rimanendo concentrati e svegli come guerrieri riusciremo a capire cosa c'è che ci tiene in scacco e non vuole lasciarci la capacità di usare la nostra attenzione a piacimento.
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4614
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 133 volte
'Mi piace' ricevuti:: 652 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda IlBagatto » 08/10/2019, 23:08

Condivido quello che avete scritto cari dixit e olrac.
olrac ha scritto:Quando prepari questa 'base' è molto più semplice concentrarsi e avere di conseguenza episodi Wild, obe, lucidi.

Anche per me questo si ricollega alla lucidità onirica, la cui mancanza è l'altra faccia della medaglia. Credo che la nostra attitudine, modo di pensare e di osservare la realtà durante i sogni siano il riflesso di quello che siamo da svegli... E quindi uno dei motivi per cui ci riesce difficile essere consapevoli durante un sogno è che lo siamo poco anche durante la veglia.

Per cui non stanchiamoci, continuiamo ad incespicare su questa strada smisurata... : Wink :
Ma io vorrei essere un'aquila, vedere il piano del mondo che inclina verso di noi, e le leggi che s'inchinano,
Lanciarmi a inseguire il tuo deserto, e i saperi solenni, e le porte dorate... Cominciare di nuovo il viaggio.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 127
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 53 volte
'Mi piace' ricevuti:: 71 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda ipparcos » 09/10/2019, 9:59

Grazie per le vostre risposte...
La cosa strana è che il nostro cervello ha necessità di "distrarsi"... Ma credo che una plausibile spiegazione sia nella predominanza dei due emisferi del cervello: contare è un'attività prettamente dell'emisfero sinistro, fantasticare dell'emisfero destro. Ecco che quando sono steso a letto, inizia l'attività di conteggio (con l'emisfero sinistro), successivamente poi (sopratutto causa stanchezza e sonno) entra in gioco l'emisfero destro con le sue fantasticherie (non calcolabili o programmabili, nel senso che si fantastica quasi in automatico senza un controllo di cosa si stia fantasticando; ci si accorge che si sta fantasticando solo quando l'emisfero sinistro prende di nuovo le redini del discorso, riflettendo su cosa si stava pensando un istante prima) che poi saranno l'anticamera del sonno/sogno.
Una chiave di lettura credo che sia anche questa...
Da qui forse la conseguenza che il sonno/sogno è gestito dal lato destro del cervello e a quello dobbiamo puntare per aver sogni lucidi (?)....
Avatar utente
ipparcos
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 05/04/2017, 12:45
Ha  fatto 'Mi piace': 5 volte
'Mi piace' ricevuti:: 9 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda olrac » 09/10/2019, 15:11

ipparcos ha scritto:Grazie per le vostre risposte...
La cosa strana è che il nostro cervello ha necessità di "distrarsi"... Ma credo che una plausibile spiegazione sia nella predominanza dei due emisferi del cervello: contare è un'attività prettamente dell'emisfero sinistro, fantasticare dell'emisfero destro. Ecco che quando sono steso a letto, inizia l'attività di conteggio (con l'emisfero sinistro), successivamente poi (sopratutto causa stanchezza e sonno) entra in gioco l'emisfero destro con le sue fantasticherie (non calcolabili o programmabili, nel senso che si fantastica quasi in automatico senza un controllo di cosa si stia fantasticando; ci si accorge che si sta fantasticando solo quando l'emisfero sinistro prende di nuovo le redini del discorso, riflettendo su cosa si stava pensando un istante prima) che poi saranno l'anticamera del sonno/sogno.
Una chiave di lettura credo che sia anche questa...
Da qui forse la conseguenza che il sonno/sogno è gestito dal lato destro del cervello e a quello dobbiamo puntare per aver sogni lucidi (?)....


Per me è l'induzione al sogno lucido ad essere dominata dall'attività dell'emisfero destro. Lo prova il fatto che se non si sa gestire la propria immaginazione o visualizzazione, e si tenta di controllare troppo questa fase, si arriva a perdere sonno e allo sfinimento, con successivo mal di testa. Per questo è così difficile da ottenere quel 'lasciarsi andare' o 'rilassarsi completamente' che molti testi consigliano. Un po' come quando sei in barca e devi seguire i movimenti del mare per andare nella giusta direzione.
Nel sogno lucido invece riprende una dominazione dell'attività dell'emisfero sinistro. Infatti se non riusciamo a mantenere la concentrazione la lucidità svanisce. E la concentrazione si perde spesso proprio perché iniziamo a perderci nel lucido dimenticando le task preventivate.
Nei sogni normali invece mi pare che ci sia un altalenarsi delle attività cerebrali dovuta anche al susseguirsi di identificazioni e tensioni emotive che non permettono di raggiungere un equilibrio in nessuna delle due parti.
Nelle obe invece la questione è ancora un po' diversa...perché intervengono fattori energetici legati ai movimenti dei chakra (per chi ci crede) e al cosiddetto 'livello vibrazionale'...in cui l'attività mentale è meno accentuata.
olrac
 
Messaggi: 540
Iscritto il: 07/06/2014, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 677 volte
'Mi piace' ricevuti:: 363 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda Elica » 09/10/2019, 17:14

Per me è l'induzione al sogno lucido ad essere dominata dall'attività dell'emisfero destro. Lo prova il fatto che se non si sa gestire la propria immaginazione o visualizzazione, e si tenta di controllare troppo questa fase, si arriva a perdere sonno e allo sfinimento, con successivo mal di testa. Per questo è così difficile da ottenere quel 'lasciarsi andare' o 'rilassarsi completamente' che molti testi consigliano. Un po' come quando sei in barca e devi seguire i movimenti del mare per andare nella giusta direzione.


Posso rispondere fino a qua :D
Mal di testa , perdita di sonno e bla bla bla , li ho avuti proprio quando provavo a contare , mantralizzare e immaginare insieme...
Invece, come dici tu , quando mi rilasso e mi lascio andare entro quasi subito in ipnagogica. .. il mio problema è che ci sto così bene lì che non riesco a fare il passo successivo e mi addormento! :D
Elica
 
Messaggi: 114
Iscritto il: 26/07/2018, 10:06
Ha  fatto 'Mi piace': 133 volte
'Mi piace' ricevuti:: 57 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda dixit » 09/10/2019, 19:16

ipparcos ha scritto:La cosa strana è che il nostro cervello ha necessità di "distrarsi"...


Qui ti correggo: non è vero. Lo so per esperienza. La mente si stanca perché... non vuole andare avanti. Ma non è vero che ha bisogno di distrarsi.
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4614
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 133 volte
'Mi piace' ricevuti:: 652 volte

Re: Distrazioni mentali

Messaggioda IlBagatto » 09/10/2019, 22:41

olrac ha scritto:Nei sogni normali invece mi pare che ci sia un altalenarsi delle attività cerebrali dovuta anche al susseguirsi di identificazioni e tensioni emotive che non permettono di raggiungere un equilibrio in nessuna delle due parti.
Nelle obe invece la questione è ancora un po' diversa...perché intervengono fattori energetici legati ai movimenti dei chakra (per chi ci crede) e al cosiddetto 'livello vibrazionale'...in cui l'attività mentale è meno accentuata.

Ciao olrac, la mia esperienza m'insegna che ci sono tanti tipi di sogni normali, e quello di cui parli tu è il più basso, creato da vibrazioni grossolane e conflittuali causate, come giustamente dici, da identificazioni e tensioni emotive. Ma man mano che queste tensioni si rilassano e blocchi psichici vengono elaborati, le tematiche oniriche sembrano seguire il processo di trasformazione interiore del sognatore. Per esempio, studi che seguono i sogni di persone durante ritiri spirituali medio-lunghi (dai 7 ai 40 giorni) mostrano che intensi periodi d'introspezione e pratica spirituale sono accompagnati da un'evoluzione del contenuto onirico, con contenuti archetipici universali.

Così come esistono vari livelli di consapevolezza durante la veglia, esistono livelli di elementi onirici più o meno raffinati (lo stesso è legato anche ai personaggi onirici, e Citrato ha presentato una gerarchia molto interessante a questo proposito.) Trovo che le gerarchie legate a 'livelli vibrazionali' non sia soltanto tipica delle OBE o dei lucidi, e che l'influenza dei cosiddetti centri energetici (o chakra, o processi fisiologici legati al sistema endocrino e nervoso, se preferisci) si estenda anche ai sogni 'ordinari'.

Ma forse sono andato leggermente OT? :oops:
Ma io vorrei essere un'aquila, vedere il piano del mondo che inclina verso di noi, e le leggi che s'inchinano,
Lanciarmi a inseguire il tuo deserto, e i saperi solenni, e le porte dorate... Cominciare di nuovo il viaggio.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 127
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 53 volte
'Mi piace' ricevuti:: 71 volte

Prossimo

Torna a Discussioni generali sul sonno e i sogni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite