Indice I Sogni Lucidi Tecniche di induzione > TECNICA ADA (dal post di KingYoshi su DV)

Come ottenere e mantenere la lucidità nei sogni? Parliamo delle tecniche conosciute e delle vostre domande e commenti. Raccontateci le vostre tecniche personali e confrontatele con quelle degli altri. Aiuti esterni: dieta, integratori, dispositivi elettronici, musiche specifiche...

Re: TECNICA ADA (dal post di KingYoshi su DV)

Messaggioda DayDreamer » 14/03/2015, 1:02

ma il recall sarebbe il ricordo dei sogni?

Si
IMHO
"WILDs always happen in association with brief awakenings (sometimes one or two seconds long) from the immediate return to REM (rapid eye movement) sleep. The sleeper has a subjective impression of having been awake." (S. Laberge)

"I’ve learned how to have lucid dreams at will, so I know that it can be done, and I also know that it’s easy
— once you know how." (S. Laberge)
Avatar utente
DayDreamer
Autore wiki
 
Messaggi: 3326
Iscritto il: 23/01/2008, 19:32
Ha  fatto 'Mi piace': 166 volte
'Mi piace' ricevuti:: 370 volte

Re: TECNICA ADA (dal post di KingYoshi su DV)

Messaggioda Viaggiatore » 21/12/2016, 22:39

la sto provando
si tratta di usare il pensiero per comprendere la realtà
ma il pensiero consapevole e non meccanico
Viaggiatore
 
Messaggi: 372
Iscritto il: 12/11/2010, 18:16
Ha  fatto 'Mi piace': 2 volte
'Mi piace' ricevuti:: 30 volte

Re: TECNICA ADA (dal post di KingYoshi su DV)

Messaggioda andrea.callegaro » 21/10/2017, 11:49

Mi piacerebbe avere un chiarimento a proposito della tecnica. Apparte che sul sito inglese è stata aggiornata e sono stati inseriti alcuni chiarimenti sulla tecnica però chiedo lo stesso. La tecnica ADA va effettuata da sola oppure in combinazione con la WBTB?
andrea.callegaro
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 21/10/2017, 11:30
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 0 volta

Re: TECNICA ADA (dal post di KingYoshi su DV)

Messaggioda dixit » 21/10/2017, 12:32

La tecnica ADA è una tecnica a sé. Per cui la utilizzi tutto il giorno (ALL DAY AWAKE).
La Wbtb è un'altra tecnica. Certamente, se utilizzi due tecniche nel modo corretto avrai più probabilità. Il consiglio che di solito diamo è di iniziare con una tecnica e vedere se è adatta a te. Verificare se riesci a praticarla per lungo tempo, per mesi.
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4499
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 118 volte
'Mi piace' ricevuti:: 603 volte

Re: TECNICA ADA (dal post di KingYoshi su DV)

Messaggioda ipparcos » 24/12/2018, 14:06

Quello che non capisco di questa tecnica è come si possa essere consapevoli e stare attenti contemporaneamente a tutti gli stimoli sensoriali. Se sto camminando è focalizzo la mia attenzione, ad esempio, sui miei piedi che premono nella scarpa, mi perdo il colore verde di un edificio o l'odore di una sigaretta del tizio passato poco prima. Insomma ci possiamo focalizzare su un solo stimolo alla volta, e poi passare da uno all'altro. Si deve fare così? Perché è impossibile nello stesso istante avere la consapevolezza di tot stimoli sensoriali. O sbaglio?
Avatar utente
ipparcos
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 05/04/2017, 12:45
Ha  fatto 'Mi piace': 3 volte
'Mi piace' ricevuti:: 2 volte

Re: TECNICA ADA (dal post di KingYoshi su DV)

Messaggioda fcm19 » 27/12/2018, 18:01

ipparcos ha scritto:Quello che non capisco di questa tecnica è come si possa essere consapevoli e stare attenti contemporaneamente a tutti gli stimoli sensoriali. Se sto camminando è focalizzo la mia attenzione, ad esempio, sui miei piedi che premono nella scarpa, mi perdo il colore verde di un edificio o l'odore di una sigaretta del tizio passato poco prima. Insomma ci possiamo focalizzare su un solo stimolo alla volta, e poi passare da uno all'altro. Si deve fare così? Perché è impossibile nello stesso istante avere la consapevolezza di tot stimoli sensoriali. O sbaglio?

Non è impossibile focalizzarsi su più stimoli sensoriali nello stesso momento, è una capacità che viene da sé con la pratica.
All'inizio va benissimo concentrarsi anche su un solo senso alla volta come dici (magari fare un giorno uno, un giorno un altro), comunque non tutti assieme.
È anche importante dare dei limiti temporali all'esercizio: per iniziare bastano solo pochi minuti al giorno fatti bene e in determinate circostanze (ad esempio durante una passeggiata) piuttosto che estenderlo già a tutto il giorno quando ci si ricorda casualmente di farlo, il che sarebbe fortemente dispersivo.
Si noterà subito quanto è difficile rimanere consapevoli di sé e dell'ambiente circostante senza perdere concentrazione anche solo per un minuto consecutivo a causa dei pensieri involontari che affollano la mente!
Avatar utente
fcm19
 
Messaggi: 2226
Iscritto il: 30/07/2015, 11:38
Ha  fatto 'Mi piace': 294 volte
'Mi piace' ricevuti:: 425 volte

Precedente

Torna a Tecniche di induzione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti