Indice Condivisione esperienze Diario dei Sogni Lucidi > Collezione di oniroavventure (di Bee)

Raccolta personale dei propri sogni lucidi, da condividere.

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda Bee » 01/02/2022, 19:18

Arwen ha scritto:Nel mio caso purtroppo mi aiuta solo a stabilizzare :cry: ma nel prossimo sogno lucido voglio provarci di nuovo, insieme alla tecnica dello specchio, più che altro perché per quanto concerne teletrasporto e apparizione di personaggi sono una frana, quindi magari è solo questione di allenamento e di perseveranza

Secondo me potresti provare allora tecniche alternative, perché a volte il nostro cervello si fossilizza su alcune credenze, in questo caso di impossibilità di alcune azioni, e può essere utile trovare il modo di aggirarle. Quindi ad esempio se provi spesso lo spinning tenta la strategia dello specchio, oppure escogita una tecnica tutta tua, per poi tornare allo spinning un seguito.

Per quanto riguarda il bosco è sempre legato alle mie storie (si tratta, in particolare, della foresta di Hallerbos in Belgio, nella storia si chiama in un altro modo ma è quella) è il luogo in cui tutto ha inizio e in cui i personaggi a cui sono più affezionata sono più presenti : Love :

Ho cercato delle foto ed è davvero un posto bellissimo. Sicuramente si tratta di una coincidenza, ma assomiglia molto a quello che ricordo del bosco che sognavo da bambina, probabilmente per questo alone di magia e mistero che accomuna entrambi i luoghi. Spero proprio che riuscirai a raggiungerlo, sono proprio curiosa di sapere come potrebbe mostrarsi in sogno.

Sono comunque rimasta tanto affascinata dall'ultima parte, se ci torni mi piacerebbe moltissimo leggere particolari dell'ambiente, ad esempio se avvertivi la temperatura, il vento... quanto erano accesi i colori... bello bello bello : Love 2 :

Assolutamente! Quando ci tornerò proverò a fermarmi e a stabilizzare meglio il sogno per osservarmi meglio attorno, così da godermi meglio l'esperienza, e tornerò con accurate descrizioni. : Sailor :
Happiness and steady hands
Avatar utente
Bee
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 04/12/2020, 23:10
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda Bee » 16/02/2022, 13:23

Se qualcuno si sta aspettando che io sia riuscita a completare la task del bosco avrà una brutta sorpresa, perché sono invece andata a trovare i Teletubbies.
Un attimo di giustificazioni: ho un pochino di ansia riguardo alla task che ho appena menzionato, che riguarderebbe il trovare un luogo che compariva nei miei sogni ricorrenti quando ero piccola, perché temo che sia una missione un po' complicata da portare a termine. Quindi, come uno fa, ho deciso di trovare una task di riserva, e quella task consiste nel raggiungere il prato dei Teletubbies, perché, non mentiamo a noi stessi, è bello : CoolGun : .
Quindi niente, è quello che ho fatto.

09/02/2022
Sono in salotto a casa mia, ed è notte. Con me c'è una ragazza con cui sono uscita una volta l'anno scorso, che si sta lamentando di qualcosa da diverso tempo. Io prendo in mano il telefono per fare qualcosa mentre la ascolto, e noto che sono le 28:24. Sono confusa, ma è tutto eccessivamente realistico perché possa essere un sogno, penso, e l'altra alternativa che mi viene in mente è che il mio telefono sia rotto. Dico alla ragazza di fare un attimo silenzio, e condivido con lei i miei sospetti. Come prima cosa faccio il test del dito, che però non si allunga. Poi le chiedo di porgermi una scatola di vitamine che si trova su un comodino, e leggo la parola "effetti". Chiudo un attimo gli occhi, e quando la rileggo di nuovo c'è scritto "affetti". Come ultimo test vado nell'ingresso e cerco di svolazzare un pochino con la tecnica Iron Man, anche se non riesco bene a prendere quota. Con questo mi convinco definitivamente di essere in un sogno.
Mi ricordo della mia task del prato dei Teletubbies, e decido di provare a raggiungerlo.
Penso allo spinning, ma so che se completassi un'altra task in questo modo non potrei perdonarmelo. Raggiungo la finestra e mi butto, e volo usando la mia vecchia tecnica di nuotare nell'aria, che funziona bene. La città sono di me è enorme, piena di luci brillanti e palazzi immensi. Sembra una grande metropoli durante la prima rivoluzione industriale, magari Londra. Mentre scendo di quota noto le chiese caratteristiche di Firenze, e capisco di trovarmi lì. Le vie sono stranamente affollate per essere notte.
Plano su una strada larga e in discesa, al cui centro passano alcune macchine d'epoca e i cui marciapiedi sono rialzati e porticati. Noto che tante delle persone che camminano lì attorno hanno maschere di plastica nere o trasparenti, da medico della peste. Questo mi mette a disagio, ma decido di non farci caso. Mi avvicino ad un poliziotto senza maschera, che però cammina con un uomo basso che la porta, trasparente. Gli chiedo quale autobus porti al prato dei Teletubbies, ma lui inizialmente non mi risponde. A questo momento sto ancora fluttuando, e noto che tante persone mi stanno guardando. Penso che se le cose si mettono male posso sempre usare la parola magica. L'uomo basso, però, si gira verso di me con un sorriso inquietante e pronuncia proprio la mia parola, dicendo: "*** non può aiutarti qui". Io sono spaventata, ma sono quasi certa che la parole, in realtà, funzionerebbe ugualmente, e cerco di non farmi influenzare. Mi giro di nuovo verso il poliziotto per insistere. Lui cede, e mi spiega irritato che ci sono dei treni per arrivare al prato, ma che partono da Monza.
Mentre parliamo noto un cartello che indica una stazione dei taxi. Scendo sulla carreggiata, e noto una piccola serie di tre taxi gialli, relativamente moderni. Salgo sul primo, e noto che la guidatrice è una donna anziana. Le dico dove voglio andare, e lei mette in moto. La donna, mi domanda se io abbia davvero i mezzi per andare a Teletubbielandia, mentre passiamo per una galleria illuminata da luci arancioni. Io immagino di poter accedere al mio reale portafoglio, e le dico quanti soldi so effettivamente di avere. Lei però mi dice che non è questo che le interessa, che per giungere a Teletubbielandia non sono necessari soldi, ma il sorriso. :wyn: Io allora cerco di mostrarmi entusiasta, e le spiego che quando ero piccola, era il mio scenario dei cartoni preferito.
Mentre parlo mi accorgo che siamo quasi arrivate: siamo uscite dalla galleria, e alla nostra sinistra, un po' più in basso rispetto alla strada il prato finto con i suoi fiori si dispiega lungo qualche centinaio di metri. È largo come un campo da beach volley, e attorno ad esso c'è un bosco con conifere alte. C'è il sole ora, e fa caldissimo. Io scendo dal taxi e comincio l'esplorazione, percorrendo tutta la lunghezza del prato. In alcuni punti questo è piatto, in altri ci sono le caratteristiche collinette con i fiori. Non sono proprio soddisfatta, perché è un po' piccolo, ma lo accetto.
È pieno di ragazzi che giocano a vari sport e chiacchierano riuniti attorno ad alcuni tavoli di legno da picnic, e nell'ultima parte, completamente circondata dal bosco, è pieno di persone che conosco. Sono loro a farmi perdere lucidità. Appena me ne rendo conto, mi sforzo di svegliarmi
Happiness and steady hands
Avatar utente
Bee
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 04/12/2020, 23:10
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda Bee » 16/02/2022, 13:41

Dopo il sogno dei Teletubbies ho cominciato a fare solo incubi, tanto che sono dovuta andare in terapia. Spero che il socio con la maschera da medico inquietante non mi abbia cacciato una maledizione. : Sailor :
Gli unici due sogni lucidi che ho fatto da allora sono due incubi (giustamente), e li racconto entrambi qui. Adesso la situazione sta un pochino migliorando, quindi immagino che tornerò a fare lucidi normali presto.

10/02/2022
Sono con una coppia che vuole fare un threesome in una sorta di garage arredato che dà su un marciapiede sulla riva di un canale. Io cambio idea mentre stiamo ancora facendo aperitivo e riesco ad andarmene. Cerco di scalare il muro che porta dal canale alla strada principale, e ad un certo punto prendo lucidità.
Non so cosa voglio fare, sono molto poco cosciente ed è come se non sentissi le sensazioni del mio corpo. Penso di scrivere una poesia, che è una delle mie vecchie task, ma mi vengono in mente solo frasi del calibro di: "i sogni lucidi sono belli", quindi lascio perdere. Comincio a fare una lunga serie di spinning (molto on brand), ma non ricordo come si facciano. Prima provo tappandomi il naso come se stessi saltando in piscina, poi schioccando le dita.
Mentre faccio queste cose randomiche, mi viene in mente di fare una cosa che volevo da tempo, ovvero parlare con mia nona che è mancata pochi mesi fa. Mi fermo un attimo e sfrego le mani tra di loro, e il mio corpo prende più forma.
Faccio un altro spinning fatto male e mi ritrovo in questa versione distorta e grandissima del salotto di casa di mia nonna. È come se i muri e l'arredamento fossero replicati all'infinito da tantissimi specchi posti a varie angolazioni, dando l'immagine di questo enorme spazio liminale che riproduce sé stesso. Sulla poltrona gialla su cui si sedeva sempre, che guarda la televisione, trovo mia nonna. Mi siedo vicino a lei e parliamo. Nel frattempo il sogno si dissolve.


11/02/2022
Sono nel bagno di una scuola mentre avviene una sparatoria.
Prendo lucidità e salto dalla finestra per allontanarmi. Faccio uno spinning a mezz'aria ma anche questa volta tappandomi il naso. Penso ad un deserto soleggiato, ma finisco invece a casa mia, ed è buio. Vorrei svegliarmi, perché la sensazione di terrore è troppo forte per riuscire a controllare o gestire il sogno. Provo ad urlare fortissimo, ma ovviamente non funziona. Tento di aprire gli occhi ma inizio solo a vedere tutto distorto, anche questa volta tutto si duplica in modi strani.
Quando riesco di nuovo a guardarmi intorno e lo scenario è di nuovo normale, nel vano buio della porta di camera mia c'è uno spaventapasseri altissimo e tutto nero.
Happiness and steady hands
Avatar utente
Bee
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 04/12/2020, 23:10
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda Bee » 07/02/2023, 0:46

Bee ha scritto:Dopo il sogno dei Teletubbies ho cominciato a fare solo incubi, tanto che sono dovuta andare in terapia. Spero che il socio con la maschera da medico inquietante non mi abbia cacciato una maledizione. : Sailor :

Bho raga mi sa che la maledizione me l'aveva cacciata sul serio.

Per chiunque stia leggendo e si ricordi chi sono, benritrovati! Dopo circa un anno son di nuovo qua, e me la sento di nuovo di approcciarmi ai sogni lucidi. L'ultimo post qua sul diario è stato molto premonitore purtroppo, perché per i mesi successivi ho fatto solo incubi per via di un po' di stress post traumatico, e anche nel periodo seguente non è che io abbia guardato ai sogni con la stessa tranquillità che avevo prima. C'è voluto tempo perché io arrivassi dove sono adesso e sentissi che fosse il momento di ricominciare.

Detto questo, non ho ancora cominciato con serietà a seguire le mie vecchie tecniche, quindi quello che vi sto per raccontare è proprio un sogno lucido brutto, ma volevo cogliere l'occasione per fare la mia ricomparsa, anche perché ho visto che ultimamente c'è meno attività sul forum rispetto all'anno scorso. Per non dilungarmi troppo: son contenta di essere di nuovo qui e non vedo l'ora di condividere altre scoperte oniriche con voi. : Love :

05/02/2023
Mi trovo in casa mia con una mia amica, e per qualche motivo ce l'ho di brutto con lei, o ne sono spaventata. La convinco ad uscire sul pianerottolo e la chiudo fuori. La vibe inizia a farsi molto inquietante, e mi accorgo che ad altezza viso sulla porta c'è una finestrella di vetro. Nello stesso momento capisco di star sognando.
So che ormai si sta trasformando in un incubo, e che se guarderò fuori dalla finestrella la mia amica si sarà trasformata in qualcosa di spaventoso.
Visto che nei miei sogni chiudere le porte a chiave non funziona mai, escogito un altro piano: guardo dalla finestrella prendendo coraggio
(ero comunque molto lucida a questo punto) e vedo inizialmente solo il buio. Poco dopo spunta la mia amica, che mi guarda in modo inquietantissimo con gli occhi sbarrati e sorridendo troppo.
Io ignoro il suo essere inquietante e mi metto a spiegarle che si tratta di un sogno, e che quindi può tipo smetterla. Lei capisce e torna normale, e io apro la porta per farla entrare di nuovo. Pensavo di aver risolto così la situazione, ma aprendo la porta mi rendo conto che la sensazione che ci sia qualcosa di malvagio non passa, e semplicemente si è trasformato in qualcosa di più vago che si trova sempre sul mio pianerottolo.
Io e l'amica ci ingegniamo per barricare la porta, e nel frattempo perdo lucidità.
Happiness and steady hands
Avatar utente
Bee
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 04/12/2020, 23:10
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda LuKe94 » 07/02/2023, 1:15

Ciao Bee bee-n tornata! : Nar :
Sei scomparsa all'improvviso e mi ero un po' preoccupato quindi sono felice di rileggerti!
Riguardo all'ultimo sogno, anche se non è il lucido della vita è pur sempre un sogno lucido. Spero che sia una base di ripartenza per le avventure che desideri, a presto! :D
Get chance and luck!
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 788
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 157 volte
'Mi piace' ricevuti:: 167 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda Bee » 09/02/2023, 3:41

Nuovo piccolo lucido, sto ancora faticando nel tenere a mente abbastanza sogni per notte e nel mantenere la lucidità. Prima lo racconto, poi volevo chiedervi una cosina.

08/02/2014
Sono in un'aula del mio vecchio liceo, ma i banchi sono di legno antico e lucido. La professoressa sta presentando un evento, mentre io rifletto sul fatto che visto che è quasi primavera non riuscirò mai a ricordare il nome di tutti i miei compagni prima che la scuola finisca. Entrano due persone in più e la prof mi fa spostare di banco. Mi siedo vicino a un ragazzo che assomiglia a un mio conoscente.
Nell'intervallo chiacchieriamo, e io gli racconto che durante tutti questi anni ho sognato spesso di dover frequentare per una seconda volta l'ultimo anno del liceo e di dover dare di nuovo la maturità (cosa vera e comprensibile), e scherzo sul fatto che devo averlo manifestato, perché adesso sta succedendo veramente. Mentre lui mi risponde io ci rifletto un attimo e capisco.
Lo interrompo prendendolo per le spalle gasatissima, e gli dico che siamo in un sogno anche sta volta. Lui, giustamente, ride come se fosse una battuta e va avanti con quello che stava dicendo.
Voglio fare un reality check per dimostrargli che ho ragione: prendo la bottiglietta d'acqua che c'è sul banco e spingo la plastica con un dito. Il dito trapassa la bottiglia, e la plastica lo avvolge come se fosse morbida ed elastica. Il bro è entusiasta, e mi chiede di fare qualcosa d'altro. Gli insegno il reality check del dito. Lo tiro e si allunga un pochino. Lui invece soffia alla base dell'indice, che si allunga e poi si trasforma in una di quelle trombette di carta che i bambini usano a carnevale, e fa un piccolo suono divertente.
Mi alzo e lui mi segue. Penso a tutte le task che potrei portare a termine ma non riesco a decidermi per nessuna. Mi rendo conto di star iniziando a percepire il mio letto, e a poco a poco mi sveglio.


Insomma, son già due notti che penso che se avessi avuto una task piccola e semplice e carina sarei riuscita a portarla a termine, ma invece così non mi sento abbastanza confident nel provare a fare quelle grosse che ho in ballo da tempo, e non mi viene giustamente in mente niente sul momento da provare.
Quindi se per caso aveste qualche task proprio minuscola giusto così per ricominciare, fatemi sapere.
Happiness and steady hands
Avatar utente
Bee
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 04/12/2020, 23:10
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda NeuroEngineer » 13/02/2023, 11:49

Ciao Bee bee-n tornata! : Nar :

Il saluto originale me lo ha rubato Luke, quindi...

Ben tornata @Bee!! :angel:
Negli ultimi due mesi circa, purtroppo, siamo stati tutti un pò inattivi, ma non ti lasciar ingannare dalle apparenze perché di cose ne sono successe (eccome!) negli ultimi tempi. Ti invito a dare un'occhiata a qualche topic di fine 2022, sono sicuro che qualcuno di questi stimolerà la tua attenzione e la tua immaginazione.

non mi viene giustamente in mente niente sul momento da provare. Quindi se per caso aveste qualche task proprio minuscola giusto così per ricominciare, fatemi sapere.

Eh sì, la paralisi decisionale segna la fine del SL. L'idea di riprendere gradualmente a svolgere task, partendo dalle piccole e puntando alle "grandi", è una buonissima idea.
Ultimamente ho provato quella di muovere oggetti pesanti con il pensiero: un tavolo, poi un frigorifero, poi un camion e infine un albero che, da sradicare (almeno per quanto riguarda la mia aspettativa) è molto più complicato!
Come sempre, se vorrai provare, ti consiglio di accompagnare l'intenzione con un gesto fisico che dia "supporto placebico" alla tua azione; io mi pongo a una decina di metri dall'oggetto, poi pongo la mano davanti come se lo stessi coprendo e la chiudo a pugno, come per afferrarlo a distanza. In seguito semplicemente muovo il pugno chiuso in diverse direzioni a seconda di dove voglio che vada l'oggetto.
Funziona molto bene e vorrei provarlo anche su pianeti distanti, magari rendere la Luna a portata di mano (anzi, di volo!). Ho intenzione di identificarla nel cielo, usare lo stesso gesto e la stessa tecnica per poi trascinarla verso di me: vedremo che cosa immaginerà che accada la mente.

Per il resto, in bocca al lupo!

E come disse, dedicandotela, Emily Dickinson:
Per fare un prato ci vuole un trifoglio e un’ape:
un trifoglio e un’ape
e sogni ad occhi aperti;
E se saran poche le api,
basteranno i sogni.
{La Realtà gioca a scacchi con la nostra mente: alla coscienza non resta che capire come dare scacco matto}
Avatar utente
NeuroEngineer
Autore Sognopedia
 
Messaggi: 1010
Iscritto il: 26/08/2021, 17:53
Località: Pianeta Terra
Ha  fatto 'Mi piace': 318 volte
'Mi piace' ricevuti:: 332 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda Bee » 13/02/2023, 18:01

Bellissima questa quote, non l'avevo mai sentita! : Chessygrin :

Per quanto riguarda la task della luna capita proprio a proposito: stavo leggendo in questi giorni il topic riguardo all'andare nello spazio, e pensavo di ripartire da lì una volta che avrò preso dimestichezza. Visto che uno degli ultimi bei lucidi che avevo fatto riguardava salire sopra le nuvole, penso che sarebbe un proseguimento interessante. Non mi aspetto per niente che sia facile, però quando mi servirà una task bella grossa punterò su quella. Sono molto curiosa riguardo al tuo esperimento di telecinesi quindi, aspetto di sapere come andrà!
Happiness and steady hands
Avatar utente
Bee
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 04/12/2020, 23:10
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Re: Collezione di oniroavventure (di Bee)

Messaggioda Bee » 17/02/2023, 20:20

Devo ammettere che ricominciare a pieno regime non sta essendo semplicissimo. Sto facendo parecchi sogni lucidi per i miei standard, ma sono tutti in qualche modo "sfortunati". Scrivo comunque i due di questa settimana, e potrete capire che cosa intendo.

16 febbraio 2023
Mi trovo in una piccola casa ed è buio. Con me c'è la mia famiglia. guardo fuori dalla finestra e vedo uno scenario post apocalittico e desolato. Nel cielo ci sono due soli, entrambi molto poco luminosi e piccoli, quasi opachi. Capisco di star sognando.
La mia task corrente era quella di raggiungere un museo dalla forte atmosfera magica che ho sognato recentemente in un sogno non lucido. Esco di casa con mio fratello e ci troviamo nella nostra città universitaria in una giornata di sole. Uso una strategia che in alcuni lucidi aveva funzionato, e chiedo a lui di portarmi al museo. Poco dopo siamo su una barchetta a remi che navighiamo per il porto. Giungiamo sotto una barca più grande, e io so che sopra questa si trova il museo marittimo, che non è proprio ciò che stavo cercando, ma mi dico che magari l'atmosfera sarà la stessa, ed è quello che mi importa.
Salgo e parlo con la ragazza che vende i biglietti, che però mi dice che è pieno, e di aspettare. Io non sto percependo la sensazione che vorrei, e quindi scelgo di allontanarmi, anche per non rischiare di perdere lucidità. mi butto dal parapetto e volo con estrema facilità. raggiungo il centro della città, diverso da com'è veramente, ed esploro volando.


La sfortuna di questo sogno è che è uno dei primi che ho fatto quella notte. Ero estremamente lucida e stabile, e il sogno era vividissimo e pieno di dettagli, eppure ricordo veramente poco di quello che ho fatto e visto. :hanging:


16 febbraio 2023
Io e una mia cara amica (che chiameremo Giorgetta) prendiamo un aereo per andare a fare una lunga vacanza in un altro paese europeo. Quando arriviamo ci dirigiamo verso un grande palazzo occupato, dove dormiremo o con la sua tenda, o in un grande stanzone riscaldato con altre persone, nei sacchi a pelo. Tutto questo me lo spiega Giorgetta mentre camminiamo con gli zaini per un boschetto.
Se a questo punto fossi stata lucida avrei realizzato che era il momento migliore per tentare la mia task del bosco, ovvero la mia task più importante, che consiste nel raggiungere un bosco che da piccola sognavo molto spesso, la cui aura magica era più forte che quella di qualunque altro luogo. Il boschetto in cui stavamo camminando aveva un'atmosfera vagamente simile.
L'edificio, quando lo raggiungiamo, sembra una scuola, e noi saliamo un paio di piani. Ci troviamo in un'aula dove i banchi sono messi vicini tra loro e ci sono delle persone sedute attorno: sono le mie vecchie compagne del liceo, e la mia ex. Sono stupita nel vederla, e quando saluto tutti cerco di salutare anche lei, ma non incrocia il mio sguardo. E' vestita di rosso. Oltre a loro ci sono altre persone, tra cui degli uomini di mezza età e anziani, ragazze più giovani di me, e altre tre ragazze che conosco nella realtà, tra cui un'altra mia cara amica che chiameremo Filippa. Tante persone sono vestite dello stesso rosso della mia ex, e dopo poco la perdo di vista definitivamente.
Giorgetta si allontana con una nostra amica, mentre io metto a posto le mie cose, e ben presto nella stanza non rimane nessuno che conosco. Ci rimango male, mi sento a disagio. Provo a interagire con delle ragazze che sono lì, ma presto una di loro si avvicina, e mi dice gentilmente che sono lo seduta al suo posto. Mi alzo e provo a telefonare a Filippa. Le spiego cosa vorrei fare: andare a vedere il tramonto (siamo vicino alla spiaggia dove andavo a vederlo da piccola), e poi andare a bere qualcosa al bar del piano terra, e andare a ballare in una delle stanze con musica e concerti. Lei mi chiede di aspettarla, ma poi quando la richiamo, perché il sole è ormai quasi tramontato, mi dice di aver cambiato idea.
Io sto per chiamare Giorgetta, anche se la cosa mi imbarazza, quando mi si avvicina un ragazzo con cui avevamo fatto la strada per arrivare alla scuola. Mi propone di venire lui con me, e io accetto perché sembra simpatico.
Quando usciamo il sole ormai è calato, e vediamo che ha piovuto molto forte. Io sono uscita con le ciabatte che uso in casa, perché non sono riuscita a trovare le mie scarpe, visto che tutte le persone arrivate dopo di me le avevano lasciate nello stesso sgabuzzino. Non voglio sporcarmi finendo in qualche pozzanghera con le ciabatte, e quindi lui mi prende per mano e inizia a correre, così che io plani dietro di lui. Entriamo in un giardino con vialetti, muretti e fontane di pietra. Corre e io plano dietro di lui per tutti i giardini, ci divertiamo moltissimo. Alla fine ci fermiamo su un muretto molto alto, lui si siede incurante del bagnato, io resto in piedi. Per scherzo faccio finta di cadere, e mi attacco al muretto con le mani. Lui mi rimprovera scherzosamente. Io sento il mio corpo leggerissimo e lo faccio di nuovo, tenendomi poi a una sporgenza di ferro più in basso. La terza volta tocco terra. Capisco di star sognando.
"Ti posso dire una cosa?" gli chiedo. "Siamo in un sogno". Lui è confuso. Torno su, dandomi la spinta sul muretto, e resto aggrappata alla ringhiera vicino a lui con una mano, per spiegargli meglio. "Vedi, questa pietra è di plastica", gli dico indicando una delle pietre del muretto. Lui ci bussa sopra, e il suono è quello di plastica vuota. "E questa pietra, anche è di plastica". Sto per fare un trick per togliergli ogni dubbio, distorcendo l'intero muretto con le mani, ma mi sveglio.

Anche questo sogno aveva ottime potenzialità, perché mi sentivo molto lucida, però è stato l'ultimo sogno della nottata, e pochissimi minuti dopo è suonata la sveglia. Persiste sempre il problema di non riuscire ad appassionarmi abbastanza ad una task che sia fattibile e che mi dia una direzione appena presa lucidità.
Happiness and steady hands
Avatar utente
Bee
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 04/12/2020, 23:10
Ha  fatto 'Mi piace': 22 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Precedente

Torna a Diario dei Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti


cron