Indice Condivisione esperienze Diario dei Sogni Non Lucidi > Diario onirico di Malibu

Sogni e incubi NON lucidi, caratterizzati dall'essere unici o ricorrenti, emotivi o bizzarri. Diario che volete condividere con gli altri utenti per ricevere commenti e pareri.

Diario onirico di Malibu

Messaggioda malibu736 » 19/12/2022, 12:02

19/12/2022
Mi ritrovo a camminare a bordo di una piscina in cui c'erano dei conoscenti che frequentano la mia stessa palestra. Saluto uno di loro e mi accingo a sdraiarmi nel lettino accanto a lui, ma invece di andare verso il lettino, decido di allontanarmi. Mentre cammino tra la gente, (a questo punto sono in spiaggia), mi accorgo di indossare il cappotto invernale, nonostante sia palesemente estate. Mi stupisco del fatto di non sentire caldo, anzi, sto bene con il cappotto, ma temendo di risultare ridicola, decido di toglierlo.
Incontro altre persone e poggio il cappotto sulla sabbia, mi allontano con loro e quando torniamo ci accorgiamo che qualcuno ha rubato tutto.
Ci incamminiamo concitati per cercare le nostre cose e le troviamo sul bordo di un viale, vicino a dei cespugli. Recupero il cappotto e realizzo subito che mi hanno rubato le chiavi della camera dell'hotel. Frustrata mi dirigo in camera, dove trovo il mio compagno, insieme constatiamo che mancano dei soldi, anche se la stanza è stranamente in ordine.
A questo punto sono disperata e piena di rabbia, subito penso che in reception hanno le telecamere e che quindi sapranno senz'altro chi è stato, il compagno conferma che è così, ma noi non possiamo fare nulla, perché alla reception non ci faranno visionare i filmati, ne si interesserebbero dell'accaduto. Resto con la mia rabbia e un briciolo di speranza di collaborazione da parte dell'hotel. Mi sveglio
Le cose sono o non sono.
Se desideri una cosa, significa che non ce l'hai, significa che non credi che sia già lì, e questo vuol dire che non ci sarà mai.
Il fuoco è o non è.
Ciò che tu chiami magia, è solo non lasciare che il mondo sia altro, da ciò che vuoi che sia
Avatar utente
malibu736
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 19/10/2022, 9:49
Ha  fatto 'Mi piace': 34 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

Re: Diario onirico di Malibu

Messaggioda malibu736 » 19/12/2022, 12:14

17/12/2022
Sogno breve
Camminavo in un giardino, anche se era piuttosto scarno. In un piccolo ruscello, in cui l'acqua raggiungeva il bordo dell'erba, noto dei gatti, (sia cuccioli che adulti). Erano forse 6 o 7 nuotavano beatamente a dorso in ogni direzione. Erano grigi con striature leggermente più scure, ma la coda non era lunga, era tonda. Volevo accarezzarli, perchè erano di un tenero infinitamente irresistibile, ma sapevo benissimo che quelli erano gatti selvatici e che con tutta probabilità mi avrebbero affettato le mani, anzi, ero cosciente che se cercavo di accarezzarli sarebbero diventati feroci.
Le cose sono o non sono.
Se desideri una cosa, significa che non ce l'hai, significa che non credi che sia già lì, e questo vuol dire che non ci sarà mai.
Il fuoco è o non è.
Ciò che tu chiami magia, è solo non lasciare che il mondo sia altro, da ciò che vuoi che sia
Avatar utente
malibu736
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 19/10/2022, 9:49
Ha  fatto 'Mi piace': 34 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

Re: Diario onirico di Malibu

Messaggioda malibu736 » 19/12/2022, 12:29

16/12/2022
Ero in macchina con il mio compagno, guidavo per raggiungere il capoluogo di provincia della mia regione.
Scesi dalla macchina, ci addentriamo nelle vie della città, il paesaggio intorno a noi era fatto da tante piccole viuzze del centro storico, svoltando in una traversa, passiamo sotto una galleria e all'uscita ci troviamo in un grande campo di fiori che mi arrivavano fino alle ascelle.
Inizio ad imprecare con il mio compagno perchè ci saremmo ritrovati tutti sporchi di rovi, ma nel frattempo dico a me stessa che è uno spettacolo bellissimo, quasi surreale, infatti decido che è il caso di fare un test di realtà, ma la voglia di uscire in fretta dal campo, ha la meglio, (occasione di diventare lucida persa : WallBash : ).
Il motivo del viaggio era la morte di una persona che conosceva il mio compagno, infatti nelle strade venivano proiettate le immagini della persona deceduta insieme alla sua compagna. Entrambe avevano delle deformità agli atri inferiori, infatti avevano piedi piccolissimi e indossavano delle scarpe nere con tacco alto e spesso.
Arrivati in un bar, il mio compagno si siede ad un tavolo con altre persone, senza badare a me e mia figlia che eravamo rimaste senza posto a sedere, io irritata, vado via e scendo delle scale per cercare un altro posto per sedermi. Una volta seduta mi metto a cercare tra i vari cd che ho portato in una custodia, una canzone che ho voglia di ascoltare
Le cose sono o non sono.
Se desideri una cosa, significa che non ce l'hai, significa che non credi che sia già lì, e questo vuol dire che non ci sarà mai.
Il fuoco è o non è.
Ciò che tu chiami magia, è solo non lasciare che il mondo sia altro, da ciò che vuoi che sia
Avatar utente
malibu736
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 19/10/2022, 9:49
Ha  fatto 'Mi piace': 34 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

Re: Diario onirico di Malibu

Messaggioda malibu736 » 02/02/2023, 10:03

Buongiorno a tutti, devo premettere che sto leggendo una saga che mi sta toccando tantissimo e il sogno di questa notte, è animato anche dai protagonisti della storia.

Mi trovo in un bosco, l'erba sotto i miei piedi cresce rigogliosa, sono vicino ad un albero e osservo Vasja che era con il re dell'inverno e immaginava dei posti, che fossero in successione, per attraversarli e incontrarsi col demone (re dell'inverno), senza pericoli.
Io ero immobile, uno di fronte all'altro, con il demone, per trovare un accordo che non fosse il caos.
Restavo calma e guardavo le immagini nella mia testa, era solo l'attesa che rendeva tutto come doveva essere.
Subito dopo, partecipavo al funerale di mio suocero, (che è nell'oltre e con il quale non avevo un bel rapporto), e subito dopo stavo organizzando quello di mia zia (nell'oltre anche lei, con la quale avevo un rapporto meraviglioso).
Dovevo scegliere la lavorazione della lapide, ma quella che piaceva a me era su pietra, sapevo però che alle mie cugine piaceva il marmo invece, le raggiungo in una terrazza chiusa, erano sedute al tavolo e parlavano tra loro, non appena sono entrata, hanno smesso di parlare.
Io ricordo di esserci rimasta un po' male, non pensavo che ci fossero segreti tra noi.
Le cose sono o non sono.
Se desideri una cosa, significa che non ce l'hai, significa che non credi che sia già lì, e questo vuol dire che non ci sarà mai.
Il fuoco è o non è.
Ciò che tu chiami magia, è solo non lasciare che il mondo sia altro, da ciò che vuoi che sia
Avatar utente
malibu736
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 19/10/2022, 9:49
Ha  fatto 'Mi piace': 34 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

Re: Diario onirico di Malibu

Messaggioda malibu736 » 14/03/2023, 13:25

Buongiorno sognatori, premetto che ho iniziato a costruire il mio altare dei sogni, ho messo un vassoio sul comodino, con dentro delle pietre che si illuminano al buio, al centro ho posizionato la statua di una fata e delle collane con dei ciondoli a forma di stella e luna, anch'esse si illuminano al buio.
Ho spento le luci e la visione che ne è scaturita, mi ha riempito di una felicità indescrivibile.

Sogno del 22/02/2023
Mi trovo su una spiaggia, è una notte serena, sono con due conoscenti (che nella realtà non conosco), uno di loro sta per tuffarsi nel mare con un monociclo. Io sono vestita con dei vestiti semplici dallo stile antico, la gonna è lunga e marrone, un grembiule bianco e una camicetta. Mi spoglio per tuffarmi anch'io nel mare e poggio i vestiti sulla sabbia, in mano ho anche il mio smartphone che poggio sotto i vestiti. L'altro conoscente mi dice che il suo amico è pazzo, ma io sono più pazza di lui a quanto pare. Sono felice e sento un senso di libertà ed euforia mentre corro nel mare, dove vogliamo disegnare nell'acqua con la sabbia. Mentre corro vedo guizzare dei pesci intorno a me, erano tipo delle anguille, ma più grandi e spesse. Poco dopo ci raggiunge anche l'altro conoscente, dopodiché sentiamo i pesci che ci nuotano attorno, toccandoci le caviglie, quindi decidiamo di uscire, più camminiamo verso la riva e più il fondale diventa pieno di pesci e fili di erba sottili e marroni che ci sfiorano.
Io mi appoggio alla schiena di uno di loro e uscendo insieme ci assale un senso di ribrezzo per ciò che è sul fondo, ma il clima resta scherzoso. Una volta fuori trovo un palo con delle manopole, le giro ed esce l'acqua, è una doccia, ma io non ne avevo mai vista una, è qualcosa di nuovo per me. Inizio a sciacquarmi via la sabbia, mentre gli altri cercano di pulirsi alla meglio con le mani. Io sono nuda e noto delle ragazzine che mi guardano dalla porta in vetro di casa loro, so che gli adulti le avrebbero sgridate se le avessero viste spiarmi, guardando la mia nudità. Mi faccio guardare anche dai miei conoscenti, mi sento a mio agio e guardando all'interno della vetrina di fronte a noi, noto che c'è un museo, è notte, quindi è chiuso, ma alcune luci all'interno, mostrano un cavallo (forse imbalsamato), a dimensioni reali, con le zampe anteriori sollevate.
Quando mi sveglio sono felice, sembra che quell'epoca e quel posto mi appartengono, come fosse una mia vita parallela
Le cose sono o non sono.
Se desideri una cosa, significa che non ce l'hai, significa che non credi che sia già lì, e questo vuol dire che non ci sarà mai.
Il fuoco è o non è.
Ciò che tu chiami magia, è solo non lasciare che il mondo sia altro, da ciò che vuoi che sia
Avatar utente
malibu736
 
Messaggi: 50
Iscritto il: 19/10/2022, 9:49
Ha  fatto 'Mi piace': 34 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte


Torna a Diario dei Sogni Non Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti