Indice Il Mondo Onirico Diario dei sogni comuni > Diario Onirico di Saladriel

Sogni o incubi, unici o ricorrenti. Sogni particolarmente emotivi o bizzarri che volete condividere e su cui volete sentire commenti e associazioni degli altri utenti.

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 13/11/2015, 10:54

Ieri sera vado a dormire verso mezzanotte circa, dopo essermi visto le ultime puntate di Arrow e Supergirl

Ecco ciò che ricordo dei sogni fatti:

[...] Sono in un cantiere astronavale, ci sono diverse persone importanti, da quello che ricordo è una sorta di summit tra le due fazioni in guerra.
Il cantiere è di forma rettangolare molto allungata, ci sono carriponte, lamiere d'acciaio pronte ad essere lavorate e saldate, un troncone di astronave sta venendo assemblato. Nonostante l'illuminazione al neon l'ambiente di base è particolarmente scuro... o non ci sono finestre, oppure queste danno su di un'ambiente completamente nero.
Il summit verte sulla produzione di astronavi considerate troppo pericolose perchè in grado di distruggere interi pianeti (credo) e quindi stanno stipulando un trattato che ne vieta non solo l'utilizzo ma addirittura la fabbricazione.
Li vedo parlare in piedi, come se fosse la visita di un cliente importante all'interno di una normale fabbrica metalmeccanica, prendono i loro fogli timbrati e li firmano.
Non appena succede questo mi giro verso alcuni piloti e meccanici che sono lì con me ad assistere e gli faccio "Beh, non potremmo più produrre quelle, ma possiamo sempre iniziare con le Yamato!"

Dove, per Yamato intendo questa:
Immagine

Che con il suo cannone ad onde moventi (quello centrale, nel bel mezzo della prua) è in grado di disintegrare asterioidi di discrete dimensioni

I piloti mi guardano con un grosso : Surprice : : Blink : ... capisco che non sanno di cosa sto parlando, allora gli dico "Quella con il cannone in prua, sapete... i vecchi cartoni animati..."
Improvvisamente un paio capiscono : WohoW : e si mettono a sogghignare... sarebbe una bella sorpresa per l'armata nemica!

[...]

Sono nel bel mezzo dell'azione, copilota addetto alle armi di un veicolo leggero, sitamo conducendo un blitz ad una postazione nemica su di un pianeta di tipo terrestre

Il veicolo che stiamo usando è all'incirca fatto in questo modo:

Immagine

Con la differenza che non ha i rotori, ha un profilo più squadrato e largo ed è giallo nella metà inferiore e grigio canna di fucile in quella superiore.
E' un veicolo di dotazione standard, talmente standard che ce l'hanno identico anche i nostri avversari, pure negli stessi colori.
Ricordo che veniamo attaccati da due veicoli avversari mentre siamo vicini al versante roccioso di una montagna, pronti a far saltare in aria una postazione fortificata, uno di questi fa per centrarci con dei razzi aria-aria a corta gittata ma il pilota li schiva mentre io centro i loro lanciarazzi alari con i mitragliatori vulcan, dopo di che mi concentro sui reattori stabilizzatori con dei cannoncini.
Il secondo apre il vano posteriore, nel quale c'è un'arma da trincea a grosso calibro, ma una veloce manovra del nostro fantastico pilota mi permette di mirarlo con i cannoncini, l'arma esplode all'interno del veicolo danneggiandolo pesantemente, non ho bisogno di continuare a colpirlo ulteriormente per vederlo precipitare [...]



Altro sogno


[...] Sono seduto ad una grossa tavolata in legno, siamo in una tavernetta. Alla mia destra è seduta SR e mi sta parlando, non so perchè, del modo in cui mi vesto. Arriva a dirmi che in alcuni momenti mi trova decisamente elegante, io la guardo del tipo : Surprice : (non ho per nulla l'abitudine di farlo)... per un attimo però la prendo sulserio e le faccio "Sì, ma quando?"
Lei per tutta risposta mi fa "Quando ti alleni in palestra... quando stai per entrare in doccia... quando vai a farti fare la manicure..." :lol: mi sta decisamente scherzando, scoppiamo a ridere, dopo di che trasformo la risata in un versetto scherzoso e mi avvicino come per mettere la mia fronte a contatto con la sua... ma indossa un fastidiosissimo cappello alla Robin Hood che mi impedisce di farlo!
Dopo il secondo tentativo le faccio "Ma allora, sto cappello! Insomma!"
Lei per tutta risposta fa spallucce e si mette a ridere
[...]


Terzo sogno


[...] Sono in una casa turistica in montagna, è inverno, probabilmente sto facendo un Week End bianco con amici. Fatto sta che ci sono SR, i miei genitori, una versione giovanissima di MK e diverse altre persone delle quali ora non ricordo l'identità. Andando via per diverso tempo ho portato Angel e Tiger con me.
I ricordi iniziano dalla camera da letto comune, uno stanzone posto nel sottotetto della struttura (ha un bellissimo soffitto spiovente) realizzato in legno chiaro, ci sono svariati letti dalle lenzuola bianche e coperte color crema.
Ho in braccio Tiger e la sto portando al piano di sotto, dove c'è la stanza della ricreazione e ci sono la maggior parte dei miei amici. Io voglio andare a fare una passeggiata nella neve ma non voglio lasciarla stare da sola nella camerata, poverina. Così scendo le scale e passo attraverso diversi ambienti della struttura... è tutto bellissimo e molto pulito, spazioso e costruito interamente in legno molto chiaro.
La sala da pranzo è circondata da vetrate che permettono di godere della bellissima vista sulla vallata e subito sulla destra rispetto alle scale che sto scendendo per entrarvi ha un fornitissimo bancone per il bar e per il self-service. Una colonna centrale rotonda completa l'ambientazione.
La struttura in legno di tanto in tanto lascia esposte parti di roccia come a ricordare che l'edificio è letteralmente incastonato alla fiancata della montagna.
Saluto i camerieri gentilissimi e scendo ancora verso la stanza della ricreazione, dove già ci sono i miei amici che stanno giocando con Angel... che in questo sogno è un grande peluche di gatto bianco (grande quanto un bambino di 7-8 anni).
Poso Tiger lì in mezzo e le sto vicino in modo che si ambienti... e mi viene in mente che ho lasciato la lettiera a casa... poverina, chissà quant'è che sta trattenendo!
Allora mi viene in mente di andare a chiedere ai camerieri se mi sanno aiutare in qualche maniera [...]
Qui mi sveglia Tiger, che vuole entrare sotto le coperte a scaldarsi
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 15/11/2015, 11:20

L'altro ieri guardo pomeriggio guardo "Frankenstein Army", un film a metà tra l'horror di bassa lega e lo splatter, girato in prima persona. Alla sera vado a casa di MS, giochiamo un po' a Crysis 3 sul suo PC e poi ci guardiamo 300.

Appena vado a dormire ho delle ipna vividissime

Prima scena:

[...] Vedo teschi e parti di corpi umani smembrati, la visuale si sposta mostrando un gran numero di parti di cadavere... la colorazione della pelle è grigio scuro, devono essere in fase iniziale di decomposizione.
Improvvisamente vedo una enorme croce cristiana, in legno sulla quale sono inchiodate teste mozzate, a decine. La croce è appoggiata per terra, ma inizia ad alzarsi come se qualcuno la stesse mettendo in verticale per poi poterla piantare a terra, fatto sta però che raggiunta la posizione eretta continua il suo movimento, ribaltandosi al rallentatore dall'altra parte, la visuale si allontana di un paio di metri e vedo che la croce è sull'orlo di un dirupo e ci si sta letteralmente rovesciando dentro... l'ipna svanisce mentre la croce precipita nel vuoto, oltre il ciglio del burrone roccioso (la roccia è marrone scuro/rossiccia)
[...]

Il livello di dettaglio di questa ipna era decisamente buono

Seconda scena:

[...] Sono in una New York devastata dai combattimenti, la scena è tipica di un FPS alla Crysis. Vedo soldati in tute potenziate passare e rincorrersi tra i vicoli e le macerie, qui mi rendo conto di cosa sta succedendo e dell'opportunità che ho... così lentamente, molto delicatamente inzio a "giocare" con la ipna come se stessi giocando a Crysis, concentrarsi abbastanza da controllare le immagini ma non tropp da svegliare la mente e spazzare via la ipna non è semplice, ma per alcuni istanti di tanto in tanto riesco a controllare la visuale... ogni volta che lo faccio sento però la mente che vacilla, come se si aspettasse un nuovo comando subito dopo, pena il crash della ipna. Allora do brevi comandi di tanto in tanto.
Dopo quello che sembra essere un minuto Tiger pensa bene di chiedermi di entrare sotto le coperte "scavando" con la zampina... è insistente e distraente, ma riesco a mantenere parte dell'attenzione sulla ipna e giocarci ancora per qualche manciata di secondi prima di aprire gli occhi. Nuovamente ho percepito la sensazione di avere uno schermo nella parte interiore della palpebra e anche i lievi movimenti del corpo e del letto provocati dal gatto non hanno scosso minimamente la stabilità delle immagini. Quello che l'ha fatto, semmai, era il fatto che l'attenzione venisse calamitata dal gatto.


Ieri sera sono nuovamente andato da MS per una serata gaming + film, Crysis e World Invasion rispettivamente.

Mi addormento con una certa "chiusura" mentale e percettiva dovuta ad un forte sobbuglio emotivo interiore, di quelli "fastidiosi" da lasciar passare, così appena chiudo gli occhi proietto la mia attenzione più lontano possibile, per cui non ho ricordi della fase di addormentamento.

Sogno abbondantemente, ma al risveglio il mio umore è persino peggiore che alla sera, per cui i ricordi dei sogni vengono sbrindellati... vediamo che cosa riesco a ricavare e ricordare ora che mi sento un po' più tranquillo.


[...] Ricordo una base operativa in mezzo all'oceano, non sono sicuro fossimo sulla terra. Ricorda vagamente quella dei Clonatori che si vede in Episodio II di Star Wars. So che siamo all'interno in missione, ci siamo io e una squadra di altre persone, tra loro probabilmente c'era mia sorella. Ricordo che nella base alcune stanze e alcuni livelli hanno dell'acqua dentro, non ricordo però se era voluto così o se la struttura della base era danneggiata.
[...]
Ricordo che ad un certo punto dovevamo recuperare un veicolo, forse un hovercraft... ma potrei sbagliarmi. C'era tutto un percorso da fare per recuperarlo, la sensazione che mi viene in mente è quella di un percorso ad anello allungato, tipo il circuito di Indianapolis
[...]


Al mattino ho altre ipna fantascientifiche, meno sparatutto in soggettiva ma comunque non dissimili da quelle del giorno precedente, così ci gioco nuovamente, bene o male con gli stessi risultati. L'unica differenza è che questa volta ho quasi la sensazione (o forse era solo il pensiero?) di poterlo trasformare in un sogno.
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 15/11/2015, 17:13

Oggi subito dopo pranzo mi butto a letto, per un sonnellino pomeridiano, mi attraversa il pensiero che sarebbe stato bello sognare nuovamente.
Sento il corpo teso, i muscoli ancora compressi per le forti emozioni "pesanti" che mi hanno attraversato negli ultimi due giorni, appena mi infilo sotto le coperte ecco che riesco a far rilassare i muscoli... un pensiero prova a farmi sentire in colpa per questo rilassamento, ma lo eclisso con il fatto che intanto è Domenica, e poi da tempo non ho orari... e come se non bastasse mi sento stanco e ho necessità di riposare.
Arriva una seconda ondata di pensieri, forieri di preoccupazione... il tipo di stanchezza assomiglia parecchio a quella della depressione di questa primavera, per un istante sto per crollare, poi mi ricordo di come l'ho superata e invece di eclissare anche questo pensiero mi abbandono letteralmente all'ondata di emozioni, che si rivela essere più bassa di un'onda del mar ligure con il mare piatto.
Pochi secondi dopo percepisco una sensazione di rilassamento bellissima pervadere il corpo e riesco a rilassare i muscoli, singolo fascio per singolo fascio.... la sensazione è piacevolissima, dopo di che mi addormento, con Tiger che mi fa le fusa appallottolata vicino alla pancia.

Faccio due sogni, il primo è un Lucido e lo potete leggere nel link qua sotto, nell'apposito diario:
http://www.sognilucidi.it/forum/viewtopic.php?f=10&t=8575&p=86519#p86519

Questo invece il secondo sogno:

[...] Sto iniziando un seminario sulle energie, probabilmente il seguito di quello del sogno precedente, comunque so che è la continuazione di qualcosa. Al seminario partecipano anche @Cenwyn e DC (DC è la persona con la cui associazione collaboravo un annetto fa, sempre nell'ambito delle energie e dell'Olistica), oltre ad altre persone.
Questa volta l'incontro è tenuto in una stanza sotterranea, circondata da canali larghi mezzo metro e profondi altrettanto, nei quali scorre abbondante acqua. Le pareti del lato sinistro e di quello dietro alla mia schiena sono solide, le altre due sono delle arcate di roccia che separano la stanza da una grande caverna scura. L'ingresso, con la scala in pietra che porta verso l'alto, è al limitare sinistro della "parete" di fronte a me.
Nonostante il fatto che siamo nel sottosuolo l'illuminazione è buona, ma non artificiale. E' come se in qualche modo riuscisse a filtrare parte della luce del Sole fino a lì.
Comunque sia... Cenwyn è venuta con DC e so che almeno lui è qua per controllare come tengo i miei semiari. Una volta la cosa mi avrebbe parecchio infastidito, ora so che sono manie di controllo sue e sorrido, li tengo in maniera parecchio diversa da una volta.
Proprio prima di iniziare il seminario ho un flashback del giorno prcedente dove ho inseguito mio padre che si era perso nei meandri dei canali d'acqua della grotta e per rintracciarlo ho manifestato un globo di luce dorata attaccato alla sua nuca. Ora mio padre è sano e salvo in casa, ma il globo di luce è rimasto qua, ed è semisenziente.
Lo prendo in mano afferrandolo dal canale che passa vicino a me, è soffice più del cotone, ed emette dal suo nucleo, denso appena quello che basta per interagire con la materia, dei bellissimi raggi di luce dorata.
Per il resto è come tenere in mano qualcosa di vivo e terribilmente simpatico come può essere un Tribolo (creaturine pelose dell'universo di Star Trek).
Mi rivolgo ai partecipanti del seminario, raccontando la storia e la funzione di questo globo di luce, vedo DC che inarca il sopracciglio... gli si legge in faccia che non ha mai visto nulla del genere.
"Comunque sia, per chi fosse interessato è in vendita al prezzo di 5€ ... a me non serve e comunque li so generare quando voglio. Se poi vi interessa si può fare un seminario su come generarli energeticamente"
Vedo DC e Cenwyn che si confrontano parlottando un po' nell'angolo della stanza, qui capisco che lei è la sua nuova collaboratrice... poco male, anzi :)
Dopo una manciata di secondi vedo DC che alza la mano e fa "Lo prendo io!". Sorridendo mi avvicino e lui mi allunga un biglietto da 20. Non so come ho la sensazione di poter alterare la realtà... per un istante so di essere in un sogno e così chiedo "15€ nella tasca posteriore destra dei pantaloni!" infilo la mano ed eccolo lì, il resto pronto pronto per DC.
Mentre cerco il borsellino dove posare i 5€ (il biglietto di DC è diventato improvvisamente da 5€) mi viene in mente il dubbio di aver usato i miei Doni per creare del denaro dal nulla a favore del mio arricchimento personale... so che è proibito... ma un rapido conto mi fa capire che i 5€ li avrei intascati comunque, che il resto fosse vero o fosse finto. Più che altro ho creato un biglietto da 10€ e due da 5€ ex novo che se ne vanno nel sistema economico a discapito di un biglietto da 20€. "Poco male" penso... e mi rendo conto che ho perso fin troppo tempo.
MI rivolgo ai partecipanti e battendo le mani giocoso faccio, con tono allegro "Allora! Vi va se parliamo di vampiri energetici? ;) "
Ho la loro attenzione, sono venuti apposta... "Bene!" continuo "Sappiate però che il mio punto di vista vi sarà inizialmente parecchio, parecchio fastidioso!" Sorrido, quando faccio il discorso che sto per fare vedo sempre facce piuttosto sconvolte.
Mentre parlo e li osservo ci siamo seduti al tavolaccio di pietra che c'è al centro della stanza e uno dei presenti, assomiglia vagamente ad AM, mi fa "Che cosa è un Vampiro Energetico?"
"Giusto... qualcuno può non saperlo, può essere venuto semplicemente per la rigenerazione dell'Aura" penso tra me e me.
"Un vampino energetico è una persona la cui presenza vi svuota di energia vitale... vi sentite spossati anche solo ad interagire o a parlare con quella persona... in alcuni casi anche solo al pensiero della sua esitenza al mondo" (mi viene in mente la relazione energetica tra me ed MK mentre pronuncio queste parole), ed è una cosa parecchio personale...
Ricordo ancora di aver scambiato delle parole sull'argomento con il tizio della domanda, ma qui i ricordi iniziano a svanire...


Bene bene, parecchio interessante come attività onirica pomeridiana! : Beer :
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 16/11/2015, 9:05

Ieri sera vado a dormire verso le 23, giornata dedicata al relax e a me stesso.

Ad un certo punto, credo siano state le 5/6 del mattino, Angel inizia a giocare con qualcosa in cucina, a giudicare dal rumore credo fossero i piatti nello scolapiatti, sento fitte di tensione, fastidio e preoccupazione che salgono lungo il corpo ma le lascio andare, usandole come base per la meditazione del rilassamento. Funziona ma dopo alcuni minuti non riesco a trattenermi dall'alzarmi in piedi ed andare a controllare, fatto sta che vado in cucina e vedo un gattino nero di 3 mesi, lui mi vede, si spaventa e corre sul balcone verandato, nel frattempo Angel passa dal balcone alla cucina senza neppure calcolarlo : Surprice :
Vado più veloce che posso sul balcone... ma il gattino nero è sparito. In compenso ce ne è uno bianco con due macchie marroncine che sta giocando con del cartoncino... :shock:
Anche lui mi vede e si spaventa, salta come una molla verso la parete del balcone e ci si arrampica come se fosse fatta di legno anzichè di cemento "Le unghiette dei micini sono aguzzissime" penso, per giustificare in qualche modo l'accaduto "Eppoi pesa pochissimo in proporzione alla sua muscolatura ed all'adrenalina sviluppata dalla paura" Continuo "Eh si... i micetti sono macchine perfette!" Concludo.
In parallelo a questi ragionamenti razionali sto seguendo il micino con lo sguardo, usando quella poca capacità di elaborazione che mi rimane per capire da dove diamine sono spuntati due micini di 3 mesi, in casa mia!
Giusto il tempo di formulare il pensiero che vedo un terzo micino, questa volta bianco a chiazze rossicce : Blink :
"Okkey... ora ho 5 gatti in casa"... penso "Vabbè... mantenerli posso anche riuscirci... ma diamine, stanno allo stretto in un bilocale!"
Preso da tutti questi pensieri non noto nulla di strano nel fatto che proprio in quel momento il mio appartamento sia diventato almeno 2 volte più grande e che il balcone verandato si è trasformato in un lungo corridoio con finestre che danno all'esterno... corridoio al fondo del quale vedo muoversi la figura di una donna anziana. Oramai non mi stupisco più di nulla e mi avvicino, praticamente rassegnato.
E' una delle signore che abita nella mia scala, un piano di sotto. "Buongiorno!" le faccio, mentre noto che in fondo al corridoio c'è un secondo ingresso che permette di accedere al mio appartamento, ingresso aperto e del quale la signora deve avere le chiavi, a mia insaputa... "Tutto bene?" Mantengo un tono gentile...
"Oh buongiorno!" mi fa lei, con il suo solito tono gioviale "Si sì, tutto bene!" mi conferma "Stavo facendo vedere il suo appartamento..." mi fa con tono confidatorio...
Io inarco un sopracciglio ed indico uno dei micetti "Immagino siano entrati così, allora" e sorrido... davvero, la situazione è talmente assurda che non riesco ad arrabbiarmi :D forse saranno i gattini che mi hanno messo di buonumore : Love 2 :
"Oh!" esclama "Sì, quelli! Sono della signora (mi fa un cognome che non ricordo)" e indica la persona che sta "visitando" il mio appartamento "Credo li stia cercando, sa?"
[...]


Qui il sogno continua con ricordi sfumati culminanti col mio risveglio...


EDIT:
Vado al bar a fare colazione e mi torna in mente un'altro sogno:

Sono al bar sotto casa e come tutte le mattine dietro al bancone c'è EC (una ragazza veramente carinissima), le chiedo un cappuccino e dopo qualche istante me lo serve, mentre lo bevo osservo che sulla schiuma mi ha lasciato tre cuoricini, uno sopra all'altro, via via più piccoli. Sorrido e sorseggio lentamente dalla tazza, chiedendomi se me lo sto sognando o se è vero

[...] non ricordo bene cosa succede qui [...]

Devo però averle detto che l'ho notato e devo averle rivolto qualche attenzione più del solito, perchè si mette a cantare Halleluya con il ritmo di "It's Raining Men"!!! (Forse era una cosa del tipo "Si è accorto di me, Halleluyah!")
Rimango a guardarla cantare e gioire, tipo così :shock: completamente imbambolato... :lol: :lol: :lol:


Ordino un cappuccino e mentre EC me lo serve sorrido... è carina, molto. Ma a differenza di un tempo so che è soltanto attrazione fisica, qualcosa in lei al momento non mi risuona. E poi è giovane, parecchio.
Così mi limito a sorridere, sorseggiando il mio cappuccino mentre rivivo i ricordi del sogno.
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 17/11/2015, 9:37

Ieri giornata impegnativa e in un certo senso stressante, sto avendo a che fare a livello pratico con uno dei blocchi più grossi ancora da sciogliere... comunque sia, prima di andare a dormire prendo una tazza di latte caldo e cioccolato. La sensazione di calore dolce allo stomaco mi rilassa talmente da farmi venire il capogiro con attacchi di sonno, mi infilo a letto letteralmente prima di collassare a terra.
Lì inizio a sentire la tensione ed il rilassamento che "lottano" tra loro, ho i nervi stremati e faccio fatica ad addormentarmi in maniera serena o a concentrarmi su qualsiasi cosa.

Mi passa davanti agli occhi qualche ipna, cerco di ancorarmi, di farmi portare via... ma nulla, la tensione è troppa. Ne ho qualche flash ora che mi passa davanti (il ricordo, intendo), ma è poco più di una chiazza di Rorshark bianca su sfondo nero

Ho sognato, ricordo vagamente qualcosa che aveva a che fare con un incontro di Boxe [...] ricordo vagamente il ring, circondato da pochi spettatori... deve essere uno di quei ring per gli incontri di bassa lega in una palestra scalcinata, ricordo l'avversario... un'ombra nera alta ben più di due metri (fate conto la stazza di un lottatore di Wrestling) e ricordo i suoi pugni, sembrano martellate, duri come l'acciaio.
So di non essermela cavata così male... ma so anche di averne prese parecchie... mi viene in mente l'immagine di me che, con il volto sanguinante, finalmente capisco come girargli attorno ed inizio a colpirlo sui fianchi [...]


L'altro sogno che ho fatto aveva a che fare probabilmente con Una gara di macchine un po' in stile Super Mario Kart... con macchine, moto e offshore di tutti i tipi che si sfidano su di un circuito in parte asfaltato, in parte acquatico [...]
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda dixit » 17/11/2015, 12:03

Facevano male i colpi? Ma chi ha vinto poi?
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4708
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 144 volte
'Mi piace' ricevuti:: 672 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 18/11/2015, 10:57

Si, ricordo vagamente ma distintamente il dolore dei colpi ricevuti. Le memorie di quel sogno sono piuttosto vaghe, pochi fotogrammi... per cui non ricordo chi ha vinto :)
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 18/11/2015, 11:12

Ieri vado a dormire dopo una giornata bella ma stancante.
Appena chiudo gli occhi vedo di unovo Ipna dettagliatissime... l'immagine è lo scorcio di un torrentello nel quale scorre dell'acqua, ci sono piante acquatiche i cui fili e steli spuntano dall'acqua che si muove scorrendo attorno a qualche sasso. Rimango qualche secondo ad osservare questa sorta di dettagliatissima fotografia animata, dopo di che provo a ruotare la "testa onirica" per guardarmi intorno, l'unico effetto che ottengo però è un cambio di visuale netto, come se si passasse da una diapositiva all'altra. Osservo così alcuni scorci dello stesso torrentello, sempre molto dettagliati ed animati. Al 3° il dettaglio e la consistenza dell'ipna iniziano a calare, al 5° perdo l'immagine del torrentello ma in un qualche modo riesco a "proiettarmi" da un'altra parte... quello che vedo ora è lo scorcio di una stanza, sembra una cascina medioevale, con spesse pareti in pietra e mattone e ho la sensazione di essere al 2° piano. Di fronte a me c'è una parete piuttosto spoglia con un'insenatura larga e profonda mezzo metro al suo centro, nell'insenatura c'è una feritoia che larga mezza spanna che funge da finestra e permette alla luce pomeridiana di entrare. Vedo per terra, dentro all'insenatura, alcuni sassi probabilmente staccatisi dalla parete. Sulla mia destra, vedo con la coda dell'occhio quella che sembra la gamba in legno scuro di un cavalletto (dall'altezza pare quello di un pittore, o di un musicista... ma non ne sono certo).
Questa ipna dura qualche secondo, dopo di che svanisce e rimango qualche istante nel blackworld.
Inizio a pensare che siano finite... quando vedo prendere forma dei volti grigi che mi osservano, in cerchio, dall'alto verso il basso, chini su di me. Come se io fossi steso a terra, oppure molto piccolo.
Sono anziani, saggi e un po' severi... e dalle loro spalle scendono delle lunghe vesti, ma la loro sagoma sfuma nel blackworld, l'unica cosa che vedo nettamente sono i volti e le spalle.
Conto una donna e tre uomini, la donna ha una chioma di capelli mossi, quasi ricci, che le scende sulle spalle. Gli unici colori che vedo sono tonalità di grigio, questo da loro un aspetto etereo e ancora più anziano.
[...]


Ho fatto parecchi sogni questa notte, ma l'essermi alzato ben dopo il suono della sveglia ha permesso ai pensieri della giornata di occupare la mente e sostituirne il ricordo. Le ipna invece le ricordo nettamente perchè proprio mentre le osservavo mi sono detto "Luca, queste ricordale!".

Se per caso dovessero tornarmi in mente i ricordi dei sogni, li trascriverò qua, come al solito.
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 19/11/2015, 10:28

Ieri faccio un piccolo, ma importante, passo nel lasciar andare il controllo ed il giudizio... una piccola ma efficace riprogrammazione del mio sè mentale. Inoltre mi (ri)metto in pace su alcuni aspetti della mia vita.
Tutto sommato una giornata bella soddisfacente.

Vado a dormire verso l'1:30

Ecco ciò che ricordo dei sogni fatti:

[...] Vivo in una casa strutturata a torre, posta sulla fiancata di un'alta scogliera. La torre si erge da uno spiazzo raggiungibile a piedi od in auto, innalzandosi per 3/4 piani. Per circa 1/3 del suo diametro è fusa all'interno della scogliera, per i rimanenti 2/3 è un'antica costruzione in pietra massiccia come potrebbe esserlo un faro o la torre di un castello. Abito in quella casa con i miei genitori.
I vari piani della torre sono dei mini appartamenti che ricordano le varie case dove ho abitato, quello centrale ricorda come era la villa dove abitavo effettivamente con i miei prima che la modificassero, uno degli ultimi in cima assomiglia all'appartamento dove vivo ora.
Il sogno inizia con me e mio padre che abbiamo finito di provare alcuni videogame nuovi e ne stiamo discutendo. L'ultimo del quale ricordo la grafica è una sorta di Platform a scorrimento orizzontale in puro stile Psygnosis vecchi tempi (quando ancora esisteva e faceva giochi per Amiga) ma fatto per PC con grafica a dir poco stratosferica che ne compensa la poca giocabilità (esattamente come erano molti dei giochi Psygnosis ai tempi). Riocordo che lo stile grafico era molto simile a questo:

Immagine

La grafica era animata in maniera pazzesca, lo scorrimento parallattico dava un'idea di profondità incredibile, ricordo addirittura che ad un certo punto la visuale scorre sopra ad un ponte e si vede il fiume in prospettiva con l'acqua iperrealistica ma allo stesso tempo "videogiocosa" che scorre verso il monitor.
Conveniamo che la Psygnosis non è cambiata molto dai tempi di Shadow of the Beast, Ork e Agony... tecnicamente il meglio, ma a livello di gameplay semplicistico e a volte frustrante.
Detto questo a me scatta una voglia pazzesca di giocarci... : Razz :
[...]
I miei se ne vanno per qualche giorno, nel sogno vivo scene di vita quotidinana in quella casa, ricordo che l'ultimo piano è quello dove ci sono le camere da letto e i bagni personali. Ecco... per passare da un piano all'altro c'è una scala a spirale che fa il giro rasente alle mura esterne della casa stessa, fatto sta che per un qualche motivo imperscrutabile il raggio della scala si restringe moltissimo arrivati all'ultimo piano, per cui di tanto in tanto mi ci incastro e devo girare le spalle in maniera strana per poter passare.
L'ultimo piano però è bellissimo: c'è il bagno dei miei che ha la vista sulla scala, senza vetrata... direttamente il muro del bagno contro la scala arriva a malapena oltre la cintola di un uomo adulto, da lì scendono rami di piante rampicanti da appartamento e giunti in cima si è in una sorta di ambiente openspace come se si fosse sulla cima piatta di una torre, nel quale sono ricavati sia le stanze che i bagni (che pur essendo openspace riescono ad essesre intimi e riservati) che una zona ricreativa con, tra le altre cose, lo spazio per poter osservare il cielo e le stelle.
[...]
Il primo a tornare dal viaggio è mio padre, me ne rendo conto perchè sento dei rumori di notte, vado in bagno e sento lui che sta tossendo molto forte. Quando entro a controllare come sta lo vedo con un viso particolarmente rilassato che si sta specchiando, come se si fosse appena sbarbato. E' giovane, mi ricorda l'uomo pieno di energie che era quando io avevo una quindicina d'anni.
[...]
Altra scena nella quale salgo all'ultimo piano e rimango incastrato con le spalle nella curva della scala, mio padre è in bagno e si sta sbarbando... mi osserva e sorride in maniera serena.
"Ma perchè dobbiamo sempre incastrarci così?" gli faccio... aspettandomi una risposta per lo meno sardonica visto quanto mi sento goffo in quell'istante "Boh, chi lo sa... " dice lui sorridendo "dai, che prima o poi impareremo" :lol:
Qualcosa, nel suo sorriso e nella sua risposta mi mette di buon umore, così mi disincastro senza difficoltà e riesco a raggiungerlo. Entro in bagno ed effettivamente lo vedo molto, molto rilassato. Glie lo accenno... e lui mi fa: "Si, sono cambiato Luca...mi sento cambiato" lascia una pausa di sospensione che sfrutto per assimilare l'idea "Vedi, quando sono stato dai dottori questi mi fanno: -Non guardare l'occhio!- " e si tocca un piccolo gonfiore sotto l'occhio destro.
"C'è qualcosa di brutto quì" continua, picchiettandosi delicatamente. "E ho scoperto che non sono immortale".
Mi guarda, i suoi occhi sono profondi e carichi di saggezza, dolcezza paterna... mi sento commuovere, sento che gli voglio veramente un gran bene.
Mentre siamo lì sentiamo dei rumori al piano di sotto, dalle voci devono essere arrivate Mamma e mia sorella, mi affaccio dalle scale e sì, S è piccolina, avrà 7-9 anni circa e mamma è giovane come un tempo.
Non c'è bisogno che mi dica di stare zitto per non preoccuparle, ci scambiamo uno sguardo di intesa e scendo a dare una mano a portare in casa i sacchetti della spesa.
C'è una bellissima atmosfera casalinga in questo sogno...


Sono successe altre cose nel sogno, cose che non ricordo con dettagli sufficienti da poterle trascrivere. Molto interessante quello che è successo con mio padre... so che l'aspetto paterno in noi corrisponde alla mente razionale, credo che Jackie (il mio sè mentale) stia cambiando e mi sia arrivata la conferma in sogno. Bene bene bene.

Altro sogno:

Non ho idea se fosse un sogno riguardante la realtà od un videogame... forse poteva anche essere uno dei videogame che stavo provando con mio padre all'inizio del sogno precedente.
Comunque sia salgo a bordo di una macchina modificata per le corse e so che devo battere su di un percorso cittadino un enorme veicolo supercorazzato e apparentemente pesantissimo. Mi metto al volante e parto sgasando, ma l'altro veicolo (pare fatto di ghisa tanto è grezzo) mi taglia la strada con il suo semplice volume... allora decido per un testa coda... il copilota mi guarda come se fossi impazzito ma io lo ricambio con una strizzata d'occhio, come per dire "Mo sta a vedere".
In realtà non so di preciso cosa sto facendo, so soltanto che è la cosa giusta da fare... mi sorprendo fare il giro dall'altra parte dell'isolato in modo da immettermi sulla strada che sta percorrendo il mezzo corazzato, in un punto che spero lui non abbia ancora raggiunto. Così quando arrivo all'incrocio (mi sto immettendo a V nella strada principale) lo vedo arrivare a sinistra... sgaso più che posso e mi immetto mancando per un soffio un incidente con un'altra auto che veniva in senso opposto.
Da qui in avanti la gara assomiglia molto al film "The duel" di Steven Spielberg, dove un camionista impazzito insegue un'automobilista che ha osato superarlo.
So solo che la cosa sapeva a tratti di videogame e a tratti di cosa reale e c'ero io che, di tanto in tanto, pensavo "Si, è vero... la velocità mi piace un casino!"



EDIT:

Nel primo pomeriggio mi sono ricordato di un'altro sogno:
[...]Sto camminando in un corridoio e ho una chitarra elettrica in mano, provo a strimpellarla e suona decisamente "floscia"... allora appena arrivo nel salotto, al fondo del corridoio, mi siedo su di una sedia ed inizio ad accordarla.
Il salotto ha una porta/finestra che da su di un balcone dritto di fronte alla porta di ingresso, ed entrambe sono quasi attaccate alla parete sinistra della stanza. Lungo la stessa parete c'è un comò in legno scuro, sopra di questo è appeso un quadro.
Al centro del salotto vi è un tavolo rotondo, con 5 sedie (è il tavolo rotondo della sala dei miei genitori), sul lato opposto all'ingresso, a destra della porta/finestra c'è una larga credenza, mentre sulla parete destra vedo una cassettiera e altri quadri.
Dicevo... mi siedo al tavolo ed inizio ad accordare la chitarra elettrica, mi rendo conto che le corde più basse sono esageratamente smollate e lunghe, così giro una delle chiavette e le tendo... mano a mano le pizzico per controllare che facciano un suono "decente" (ho un buon orecchio per la musica... ma non ho mai suonato uno strumento e non saprei riconoscere una nota).
Passo a quelle superiori e vedo che sono smollate anche queste, anche se in maniera diversa... tra l'altro scopro che vengono tese assieme dalla stessa chiavetta.
[...]


Inizio a sognare insistentemente di accordare una chitarra elettrica... questo dopo il sogno di ormai quasi due anni fa dove suonavo un medley tra Titanium ed Every Breath You Take (uno dei sogni più belli ed emozionanti della mia vita)... interessante... : Wink :
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

Re: Diario Onirico di Saladriel

Messaggioda Saladriel » 20/11/2015, 11:15

Ieri vado a dormire sul rilassato andante, ma carico di adrenalina.
Faccio fatica ad addormentarmi, mi giro e rigiro nel letto, talvolta giocando con i gatti. Verso le 2 mi sveglio, accendo il PC, passo qualche minuto su Facebook, poi torno a dormire.
Credo di aver avuto qualche flash, qualche sprazzo di sogno... ma al mattino non ho ricordato nulla... tant'è che mi sono svegliato di soprassalto per il rumore causato dal sottopiatto del microonde fatto cadere a terra da una delle mie coinquiline pelose.
I sogni sono il sussurro di un bambino che non sa ancora mentire

This Dreamer was formerly known as ErikBauer

Il mio progetto "I sogni - Porta dell'Anima" su YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=S2kiaQoTchI&list=PL5xfGe_qM73Zx1U2v6MwpyDZqRSwL9zff
Avatar utente
Saladriel
 
Messaggi: 264
Iscritto il: 09/06/2015, 10:14
Località: Fossano (Cn)
Ha  fatto 'Mi piace': 88 volte
'Mi piace' ricevuti:: 70 volte

PrecedenteProssimo

Torna a Diario dei sogni comuni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti