Indice I Sogni Lucidi Discussioni sui Sogni Lucidi > Dubbi esistenziali: il rapporto tra inconscio e lucidità

Dialoghi sulle varie teorie scientifiche e spirituali, riflessioni sulla letteratura, le vostre domande e curiosità relative ai sogni lucidi.

Dubbi esistenziali: il rapporto tra inconscio e lucidità

Messaggioda Ijwuh » 07/07/2019, 20:33

Di recente ho fatto un fail pazzesco nel cercare si raggiungere la lucidità in un sogno, il seguente:
sogno di essere a pranzo con la mia famiglia, ma quello che mangio io è il mio iphone (cosa che ho ricollegato al fatto di aver visto questo video di recente: https://youtu.be/CuUonVsI5Tg )... A un certo punto mi viene il sospetto di essere in un sogno, e mi chiedo se ciò che sto facendo sia normale; tuttavia mi rispondo che sì, quello che stavo facendo era del tutto normale e che l’avevo già fatto altre volte, e continuo il sogno come se niente fosse... più tardi nel sogno ricordo di aver voluto fare il test dell’orologio, ma io uso solo il telefono per vedere l’orario, e lo avevo mangiato! Allora semplicemente ci rinuncio e mi autoconvinco che non potrò più sapere se sto sognando... : WallBash :

Ripensandoci poi a mente lucida, ho notato che è una caratteristica comune un po’ a tutti i sogni il ritenere del tutto normale e reale il materiale onirico durante il sogno, e spesso falliamo nel capire di stare sognando nonostante ci sforziamo di dimostrarlo. Allora ho pensato:
“1) È possibile che sia il nostro inconscio a tentare di mantenerci in uno stato di non lucidità durante il sogno?
2) Forse fare sogni lucidi troppo controllati è controproduttivo, come non dormire affatto, perché l’inconscio non può dar sfogo completamente alle nostre angosce?”

Voi cosa ne pensate a riguardo? Sono solo pippe mentali o ritenete che ci sia un fondo di verità?
Ijwuh
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 31/07/2018, 14:32
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 0 volta

Re: Dubbi esistenziali: il rapporto tra inconscio e lucidità

Messaggioda Sveglio » 09/07/2019, 21:30

Secondo me nella tua osservazione del punto 1 c'è qualcosa di vero, la numero 2 invece è probabile che sia una pippa mentale.
Sul punto 1 ricordo ancora quando vidi quel film, waking life, dove in una scena parlavano proprio di questo. Che nel sogno la parte logica o razionale è addormentata. Dovrebbe esserci qualcosa di scientifico sotto già scoperto da laberge o altri. Prova a fare delle ricerche e se trovi facci sapere. Sicuramente sul punto 1 hanno già approfondito. Sul punto 2 credo che siamo ancora molto teorici e chi sa sono psicologi o ricercatori difficili da trovare. Purtroppo non ho troppo tempo per fare ricerche in questo periodo... buona fortuna e se trovi qualcosa facci sapere ;)
Avatar utente
Sveglio
 
Messaggi: 115
Iscritto il: 16/10/2012, 23:41
Ha  fatto 'Mi piace': 35 volte
'Mi piace' ricevuti:: 23 volte

Re: Dubbi esistenziali: il rapporto tra inconscio e lucidità

Messaggioda dixit » 11/07/2019, 18:27

Forse posso chiarire questo punto, un pochino, per quel che ne so.
Non è vero che la parte razionale sia addormentata, o il nostro subconscio non voglia farci divenire lucidi.
Piuttosto, direi che quando sogniamo stiamo sperimentando una configurazione di noi stessi differente dalla veglia. In pratica, possiamo essere sempre noi stessi, ma in un'altra modalità. Come quando siamo in vacanza e ci scordiamo completamente del lavoro. O quando non ricordiamo dove abbiamo messo le chiavi della macchina. O quando guardiamo un film in tv e il resto del mondo scompare. O quando stiamo facendo qualcosa di molto bello e non pensiamo minimamente a quello che succede di brutto nel mondo. Non è che siam semplicemente distratti, è che non possiamo fare quelle cose, perché siamo in un'altra configurazione di noi stessi. Cioè, siamo quella cosa, qualcosa di diverso. Quando dormiamo e sogniamo, la nostra percezione si muove liberamente, senza ordine e disciplina.
Lo scopo di fare sogni lucidi è riportare disciplina e magari anche ordine nel nostro sognare. Ma richiede prima di tutto, ordine e disciplina nella nostra vita da svegli, quindi uno scopo molto potente, per poter sognare, cioè trasferire quella disciplina nel sogno.
Ci sarebbe moooolto altro da dire sul sognare e la modalità percettiva in esso, magari un giorno lo farò.
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4532
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 124 volte
'Mi piace' ricevuti:: 617 volte

Re: Dubbi esistenziali: il rapporto tra inconscio e lucidità

Messaggioda LilyFlower » 15/07/2019, 17:49

A me capita molto spesso di perdere la concentrazione durante un sogno che sta per diventare lucido, dico ad alta voce a me stessa "questo è un sogno" ma poco dopo vengo distratta da stupidaggini e non faccio più caso alla lucidità.
Il bello è che continuo a sognare normalmente ed è come se una piccola parte di me fosse vigile e sveglia e mi dicesse "hey guarda che stai sognando" ma venisse sovrastata da un'altra parte che invece non ha voglia di sognare lucidamente.

è un discorso un po' impappinato ma non saprei in quale altro modo spiegarlo, ad ogni modo mi interessa molto come argomento e vorrei capirci qualcosa di più :?
"A million dreams are keeping me awake"
Avatar utente
LilyFlower
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/02/2018, 21:10
Ha  fatto 'Mi piace': 4 volte
'Mi piace' ricevuti:: 3 volte

Re: Dubbi esistenziali: il rapporto tra inconscio e lucidità

Messaggioda Aeron » 16/07/2019, 7:51

Ciao, quelle che poni mi sembrano domande interessanti.

Ijwuh ha scritto:1) È possibile che sia il nostro inconscio a tentare di mantenerci in uno stato di non lucidità durante il sogno?

Quando si tratta di inconscio non penso si possa parlare di una vera e propria volontà o intenzione in generale, perché quella, per come la vedo io, appartiene solo alla coscienza. Escluderei anche che esistano meccanismi automatici che hanno a che fare con la trama onirica che tendono a mantenerci in condizione di non lucidità. Piuttosto forse è lo stato di sonno in se che limita la lucidità, dato che predispone a non ragionare come nello stato di veglia.

Ijwuh ha scritto:2) Forse fare sogni lucidi troppo controllati è controproduttivo, come non dormire affatto, perché l’inconscio non può dar sfogo completamente alle nostre angosce?

Non penso che i sogni abbiano una funzione di sfogo emotivo. Forse non hanno nessuna funzione ma solo delle cause e degli effetti. Probabilmente succedono e basta. Quindi non penso che modificando l'esperienza onirica ci si privi di qualcosa di necessario. Ho più dubbi per quanto riguarda il riposo invece, ma se anche fosse così credo si tratterebbe solo di un effetto minimo.
Aeron
 
Messaggi: 33
Iscritto il: 24/01/2019, 8:01
Ha  fatto 'Mi piace': 12 volte
'Mi piace' ricevuti:: 24 volte


Torna a Discussioni sui Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti