Scuola di meditazione Tormen – Isole oniriche di Italia

Sito Ufficiale: https://www.sognolucido.org/

Vi presentiamo il portale SognoLucido.org, entrato in contatto durante il mese di Febbraio 2022 con il nostro sito SogniLucidi.it. La correlazione tra i due siti è evidente; un nome, una garanzia!

Che voi siate aspiranti onironauti, sognatori lucidi ormai veterani o semplicemente interessati all’arte della Mindfulness, il percorso che offre Francesco Tormen sarà sicuramente di vostro gradimento: attraverso un approccio ben definito, che affonda le sue radici nelle ricerche neuroscientifiche di LaBerge, nello Yoga tibetano, nello sciamanesimo di Carlos Castaneda e nella tradizione teosofica, affronterete un viaggio filosofico e scientifico che sfocerà nell’aumento della propria consapevolezza, con il fine principale di imparare ad avere sogni lucidi.

Ma facciamo un passo indietro. Innanzitutto, prima di affidarsi alle linee guida di qualcuno è necessario informarsi a chi abbiamo intenzione di dedicare il nostro prezioso tempo. In altre parole, chi è Francesco Tormen?

Mi chiamo Francesco Tormen. Il mio interesse per il sogno lucido è nato fin dalla prima adolescenza, quando per caso mi sono imbattuto nel libro I miei viaggi fuori dal corpo di Robert Monroe. Da allora i miei interessi si sono sempre più intrecciati con questa tematica. Durante i miei studi filosofici presso l’Università di Padova mi sono appassionato alle tradizioni esoteriche – in particolare il sufismo (oggetto della mia tesi di Laurea Triennale) – e alle ricerche sugli stati di coscienza di Charles Tart e Carlos Castaneda (oggetto della mia tesi di Laurea Specialistica). Ho poi trascorso gli anni del dottorato presso l’Università Monastica di Studi Buddhisti Tibetani di Sera Jey (India), dove ho appreso il tibetano e studiato la filosofia e le pratiche contemplative buddhiste (oggetto della mia dissertazione di dottorato). Successivamente ho iniziato a lavorare come interprete dal tibetano, collaborando con vari centri buddhisti in Italia. Questa straordinaria esperienza, che prosegue tuttora, mi ha dato l’opportunità di conoscere maestri tibetani di diverse tradizioni, riceverne gli insegnamenti, partecipare a ritiri e apprendere molteplici approcci alla meditazione e al sogno lucido. Dal 2020 sono coordinatore dell’Ufficio Traduzioni dell’FPMT Italia (Fondazione per la Preservazione della Tradizione Mahayana), un progetto che si occupa della traduzione e pubblicazione di testi appartenenti alla tradizione buddhista, e dal 2021 insegno lingua tibetana presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Sono anche insegnante MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction) formato presso la Scuola Italiana Mindfulness, ente affiliato al Mindfulness Center School of Public Health della Brown University. Tengo un corso sulle pratiche contemplative al Master “Neuroscienze, Mindfulness e Pratiche Contemplative” dell’Università di Pisa e insegno Filosofia della scienza e Sociologia presso l’Istituto di Medicina Globale di Padova, dove ho anche condotto varie attività di psicologia transpersonale e teatroterapia. Dal 2018, dopo oltre quindici anni di studio e di pratica, ho cominciato a condurre corsi e ritiri sul sogno lucido in tutta Italia.

Balza subito all’occhio che tale percorso, fatto non solo di studi, ma anche e soprattutto di esperienze di vita, abbia reso l’amministratore di sognolucido.org una delle poche persone, soprattutto in Italia, che meglio si presta a fornirci il proprio supporto nel caso in cui si voglia intraprendere un viaggio del genere. Si tratta, d’altronde, di una vera e propria scuola di onironautica!

Se siete interessati, volete saperne di più o semplicemente volete già iscrivervi ad uno dei suoi corsi, vi basti visitare il suo sito, più in particolare la sezione: https://www.sognolucido.org/appuntamenti/

Per ulteriori informazioni o motivi di contatto, passate dal nostro Forum o visitate la categoria “Contatti” del suo sito, o ancora il suo canale YouTube (di cui inserisco un video).

Questo Articolo, rispetto agli altri, presenterà una nota di soggettività da parte mia (che lo sto scrivendo). Permettetemi dunque di fare qualche osservazione personale: un’opinione “intima” ed umana al tema credo che in questo caso possa aiutare.

Se stai leggendo questo testo, molto probabilmente sei italian@ e sappiamo tutti che trattare l’argomento “sogni lucidi” in questo paese è complicato. L’Italia appartiene al mondo occidentale e in quanto tale non presta molto attenzione ai concetti attinenti alla materia della meditazione, della consapevolezza o degli stati mentali alternativi. In più, psicologia e neuroscienze sono ambiti professionali che per forza di cose devono essere connessi a centri esteri di ricerca o simili. Pertanto è molto difficile per una persona singola affacciarsi a questi temi: spesso ci si affida a libri o documentari che per quanto possano aiutare non forniscono un rapporto interpersonale diretto, una testimonianza concreta.

Per fortuna dei pochi individui italiani (probabilmente anticonformisti per natura) che sono interessati all’onironautica, disponiamo di un piccolo angolo virtuale che è questo sito. Altra caratteristica più unica che rara, considerando che l’utenza di internet al giorno d’oggi “comunica” tramite social freddi ed istantanei.

Grazie al Forum qui presente, con il passare del tempo si sono accumulate conversazioni tra appassionati e dati funzionali al sogno lucido. Eppure, c’è qualcosa che non saremo mai in grado di fornire, eccetto rari eventi organizzati autonomamente dagli iscritti: il contatto umano.

Ci è sembrato giusto, considerata la ventata d’aria fresca che sta imperversando nel sito e che ha portato a numerose migliorie, capaci di rinvigorire l’attività di sognilucidi.it, lavorare anche su questo aspetto. Per questo vorremmo approfittarne per collegare le poche “isole oniriche” superstiti rimaste ancora attive in Italia per creare un vero e proprio “arcipelago” nel quale quella persona singola, in cui potresti identificarti proprio tu che stai leggendo, abbia a disposizione una serie di fonti diverse tra loro, ognuna con i propri punti di forza e debolezza, che insieme rendano possibile un’unione utopica che sia indirizzata alla potente (a volte sottovalutata) arte/scienza dell’onironautica.

Il nuovo ponte che collega due di queste isole (sognilucidi.it e sognolucido.org) si chiama Francesco Tormen. Un ponte che ritengo stabile, capace di fornire ad ognuno numerosi strumenti di lavoro e di crescita personale. Sottolineo la parola “stabile” perché come da lui affermato il percorso che mette a disposizione è basato su approcci concreti, che spaziano dalle neuroscienze alla meditazione tibetana. Stando ad una raccolta dati, in riferimento a tale insieme di corsi:

il 64% degli allievi era in grado di ricordare almeno un sogno per notte;
il 55% ha avuto almeno un sogno lucido di tipo DILD;
il 27% ha avuto almeno un sogno lucido di tipo WILD o esperienza extracorporea.

E, aggiungo io, immagino che il 100% dei partecipanti sia sicuramente una persona diversa rispetto a quando abbia iniziato. Come specificato in uno degli scorsi articoli, il sé reale è specchio del sé onironauta e viceversa: lavorare su uno significa lavorare anche sull’altro e nel complesso il traguardo sarà quello di vivere esperienze inedite, sia reali che oniriche, con una nuova consapevolezza.

Scientificamente parlando, solo negli ultimi decenni possiamo affermare di star iniziando perlomeno a scalfire la superfice di uno dei più grandi misteri dell’Universo, che per ironia della sorte abbiamo letteralmente a portata di mano: il nostro cervello.

Una volta compreso il cervello, la mente umana, probabilmente risponderemo a una delle domande più semplici e profonde che mai potremmo porci come specie: “Chi siamo?”. Una domanda che tutti, filosofi, religiosi, intellettuali, scienziati, poeti, guide mistiche e spirituali, letterati e psicologi e soprattutto persone si sono posti, ognuno per motivi diversi.

Certo, non abbiamo la certezza che riusciremo mai ad avere una risposta adeguata a tale quesito. Ma, durante la breve tappa che è la nostra esistenza, tanto vale approfittare del dono che abbiamo. Abbiamo una mente, impariamo ad usarla! Sfruttiamo tutte le sue potenzialità!

“La maggior parte delle persone credono che la mente sia uno specchio,

che riflette più o meno accuratamente il mondo esterno, senza rendersi conto, al contrario,

che la mente stessa è l’elemento principale della creazione.”

(Rabindranath Tagore)

Lascia un commento