Indice I Sogni Lucidi Diario dei Sogni Lucidi > Bagattelle Oniriche

Raccontateci i vostri sogni lucidi e confrontatevi con quelli degli altri: una importante fonte di idee e ispirazione. Potete tenere un diario personale con i sogni che ritenete rilevanti.

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda IlBagatto » 16/09/2019, 14:29

Un'altra piccola Bagattella... Con questa sono tre notti di fila, sarà la luna piena? : Yahooo :

16 Settembre
Mi trovo all'università. Un professore che conosco mi chiede di prestargli la mia tessera universitaria per attivare una macchina, perché ha dimenticato la sua. Noto che somiglia in maniera straordinaria all'attore Colm Meaney di Star Trek, penso che dovrei farglielo notare. Vado a prendere la tessera in camera mia e gliela presto. Subito dopo, guardo lo schermo del computer portatile che sta usando e vedo che ha usato la tessera per connettersi al mio conto corrente. Mi rendo conto che sta cercando di rubarmi dei soldi e glielo faccio notare. Lui è mortificato, mi dice di essere in grande difficoltà, che gli servono £3000 per la sua famiglia. Ricordo di averlo aiutato in passato per la sua situazione difficile, ma siccome non ho molti soldi sul mio conto gli spiego che non posso aiutarlo più, per quanto mi dispiaccia.

Mi ritrovo a lavorare sul computer ed all'improvviso noto che ci sono delle finestre del mio browser che non ricordo di avere aperto.
Ricollego la situazione a sogni che ho avuto in passato. Faccio un RC, giusto per essere sicuro. Sono molto, molto felice. Sento di poter ragionare con grande chiarezza e mi dico che, per una volta, voglio seguire il flusso del sogno senza interferire. Mi guardo attorno. Sono seduto ad un tavolo in una cucina in un condominio, sarò al terzo o quarto piano, a giudicare dal panorama fuori dalla finestra. Un'arcata nel muro alla mia sinistra conduce ad un soggiorno con un divano ed alcuni tavolini bassi e lunghi, pieni di piccoli oggetti.

Esploro l'ambiente onirico. Sono molto attratto dagli oggetti sui tavolini. Ci sono molti bastoncini d'incenso e dei brucia incenso in metallo, decorati con motivi astrali, tipo la luna ed il sole. Alcuni cuscini sul divano riproducono lo stesso tema. Ricordo chiaramente un sole in oro con una faccia, tipo questo:


Spoiler:
Immagine


Voglio testare il mio senso dell'olfatto*, così spesso alcuni bastoncini d'incenso e li avvicino al mio naso. Inspiro, sento un odore molto blando e vago. Vado sul balcone, vedo la strada, degli alberi ed il mare in lontananza, voglio provare a volare. Penso che volare di solito mi viene così naturale che devo forzarmi di stare coi piedi per terra e che provandoci intenzionalmente probabilmente non ci riuscirò. Ovviamente il mio pensiero è profetico; desidero alzarmi in volo, ma inizio a fluttuare a mezz'aria, come se stessi galleggiando. Mi volto per rientrare in casa, ma il sogno svanisce.

Mi ritrovo nel letto, m'impongo di rimanere immobile e di iniziare a contare. Mi sento felice per via del sogno lucido e penso che farò fatica ad addormentarmi... Arrivato a 12 o 13 decido di alzarmi.

Sogno di avere appena scritto un sogno sul cellulare, utilizzando un'APP con un questionario sui sogni per rendere più facile tenere il diario onirico. Cerco di aprire di nuovo l'app perché voglio scrivere l'altro sogno ma ho dei problemi. Mio papà mi dice che quella del questionario è un'ottima idea, allora decido di usare la stessa tecnica del questionario con il mio diario cartaceo.

Mi sveglio per davvero e faccio un test di realtà pensando che mi sono lasciato fregare come nabbo :roll:

*In un lucido precedente sono stato molto deluso dal non poter odorare la mia lavanda. Il mio olfatto non sembra funzionare molto nel mondo onirico.
Dovetti abbandonare l’idea della superiorità dell’ego.
Compresi che ogni sentiero che avevo seguito, ogni singolo passo,
mi riportava verso un unico punto – il centro.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 99 volte
'Mi piace' ricevuti:: 126 volte

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda IlBagatto » 17/09/2019, 10:12

17 Settembre

Sto camminando lungo una strada in salita, c'è un piccolo parco giochi alla mia sinistra. Mi giro per osservare il panorama e vedo un paesaggio naturale con dei prati ed una pozza d'acqua. Nell'acqua, il riflesso di una montagna in cima alla quale c'è una chiesa. Guardo in alto cercando di capire dov'è la montagna riflessa.

Hey, non c'è nessuna montagna riflessa, questo dev'essere un sogno! Faccio un RC, giusto per essere sicuro, mi alzo in volo verso la pozza d'acqua e decido di provare ad attraversarla. Mi avvicino e desidero essere dall'altra parte... E vedo me stesso dall'altra parte, vicino alla chiesa, da una prospettiva di osservatore senza corpo. Penso "non avendo un corpo mi sarà facile attraversare lo specchio!" ed eccomi nella nuova scena onirica, che purtroppo si dissolve presto.

Scrivo il sogno e mi rimetto a dormire...

Sono in un campeggio con altra gente. È estate ed alcune mie amiche hanno organizzato uno spettacolo di magia e giocoleria. Hanno dei secchi e dei palloncini che riempiono d'acqua per fare dei gavettoni, uno dei quali mi bagna. Sono un po' impacciate, lo spettacolo -penso- non riesce gran che. Penso che si è fatta ora di andare e mi avvio verso il bagno per fare una doccia. All'improvviso mi rendo conto di essere nudo, e dopo un momento di imbarazzo penso "Ehi ma questo è il tipo di cose che ti succedono in un..."

Sogno! Faccio un RC e mi concentro sulla stabilizzazione mettendo una mano sul mio petto. La sensazione fisica mi aiuta. Decido di fare un'offerta e di esprimere la mia gratitudine per questo SL. Dico una preghiera mentre mi muovo attraverso l'ambiente onirico. Sono in un bar abbastanza affollato. Raggiunta l'uscita, dico "Grazie!" all'uomo dietro il bancone. Lui fa un cenno con il capo.

Esco fuori e mi trovo in un parco, è una bella giornata, ci sono molti giovani a passeggio lungo un violetto e seduti in giro. Decido di interagire con i PO. Ce n'è uno che fa jogging con una fascia in testa ed una canottiera rossa, capelli lunghi, tipo sportivo. Gli dico "Ehi tu!" e lui, senza guardarmi, si ferma ed inizia a camminare al rallentatore, con lo sguardo basso, inerte. Mi giro alla mia sinistra, vedo un gruppo di ragazzi, chiedo ad uno di loro: "Hai qualcosa da dirmi?", ma lui mi dice no. Capisco che è un altro 'spento'. Ma una ragazza seduta con lui mi sembra più sveglia. Ha un paio di piercing, degli orecchini sferici, ed indossa una maglietta viola. "Tu hai qualcosa da dirmi", le dico. "Sì, ma non posso", risponde lei. "Dai, ti prego!", le dico. "Va bene...".

Parliamo di alcune persone e situazioni legate alla mia vita professionale. La ragazza mi suggerisce, tra le altre cose, di rendere amiche "le erbe" e "lo Yoga".
Dovetti abbandonare l’idea della superiorità dell’ego.
Compresi che ogni sentiero che avevo seguito, ogni singolo passo,
mi riportava verso un unico punto – il centro.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 99 volte
'Mi piace' ricevuti:: 126 volte

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda IlBagatto » 18/09/2019, 17:35

Sonno disturbato per via di una cena indiana che non ho digerito bene. Faccio la WBTB, poi torno a letto con un forte bruciore di stomaco, il che spiega qualche stranezza onirica… Continuo a praticare le tecniche Tibetane mentre mi addormento.

Don’t associate with Dontassockians
Cammino per le strade di una cittadina inglese con case basse vittoriane. Ho un libro in mano e mi siedo nel patio di fronte ad una di queste case, in un vicolo. Da dietro l’angolo sbuca la padrona di casa, una vecchina con addosso un cappello ed un giubbotto azzurro. Mi scuso per essere seduto sul patio di casa sua e le spiego, in inglese, che il libro che stavo leggendo era così avvincente che non riuscivo a smettere di leggere e mi ero dovuto fermare (“I couldn’t put it down!”). Lei capisce e mi sorride. Guardando oltre la casa, mi rendo conto che è l’unico edificio in mezzo ad una radura verde, illuminata a tratti dal sole.

Dove sono le altre case? Credevo fossimo in città!
Mi rendo subito conto di essere in un sogno e ricordo di essere caduto addormentato praticando la visualizzazione Tibetana. Guardo la vecchina e mi rendo conto dalla sua espressione che lei sa di essere stata “smascherata” come personaggio onirico.

‘Chi sei?’, le chiedo? Lei mi guarda negli occhi e mi dice… ’Sono un alieno venuto dal pianeta Dontassock!’ E si avvicina verso di me, mi mette le mani addosso, una sulla spalla ed una sul ventre. Nel frattempo vedo i suoi occhi allungarsi e diventare delle fessure verdi dalla luce cattiva, la faccia diventare squamosa ed allungata. Per un attimo considero l’idea che un alieno sia entrato per davvero in un mio sogno e quindi sia un’entità esterna e non una proiezione del mio subconscio.
Panico panico panico.

Mi sveglio in paralisi con un fastidio nell’area del fegato, con un certo sforzo muovo la mano e riesco a spezzare la paralisi. Penso che ho sprecato un'occasione per via di una paura irrazionale… "Mai più ristoranti indiani mediocri", mi ripeto mentre torno a dormire.


L’insegnante di Yoga
Vedo 2-3 ragazze uscire da una casa con dei tappetini per lo Yoga sulle spalle. Incuriosito, entro ed incontro l’insegnante di Yoga, una giovane donna dal fisico snello. Le chiedo se avesse appena finito di insegnare una classe, risponde di sì, ma non sembra desiderosa di iniziare una conversazione. Allora le chiedo quale stile di Yoga insegna, e lei si mostra subito molto interessata, e mi dice che insegna V… qualcosa (uno strano misto tra Vinyasa e Vajrayana credo). Guardando la stanza mi rendo conto che 4 persone potrebbero starci soltanto sedute, e che non c’è abbastanza spazio per praticare asana (pose). Come se potesse leggermi nel pensiero, mi spiega che questo stile di Yoga si basa sul movimento del Prana, dell’energia sottile e sulle tecniche di respirazione. Mi spiega anche che periodicamente, 2-3 volte l’anno, passano l’intera sezione a bere Vodka. Scherzo dicendole che è un ottimo modo per fare pubblicità alla classe! Ma rifletto dentro di me che bere alcolici molto forti è un modo per verificare la qualità della presenza (o la sua assenza). Mentre parliamo, fa alcune asana nella vasca da bagno e resta in equilibrio sulla testa (la mia posa preferita). Mi dice che il suo nome è Grace (Grazia) e penso, come in ‘Grazia Divina’, le dico che è un nome molto appropriato.

Ci spostiamo in salotto, lei mi fa vedere alcune tecniche che posso usare per correggere un problema di postura. Mi dice che al giorno d’oggi inevitabilmente abbiamo tutti problemi di postura, e mima una postura sbilenca inclinando eccessivamente il bacino da un lato. Una delle ragazze che aveva fatto la classe esce dal bagno e nota compiaciuta che il suo corpo è perfettamente simmetrico.


Capisco di essere in un sogno. Continuo a parlare con Grace e sto per chiederle cosa ne pensa di essere in un sogno, ma sento che lei è in un certo qual modo ‘vulnerabile’, ‘fragile’, e che se le dicessi che ci troviamo sogno potrei ferirla*. Vado avanti parlando con lei come se niente fosse (non ricordo di preciso la conversazione), ma d’improvviso mi accorgo che non è più la stessa. Un altro PO, dall’energia molto più grossolana e superficiale, ha preso il suo posto. Decido di confrontarla e le chiedo: ‘chi sei?’, ‘Grace’, mi risponde lei, ma so che sta mentendo. Esco dalla porta di casa e rientro, desiderando di rincontrare il PO di prima, che sembrava avere un’intelligenza e sensibilità molto più elevate. Trovo la mia compagna, la abbraccio, lei mi dice che le sono mancato e che si sente poco bene. Le metto una mano sul ventre e le dico che, essendo in un sogno, la posso guarire semplicemente volendolo.

L’oscurità avvolge il sogno. Sento il mio corpo nel letto, resto assolutamente immobile, attraverso le palpebre appaiono piccoli insetti e vermi che strisciano sul letto. Non mi rendo conto che si tratta di un falso risveglio, ma penso di avere delle allucinazioni perché sono ancora in fase REM, e che se resto immobile riprenderò a sognare. Chiudo gli occhi.

Nuova scena onirica, sono in una camera da letto con la mia compagna, che è molto felice e mi dice che si sente davvero benissimo adesso. La stanza è molto spaziosa. Apro le finestre e vedo una città orientale che mi ricorda Dharamsala. Ci sono delle bandiere Tibetane che sventolano appese ai palazzi intorno al nostro. Decido che essendo la città in cui vive il Dalai Lama è una buona occasione per andare a cercarlo… Così inizio a girare per la casa aprendo porte e desiderando di trovarlo lì, lo chiamo a gran voce: “Your Holiness! Your Holiness!”, ma il sogno svanisce prima che lo raggiunga.


Mi sveglio per un istante, resto immobile e riprovo la DEILD. Vedo formarsi un nuovo ambiente onirico, inizio a muovermi per le strade di una piccolo villaggio come osservatore incorporeo, ma il sogno svanisce presto e mi sveglio definitivamente.



*Sono stato ad un forum con Charlie Morley di recente, e lui ha condiviso questo pensiero, che certi aspetti del nostro inconscio vanno rispettati e non forzati ad ammettere di essere proiezioni oniriche.
Dovetti abbandonare l’idea della superiorità dell’ego.
Compresi che ogni sentiero che avevo seguito, ogni singolo passo,
mi riportava verso un unico punto – il centro.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 99 volte
'Mi piace' ricevuti:: 126 volte

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda Sonme » 18/09/2019, 23:37

Qualcuno ancora scrive i propri sogni, ne sono compiaciuto. Se poi scrive bene, cosa ancor più rara, bisogna brindare.
Bravo Bagatto
Avatar utente
Sonme
 
Messaggi: 817
Iscritto il: 04/04/2015, 23:20
Ha  fatto 'Mi piace': 74 volte
'Mi piace' ricevuti:: 216 volte

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda IlBagatto » 19/09/2019, 0:42

Sonme ha scritto:Qualcuno ancora scrive i propri sogni, ne sono compiaciuto. Se poi scrive bene, cosa ancor più rara, bisogna brindare.
Bravo Bagatto


Grazie Sonme, avere qualcuno che li legge è sempre un piacere, un brindisi alla tua! Trovo che scrivere sul forum sia un ottimo modo di coltivare i propri sogni, anche se leggendo vecchi post mi sembra che questo non sia un periodo di grande attività... O è solo una mia impressione?
Dovetti abbandonare l’idea della superiorità dell’ego.
Compresi che ogni sentiero che avevo seguito, ogni singolo passo,
mi riportava verso un unico punto – il centro.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 99 volte
'Mi piace' ricevuti:: 126 volte


Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda IlBagatto » 19/09/2019, 21:57

Sonme ha scritto:No, non lo è.

Qualche anno fa c'erano più utenti attivi e di conseguenza si scriveva di più. Poi siamo spariti un po' tutti.


Un vero peccato... Come mai pensi sia successo? Perdita di interesse? Passati il periodo Matrix ed il periodo Inception?

Ho letto parecchie conversazioni molto profonde ed interessanti, e quando mi sono iscritto speravo di trovare un po' più di attività. Non avendo Facebook non so quanto attivo sia il gruppo lì. Sento che poter condividere una ricerca con altre persone, anche virtualmente, sia molto stimolante e gratificante. Per cui... continuerò a scrivere : Wink :
Dovetti abbandonare l’idea della superiorità dell’ego.
Compresi che ogni sentiero che avevo seguito, ogni singolo passo,
mi riportava verso un unico punto – il centro.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 99 volte
'Mi piace' ricevuti:: 126 volte

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda IlBagatto » 20/09/2019, 10:18

20 Settembre - Il Mio Sognatore Lucido
Notte fonda. Tutto è buio, non ci sono luci per strada. Una macchina di lusso, tipo limousine, ma con la parte di fronte di una macchina da formula uno. Noto la stranezza e faccio un test di realtà.

Realizzo di essere in un sogno, ma il buio si fa completo. Mi metto una mano sul petto, poi la sfrego contro l'altra, vedo una fessura di luce, una porta, la apro. Metà della mia visuale è occupata da una lamina bianca che sembra essere bi-dimensionale, come se l'ambiente onirico non fosse ancora formato. Dico una preghiera, e noto come l'audio sia estremamente realistico, come nella realtà fisica. Infine riesco a scivolare sotto la lamina e mi trovo in un ospedale deserto. Mi muovo per i corridoi, scendo delle scale, entro in un nuovo dipartimento senza incontrare nessuno. Provo ad entrare in una stanza chiamando la mia guida onirica, ma la stanza è vuota. Mi sveglio e provo la DEILD.

Mi ritrovo in una via del centro della mia città natale. Molte persone sono sedute a dei tavolini sul marciapiede, sotto gli alberi.

Noto il cielo azzurro e mi rendo conto che in realtà è notte, e che sto ancora sognando! Mi sento molto soddisfatto per la mia chiarezza mentale, al punto che inizio a cantare in mezzo alla strada. Tanto siamo in un mio sogno, no, nessun motivo di vergognarmi. Improvviso una canzone sul fatto che sembra giorno ma in realtà è notte, cammino felice, guardandomi intorno. Ed all'improvviso noto un PO che mi guarda con occhi molto belli e profondi, ed inizia a cantare con me! Gli dico di venire ed iniziamo a parlare. È un ragazzo poco più giovane di me, mi ricorda un caro amico. I suoi occhi sono così pieni di vita che stento a credere si tratti di un personaggio onirico.

Bagatto: "Qual è il tuo nome?"
Pier Luigi: "Pier-Luigi" (associo immediatamente il nome Luigi a luce e lucidità)
B: "Pier-Luigi <<<cognome del mio migliore amico>>>?"
PL: "Sì, anche se sai che questo non è il mio vero nome ovviamente..."
B: "Sei un altro sognatore?"
PL: "Sono il tuo sognatore lucido. La parte della tua mente che rappresenta la lucidità onirica"
B: "Fantastico! Ci rincontreremo in futuro? Mi aiuterai a diventare lucido?"
PL: "Sì, in un'altra forma..."


Mi sveglio con una sensazione di benessere e di quiete. Scrivo i sogni e mi ci vuole un po' a riaddormentarmi...


Prima dell'alba
Mi trovo nuovamente nella mia città natale, ma questa volta sono in un'area un po' malfamata. È notte e so che c'è un gruppo di PO che si sono riuniti in un vecchio edificio e stanno preparando un'attività criminale. Vedo quattro ragazzi malvestiti correre verso il raduno e penso che sono fortunato che non mi abbiano notato. Mi sento in pericolo, e riconosco questo stato emotivo come uno tipicamente onirico.

Mi rendo conto di non sentire il peso del mio corpo (e penso che questo potrebbe essere un ottimo RC) e decido di arrampicarmi sul palazzo di fronte a me. Ho paura che il sogno si dissolva, ma poi penso: fino ad un momento fa mi sembrava così solido e reale. Non c'è nessun motivo per cui si debba dissolvere ora. Riporto alla mia mente quell'impressione di stabilità e sento di averla trasferita al sogno. Mentre mi arrampico il sole sorge e sento una canzone a proposito dell'alba. Decido di continuarla, inizio a cantare senza pensarci troppo, le parole e la melodia vengono da sole. Mi rendo di stare attingendo alla parte creativa del mio inconscio, mi meraviglio della bellezza ed originalità della canzone (che ovviamente ora ho dimenticato : WallBash : ).

Arrivato in cima al palazzo mi volto e vedo il mare. Sono molto in alto, ho una visione di tutta la costa e dell'acqua illuminata dal sole. Un paesaggio meraviglioso. Mi godo questo spettacolo per un po', poi decido di spiccare il volo.
Salto giù in picchiata, plano sfiorando il terreno, torno in alto. Sento di avere completa padronanza del volo e decido di sperimentare con un po' di controllo. Vedo che i PO cattivi di prima si stanno disperdendo e fuggono, come se l'alba li avesse sorpresi ed ora cerchino di nascondersi da me. Immagino una palla di fuoco e guardo la mia mano... Ecco una piccola sfera che cresce... La scaglio in mezzo al gruppo che fugge dove so che si trovano i PO più cattivi. Ne incenerisco quattro. Dopo un momento di soddisfazione, penso che non è bello andare in giro ad incenerire parti del mio inconscio :roll: e, con un gesto della mano, li faccio riapparire. :angel:
Dovetti abbandonare l’idea della superiorità dell’ego.
Compresi che ogni sentiero che avevo seguito, ogni singolo passo,
mi riportava verso un unico punto – il centro.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 99 volte
'Mi piace' ricevuti:: 126 volte

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda IlBagatto » 21/09/2019, 16:21

21 Settembre - L'impostore

Mi trovo in un locale. È notte. Bevo una birra e parlo con un uomo sulla cinquantina in piedi vicino ad un tavolo, capelli corti, tipo simpatico. Parliamo per un po', non ricordo la conversazione. Mi dice "Va bene, adesso ti lascio andare a dormire".

Ricordo chiaramente di essere già andato a dormire. Capisco immediatamente di essere in un sogno e sento che l'uomo sa perfettamente di trovarsi in un sogno, e mi ha ingannato deliberatamente. Gli do' un buffetto gentile (ehm... non troppo :roll: ) sulla guancia e gli dico "Ma io sto già dormendo, e tu lo sai bene! Perché hai provato ad ingannarmi?"
"Perché mi manchi molto. Ti sei dimenticato di me..."
Sono molto stupito della sua risposta. Non ho idea di chi possa essere...
"Chi sei? Che cosa rappresenti?"
"V..." (nome di donna)
"V... chi?"
"Il ragazzo che ti ha fatto l'anestesia quando ti hanno somministrato il vaccino per l'antitetanica."
"Quello che dici ha poco senso... Spiegati meglio."
Lui si trasforma in un cane e scappa via dall'altra parte della strada. Lo inseguo, ma mi sveglio poco dopo.


Strano sogno, confuso. Conosco diverse V..., ma non ho una relazione stretta con nessuna di loro, e non trovo nessuna connessione ovvia né con un anestetico né con un cane. Mi lascia perplesso.

Tanta attività onirica stanotte: oltre a questo ho scritto altri 6 sogni sul diario. Simboli forti, tra cui:

Rappresentazione teatrale del Mahabarata di Peter Brook in una caverna scura. Tre fratelli, che rappresentano le tre forze della natura e le tre emanazioni di Brahma - Brahman, Vishnu e Shiva - entrano uno dopo l'altro nella parte più scura della caverna, dove si trova la loro sposa.


E in un altro sogno:

Un mazzo di tarocchi ("Rider-Waite"). La prima carta è il 2 di Spade ma è molto diversa da quella reale. Raffigura l'aria tersa al di sopra di una montagna dietro la quale sta sorgendo il sole, ed è chiamata "Il Mattino".


Ora che ci penso, ricorda tanto lo sfondo de "Il Matto" del Rider-Waite, ma prima che il sole sorga, e prima dell'arrivo del Matto:

Spoiler:
Immagine
Dovetti abbandonare l’idea della superiorità dell’ego.
Compresi che ogni sentiero che avevo seguito, ogni singolo passo,
mi riportava verso un unico punto – il centro.
Avatar utente
IlBagatto
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 24/08/2019, 17:08
Ha  fatto 'Mi piace': 99 volte
'Mi piace' ricevuti:: 126 volte

Re: Bagattelle Oniriche

Messaggioda Sonme » 21/09/2019, 16:55

IlBagatto ha scritto:
Sonme ha scritto:No, non lo è.

Qualche anno fa c'erano più utenti attivi e di conseguenza si scriveva di più. Poi siamo spariti un po' tutti.


Un vero peccato... Come mai pensi sia successo? Perdita di interesse? Passati il periodo Matrix ed il periodo Inception?

Ho letto parecchie conversazioni molto profonde ed interessanti, e quando mi sono iscritto speravo di trovare un po' più di attività. Non avendo Facebook non so quanto attivo sia il gruppo lì. Sento che poter condividere una ricerca con altre persone, anche virtualmente, sia molto stimolante e gratificante. Per cui... continuerò a scrivere : Wink :

Mah... tempi che cambiano.
Il gruppo facebook non lo so. Non lo seguo.
Avatar utente
Sonme
 
Messaggi: 817
Iscritto il: 04/04/2015, 23:20
Ha  fatto 'Mi piace': 74 volte
'Mi piace' ricevuti:: 216 volte

PrecedenteProssimo

Torna a Diario dei Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


cron