Indice I Sogni Lucidi Diario dei Sogni Lucidi > ~DreamWorld~ la Saga

Raccontateci i vostri sogni lucidi e confrontatevi con quelli degli altri: una importante fonte di idee e ispirazione. Potete tenere un diario personale con i sogni che ritenete rilevanti.

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 11/06/2020, 14:55

87- X-aggione


Sono in treno, riconosco tante persone ma non gradisco la loro presenza.
Devo andare in un posto su richiesta di qualcuno per ragioni a me ancora sconosciute.
Scendo dal treno, giro l'angolo della stazione e davanti a me in lontananza vedo Optimus Prime dritto in piedi
, con le mani congiunte sulla spada gigantesca puntata a terra.
Guarda proprio da questa parte "Ti stavamo aspettando"
Da destra esce Bumblebee, non me l'aspettavo proprio. Si incammina verso Optimus in fondo.
Da sinistra sbuca qualche altro Autobot e da destra ne esce uno nero e fuxia che già lo inquadro come femmina.

Li seguo fino ad una piazza simile ad un cortile interno di quelle vecchie case...
Sbuca Antman e sparisce poco dopo averlo visto, in cerca di qualcosa.
Credo che anche lui ci stia aiutando per la nostra "faccenda".
L'Autobot fuxia, che seguendo il film si chiama... Stinger, si affianca a me da sinistra e B si piazza davanti a me a 4/5m.
Optimus "TIRATEE"
Mi prede alla sprovvista.
Guardo sia B che Stinger
ma sembra che anche loro due non sappiano effettivamente che fare.
Una scintilla mi fa abbassare a terra.
Ci abbassiamo tutti e tre contemporaneamente e tirandoci su in piedi si tende una ragnatela da terra tra le nostre mani.

Al suo interno si rivela un ologramma della faccia di qualcuno...
Tiriamo sempre di più e questa faccia si allarga e si anima.
Ne spunta un'altra di faccia, una è di Antman e l'altra... credo sia Stella, quella delle Winx.
Lei inizia a parlare.
Dice cose che non ricordo con un tono del tipo "Io non ho fatto niente... Lasciatemi andare... bla bla bla..."
Nel frattempo Antman ci dice su parole perché non ci davamo una mossa.

Ok, lei è imprigionata nella ragnatela, noi tre ci avviciniamo e consegniamo gli angoli della ragnatela a Stinger.
Lei porterà la ragnatela nel posto dove dovremo interrogare Stella e farci confessare... qualcosa.
Guardo a terra e vedo una cosetta strapiccola coi capelli biondi e fluenti... È SCAPPATA!!
Dev'essere successo quando abbiamo allentato la ragnatela e i buchi si sono allentati, ed è scivolata fuori...
Le corro dietro assieme a B e a Stinger, e che ovviamente non riusciamo a prenderla perché sparisce da qualche parte...
Si e` teletrasportata.

Si sente il treno in lontananza partire dalla stazione...
Mi volto indietro, Optimus e B sono già in posizione di partenza per raggiungere la stazione.
"Vengo anch'io"

Partiamo in volo tutti e tre.
Ho il terrore di restare indietro rispetto a loro due visto che usano i cosi a propulsione sotto i piedi mentre io ho solo un paio di ali...

Loro due deviano da me e raggiungono la stazione vicina, mentre io tiro dritto e seguo i binari cercando di prendere il treno... magari e` li`.
Raggiungo il treno poco prima che si fermi alla stazione dopo e perlustro il treno alla ricerca di piccoli capelli biondi...


Puf

Mi trovo d'un tratto in una stanzona dove siamo rinchiusi dentro, io e tanti altri bestioni di metallo... ma non tanto rinchiusi nel senso di prigionieri...
Nel senso che i servizi segreti/speciali/sai te chi erano, che hanno il supporto di Optimus, hanno ordinato per motivi X-Y a Optimus e alla sua squadra, di rimanere fermi qui dentro, e noi come squadra fedele gli diamo ascolto.

Qui dentro c'è un frigo (dettaglio importante), alcune mensole e cassetti tipo una cucina insomma... e c'e` pure un enorme materasso dove io, B e Stinger ci buttiamo uno sopra l'altro.
Per l'esattezza io di traverso a pancia in giù, Stinger di traverso con le sue gambe sulla mia schiena (quindi sarei incastrata) e B si è aggiunto in parte a me, in maniera tale che la sua testa e` vicina alla mia e non Sopra.
Gli altri individui sono seduti o in piedi sparsi per la stanza che riflettono e aspettano ordini da Optimus.
Riesco a liberare il braccio sinistro dal peso di Stinger e accarezzo giocando delle linguette di acciaio che sporgono in scala da due punti della testa di B.
Intanto penso a voce alta...
"State sempre dietro a tutti gli ordini che vi danno... mmh... è per questo che è facile prevedere le vostre mosse... siete prevedibili... ma... chi ha detto che noi dobbiamo stare qui"
Mi tiro su a mo di piegamento sulle braccia e alzo senza alcuno sforzo le gambe di Stinger, mi alzo dal materasso e ripeto a Optimus
"Chi ha detto che dobbiamo stare qui?!"

E lui "Giusto! Chi ha detto che dobbiamo stare qui! Forza, abbiamo una missione da compiere"

Una visione improvvisa che si sormonta ai miei occhi.
Sono in un giardino simile a quello di mia nonna sul retro.
Guardo e basta.
C'è Stinger a cui viene saldata sul petto una grossa X per modificare il suo Status...
Non ci capisco molto, comprendo che lei è un'infiltrata cattiva e ci sta solo spiando, ma facendo questa modifica l'hanno resa un Cattivo-buono, illudendo cosi` i Buoni di avere in squadra un membro fedele. Una voce umana femminile ovattata di sottosfondo che parla, ma riesco a focalizzarmi sulle ultime parole
"... è stata X-ata"

Puf

Mi ritrovo nella stanza di poco fa con Optimus che dice "Forza, abbiamo una missione bla bla..."
Guardo confusa Stinger che si e` appena alzata dal materasso con B, ma non vedo alcuna X.
Significa che ha gia` portato a termine la sua missione ed e` libera di sparire... ma non è successo... e` ancora con noi... ma allora sta dalla nostra parte!

Puf

È sera e sono a casa di mia nonna.
Qui in cucina si sono radunati tutti i capi di intelligent/squadre speciali/infiltrati e tutto il resto, per discutere su cosa fare.
Qui sul tavolo, c'è un tablet con all'interno file di massima importanza, che io devo farlo arrivare a Optimus.
Mmmh...
Tutti i personaggi qui presenti sono impegnati a discutere animatamente.
Da in piedi accanto alla porta dove sono, allungo un po' le mani verso il tavolo e il tablet schizza attirato tra le mie mani.
Esco in terrazza.

Appena accanto alle scale, vedo Stella seduta sulla ringhiera che mi fissa con un sorrisetto sulle labbra.
"Hai da accendere?" ;)
Mi riferisco al tablet da bruciare ovviamente...

Le si espande il sorriso sul viso.

Raggiungo meta` terrazzo, e mi siedo sulla ringhiera proprio davanti alla finestra.
Guardo dentro in cucina
, e la riunione si interrompe bruscamente alla mia vista col tablet nelle mie mani, tutti in silenzio.
Do` una piccola sbirciatina a Stella che mi sorride diabolica.
Ok... schiocco due volte le dita come se fosse un accendino, guardo in cucina e tutti sono spaventati : Twisted :
Apro il palmo e una fiammella volteggia su di esso : Twisted :

In quella arriva su per le scale un ragazzo, e si siede sulla ringhiera a 1m da me a sinistra.
Assomiglia particolarmente al capo seduto là dentro... sarà il figlio..?
Mi dice "Lo sai che se lo bruci verrà fuori un casino..?" ;)
Ci penso su... ma sarebbe peggio se non lo facessi... e comunque è la Dreamworld... si puo` fare tutto.
E gli do fuoco al tablet.

La cover di cuoio nero che lo avvolge sta bruciando.
Mi rigiro tranquillamente il tablet tra le mani.
Prendo un angolo della cover e con un movimento veloce lascio il tablet che si apra con la gravita`.

Si propaga una grossa fiammata ch emi inghiotte l'avambraccio, ma non sento bruciare.
Il tablet intero si disintegra in quella fiammata.
La pagina della cover che sto tenendo si scioglie, la fiamma si estingue in un soffio, e mi rimane in mano un fazzoletto di cuoio che era nascosto di sicuro nella cover...

Mi esce un sorrisetto... perche` lo sospettavo..?
Sbircio il ragazzo e ha la mia stessa espressione.
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 12/06/2020, 22:40

Nel frattempo Laura prende lucidita` totale del sogno e da un sogno-c*zzeggio si teletrasporta involontariamente nella portaerei di Samuel, qui ha una seconda occasione per salvare suo fratello Loki.
Lo trova e passa il vetro spesso che la divide da lui, lo tocca e questa volta il sogno prosegue.
Dopo avergli trasferito una piccola quantita` di energia vitale, Loki apre gli occhi e scappano.
Arrivati fuori si rendono conto che sono in quota e davanti hanno un salto nel vuoto.
Laura si trasfigura nel drago Aurora blu e oro e volano via, salvandosi.
Non c'era traccia di Samuel ne` del Tesseract.


88- La coppia incappucciata


Mi trovo a... verso scuola, lungo la stradina che percorro tutti i santi giorni per raggiungere scuola...
Siamo io, Chiara e altre persone tipo compagni di classe e persone esterne...
Il cielo e` un po' scuro... e i vestiti delle persone sono leggermente luminosi.
Arrivo davanti al bar Lady, il bar appena prima della scuola, e a 4m spaccati da me ci sono due persone incappucciate con un mantello viola scuro.
Il mantello copre praticamente tutto fino ai piedi, e il cappuccio oscura la faccia, nascondendo gli occhi e il naso.
In una mano tengono entrambi una sfera di cristallo che inizia ad emettere una luce madreperlacea a raggi.
Muovono l'altra mano sopra la sfera e questa si alza dal palmo della mano sottostante.
Non sono sincronizzati... non fanno proprio gli stessi movimenti.
Dura tutto pochi secondi e poi SWANN... SWA-A-AMP.
Si distorce lo spazio attorno a me e quando ritorna normale SBAM le mie ALI.
Non ci credo.
Alzo le braccia e guardo tra l'ascella fino ai piedi, ci sono penne e piume marrone scuro.
Guardo dall'altra ascella ed è lo stesso!
Le muovo ed è tutto vero!
Ritorno con gli occhi sulle due persone mantellate ma non ci sono più : :s :
Non saranno mica loro che mi fanno comparire le ali ad ogni sogno..?


Il tempo ricomincia a scorrere e nessuno ha visto i due incappuciati...
Mi accorgo però che tutto il mio gruppo di persone e` andato avanti, fermo davanti ai cancelli della scuola.
Tutta felice mi presento lì vicino... ma nessuno nota le mie ali... e le ragazze presenti nel gruppo mi guardano malissimo...
Le ragazze si allontanano e così si creano due gruppi. Da una parte io e tutti i ragazzi, dall'altra tutte le ragazze, tra cui Chiara.
Chiara la vedo di spalle che gira la testa squadrandomi malissimo... e tutte le altre ragazze come oche le fanno domande e la confortano...
Che c'entro io? : :s :

Mi passa davanti un braccio "muscoloso" che mi si appoggia alla pancia e mi tira dolcemente indietro.
Solo che i miei piedi sono piantati a terra e non mi muovo di un centimetro.
Cerco con gli occhi di chi è il braccio, è di Simone, e` in classe con me, e` un figo e le cose tra noi cominciano a farsi intime ma non fisiche ( : :s : )
Mi sorride e mi mette una mano sulla schiena per sostenermi.
In pratica, io stoccafisso, sono inclinata all'indietro quasi fino a toccare terra a mo` di Casque`.
Sopra la mia capoccia si affacciano molti ragazzi a formare un cerchio di teste curiose.
Simone mi chiede "Tu sai mica cosa sta succedendo?"
E` serio ma con gli occhietti dolci.
"No... :D " e poi mi parte un sorriso stampato che fa sorridere anche Simone che continua
"Ho capito... ... Tu sei felice perché hai le ali e basta!" ;)
"Zi :D "
Lui sorride e soffoca una mezza risata... la gente di disperde da sopra la mia faccia e Simone mi raddrizza.

Puf

Casa. Entro dal cancello e incontro mia zia che osserva in giardino le galline razzolanti al di la` della rete...
Lei sorpresa si porta le mani alla bocca
"HHHH un angelo!"
Le sorrido e lei continua "Non è sicuro volare... ti fa male ed è molto difficile"
"No... non è vero. Guarda"
Da dove sono, corro, salto e volo alto velocemente, viro a sinistra e atterro nel retro della casa.

Quando atterro nel retro, entro in casa e vedo i nonni e mia mamma seduti al tavolo in cucina a bere il caffè.

Ad un tratto mi si distorce tutto lo spazio attorno a me.
E` tutto sui toni del grigio. Non c'e` piu` nessuno.
Avanzo lentamente per l'openspace verso il soggiorno. Qualcosa a terra attira la mia attenzione.
Mi avvicino.

Qui per terra, accanto al divano, c'e` una pietra triangolare a piramide, molto irregolare e mezza storta...
La prendo in mano, non e` molto grande.
Su un lato abbastanza piatto c'e` un segno in bassorilievo che emana luce rosa.
La tivu si accende casualmente, e la pietra inizia a tirare dalla mia mano come se fosse fissa in quell'esatto punto nello spazio.
Mollo la presa e questa parte a galleggiare nell'aria.

Si allontana di poco e a 2m da me metto a fuoco una strega dal bitorzolo sul naso.
La pietra triangolare galleggia verso di lei e viene avvolta da una sostanza liquida e trasparente, sbucata fuori dal nulla.
La sostanza liquida si solidifica a sfera, la pietra e` ancora visibile all'interno di essa.
E` una sfera di cristallo?!
La strega inizia a dire formule in turco e la pietra da dentro si illumina ed esplode rendendo il vetro molto... opaco... all'interno.
Il sogno sfuoca a spegnersi.
Quindi e` per quello che le sfere sono opache quando funzionano... credo...

Cosa dovrei cogliere da tutto questo..?
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 13/06/2020, 17:56

89- La vendetta dei Vichinghi


Di botto sono in salotto, ferma nel punto esatto dove si è fermato il sogno precedente... fuori sta succedendo qualcosa.
Fuori sento urla ed entra in casa gente della mia età, tutti terrorizzati e presi dal panico.
Rimango ferma dove sono osservando la situazione.

La gente corre per casa e sbarrano praticamente ogni porta e finestra.
Entra un altro ragazzo dalla porta del garage e sento un'urlo di carica da parte di un uomo grande grosso e barboso...
Ah c*zzo... quei vichinghi smemorati hanno trovato la mia casa... Com'e` potuto succedere?! E stanno ammazzando la mia gente!

I furbi di turno hanno barricato tutte le porte tranne proprio quella del garage, che scommetto che è rimasto completamente spalancato...
Intravedo le sagome scure di quei vichinghi correre dietro la porta della cucina.
Entreranno tutti dal garage se non faccio qualcosa.
Alzo la voce tutto d'un tratto e parto a sparare parole d'incoraggiamento piene di orgoglio...
Convinco tutti i presenti in casa a combattere per la nostra patria, perché io combatterò con loro e al loro fianco noi vinceremo questa battaglia.

Urlo di battaglia generale e guido tutti al garage brandendo la mia spada d'argento che mi appare dal nulla come l'ultima volta.
Ci nascondiamo dietro l'angolo e aspettiamo il momento giusto per imboscargli l'attacco ai vichinghi.

Brandiscono armi di tutti i generi... mazze, pezzi di sedie, bastoni di lampade...

...

Entra un vichingo e lo decapito con un colpo solo.
Usciamo tutti in massa dal garage e fronteggiamo l'orda nemica con grande forza e maestria.
Vedo gente che si ritira tutta insanguinata, gente che muore a terra come i nemici... ma resisto.

Resisto per via della spada piu` che altro, che taglia di netto qualsiasi cosa persino il metallo.
Faccio qualche passo indietro per difendere la porta del garage che da` in casa...
Vedo Giovanni, quello che pensavamo fosse scomparso e alla fine era nel capanno degli attrezzi,
che con la sua spada in mano cammina calmo tranquillo e sereno con l'aria proprio rilassata/soddisfatta, verso di me... ma dietro un vichingo lo sta per trafiggere!
Scatto avanti contro di lui e gli giro attorno molto vicino,
che si spaventa un botto trasalendo tirando un urlo da checca, e affondo il vichingo con un fendente trasversale dal collo al fianco opposto.
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 15/06/2020, 0:28

90- Il Lapras volante


Apro gli occhi nel momento esatto in cui evado da una piccola finestra di un edificio molto grande e grigio.
Ho un lavoro di un livello molto alto che mi annoiava e per cambiar lavoro non avevo altra scelta che evadere da questo posto...

Voglio atterrare da qualche parte ma il mio sesto senso mi fa attaccare al fusto di uno di quegli alberi altissimi piantati lì vicino.
Mi aggrappo e li scalo,
nel frattempo quelli di dovere si sono accorti della mia evasione e hanno mandato un ragazzo a dissuadermi per farmi tornare indietro.
Lui si arrampica su per l'albero cercando di prendermi ma ovviamente lo semino...
Arrivo in cima all'albero e mi lancio in un lungo volo che mi porta ad un vigneto a più livelli.

Nel senso che sopra le piante di vite piantate a terra, ce ne sono altre, e altre ancora, e per accedervi devo beccare proprio il buco giusto e lo slancio perfetto per raggiungere i filamenti che li tengono saldi alle strutture.
Il ragazzo mandato a persuadermi rimane incastrato tra le piante di vite a terra, mentre io proseguo e supero i tre livelli di vite.
Trovo il cielo e mi libro in aria verso l'infinito.


Puf

Sono in una grande aula... ma grande proprio.
Ci sono spalti lungo tutto un lato della stanza... in giro sparsi per l'aula ci sono tantissimi ragazzi che chiacchierano.
Sono tornata indietro? Sono di nuovo tra la concorrenza?
In un istante collego tutto.
Ci sono tre classi.
La classe inferiore, quella dove ci sono i pivellini appena arruolati che devono imparare come funziona tutto.
L'intermedia, dove i ragazzi hanno passato la prima selezione e sono più esperti.
E poi c'è la superiore, dove trovi i più str*nzi che si sentono i re del mondo... insomma quelli che possiedono più esperienza e si sentono ovviamente superiori delle altre due classi...
Io le avevo già passate tutte e tre... ed ero stata scelta tra tutte le classi superiori per le mie abilità spiccate, per aver sbaragliato la concorrenza o giu` di lì...

Ma ora sono di nuovo qui... PERCHÉ?

Sono in mezzo ai pivellini che giocano con i magneti Geomag, ce n'e` un mucchio intero per terra.

Ne prendo una manciata e comincio ad alternare scrupolosamente un magnete e una pallina, un magnete e una pallina,
Ci impiego un sacco di tempo e nel frattempo spiego ad una ragazza che i Geomag se usati astutamente puoi creare un tirapugni letale.

Chiamano l'attenzione per un megafono e tutti i ragazzi nella sala prendono e si siedono sugli spalti.
Gli spalti sono suddivisi in tre masse di persone. Quelle tutte schiacciate a sinistra, quelle centrali e quelle rigorosamente adagiate comodamente nella parte destra... le superiori.
Sono seduta con i pivelli, quindi a sinistra.
I ragazzini cercano di mostrarsi e fare invidia agli intermedi, qualche azzardato prova con i superiori...

Chiamano di nuovo l'attenzione con sto megafono e in centro alla sala si piazzano due persone. Una è Piton. Sicura. L'altra sembra la McGranitt...
Chiamano gli eletti delle superiori in classifica, quelli più dotati, più esperti, quelli con più maestria...
Ma guarda come se la tirano...
C'è il 4°, il 3°, il 2°, e il primo posto della classifica annuale, ossia quelli che stanno lottando per il posto di "lavoro"... quello che ho rifiutato : Thumbup :

Poi non ricordo...
Mi trovo a correre tra i corridoi dell'edificio e Piton che mi corre dietro...
Arrivano incantesimi confusi e io senza bacchetta li elimino solamente inclinando l'indice orizzontalmente.

Piton mi guarda allibito.
Sembra lo spaventi quella cosa del mio dito in orizzontale.. ma credo stia pensando a un botto di cose tutte insieme.
Mi guarda negli occhi anche se a distanza... guarda me, che sono con le spalle al muro, e lentamente alza la mano sinistra e mi indica una finestrella in alto, aperta.
La guardo, lo guardo, sento passi esterni che corrono da questa parte, faccio un cenno disperato a Piton... e fuori da sta finestrellaa... sei un grande Piton. Guai se mi tradisci adesso.

Puf

Sto volando in alta montagna... non ho nessuno dietro all'inseguimento... poi un baccano di voci alle mie spalle... MA SE NON C'ERA NESSUNO???
Guardo in giù in fianco a me e partono una serie di colline in pendenza tappezzate di alberi tipici delle foreste amazzoniche, il tutto avvolto da un muro di nebbia...
Mi getto in picchiata e sento proprio le dita delle mie mani che come fossero penne, sferzano l'aria e modificano la traiettoria a seconda di quanto le inclino...
Entro nel banco di nebbia e sento le goccioline d'acqua nebulizzata tra le dita.
Mi guardo indietro e la nebbia mi ha avvolta, giro a destra e continuo dritta... speriamo che con questo zig-zag li abbia un po' deviati... chiunque essi siano.
Sento pronunciare un incantesimo alle mie spalle, l'ho gia` sentita questa voce.
Mi guardo ancora indietro e... Albus Silente??
A cavallo di un Lapras??
Mi prendi per il c*lo??
Un Lapras volante?
* e` un Poke`mon d'acqua, non e` fatto proprio per volare insomma.. *

Riesco a seminare Silente e il suo Lapras volante...

Puf

Sono a bordo di un campo da calcio, ci sono spalti di tutte le forme, al suo interno si sta svolgendo una partita di... no. Apetta. È una gara, tra chi è il più forte.
Ho mamma e papà ai fianchi che assistono con me alla gara.
I concorrenti mostrano la loro forza, abilità fisiche... e i muscoli.
Ma sono tutti maschi.
Appena fuori dalla linea di campo c'è tipo una sbarra di acciaio come quelle che si trovano nei parchi per bambini doveci si appende...
Mi ci avvicino e mi ci appendo solo con mano destra nel mezzo della sbarra.
Tendo il polso e tutto il mio corpo si tira su orizzontalmente senza un briciolo di fatica...
Questo e` il sogno dove sono più dopata di sempre...

Mamma "Dovresti partecipare anche tuu!"
"Sì dovrei, ma non saprei"

All'improvviso al cento del campo la coppa del vincitore implode ed esplode, espandendo una bolla grossa 2m rallentando il tempo, quasi a fermarlo.
La bolla e` color giallo con spruzzi verdi e fuxia. Continua a espandersi.
Qualsiasi cosa quella cosa inglobi... non lo so... cose brutte.
Appena percepisco l'esplosione mi giro e scappo, a rallentatore, e raggiro gli spalti.
Corro via appena in tempo per spiccare il volo a braccia aperte fuori dal campo,
ma la bolla si è espansa fin dove sono io e mi sta risucchiando.
Spingo e spingo... il tempo ritorna a scorrere e io schizzo via verso un altro posto.

Volo per molto tempo, e il panorama cambia.

Il sole si abbassa appena sopra l'orizzonte, ancora limpido.
Strizzo gli occhi e mi metto una mano a coprirmi un po' la vista.
Mi si para davanti uno scorcio di Paradiso.
Ci sono delle piccole isolette piatte di erba verde brillante che maculano uno specchio d'acqua calma a perdita d'occhio.
Mi abbasso di quota, il sole riflette raggi intensi contro la superficie liscia dell'acqua creando un effetto specchio dove non si vede ne` l'orizzonte, ne` l'acqua sottostante... solo le isole.
Su alcune isole ci sono rocce liscie, di un bel grigio scuro.
Non riesco a proseguire.
Atterro con grande calma e delicatezza su un'isola con un grande monolite ovale verticale.
Mi guardo in giro e mi siedo con la schiena contro la roccia.
Spettacolo.


Non so dire quanto tempo e` passato, ma il sole e` lentamente sceso sull'orizzonte e ora irradia luce dorata.
Mentre stavo qui mi sono accorta della presenza di due persone sedute dietro ad una roccia su una di quelle isolette piu` sulla destra.
Sono tranquille e a volte parlano rilassate tra loro accennando a qualche risata tenue.
Non ho intenzione di andare la` con loro, anche se prima si sono accorti di me e mi hanno salutato con un cenno della mano.
Voglio rimanere qui a godermi la pace Zen.


Alle spalle in lontananza un verso di qualcosa.
Mi sporgo dal mio monolite e vedo un coso blu tra la nuvole che nuota per di qua.
NOO ancora Silente sul Lapras... mi tocca correre, manco il tempo di salutare queste due persone simpatiche e amichevoli...
Sbuffo di noia.
Spicco il volo, ma verso l'isoletta dove sono sedute quelle due persone.
Voglio solo salutarli con la mano per la loro compagnia passiva prima di proseguire, ma qualcosa mi fa atterrare sull'isola di fronte alla loro... mi ferma quel... "Massii facciamoli due foto e andiamo via"
Prendo il telefono, fotocamera, due foto sfuocate e tutta l'atmosfera Zen scompare alla vicinanza del Lapras.
Non vuole fermarsi proprio...
Sbuffo e ritorno a volare.


Poi un vuoto nero... non ricordo piu` niente, tranne il momento in cui torno lucida mentre sto uscendo da una finestra.
Sono molto alta da terra, e davanti a qualche centinaio di metri ci sono due alberi molto alti dove intendo atterrarci.
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 15/06/2020, 12:40

Stanotte Laura stava cercando qualcosa a scuola mia, appena prima di gettare la spugna sente chiamare il suo nome alle spalle... da me.
Atterro davanti a lei con le mie "ali enormi" e le chiedo che ci fa qui, poco dopo la incito ad andar via, questo posto non mi piace.
Spicco il volo lasciandola indietro, Laura in un flash vede le sue ali bianche piumate che si creano grazie ad un incantesimo, e con un piccolo sforzo di concentrazione fa un piccolo balzo e invece delle grandi ali piumate si spiegano due ali di drago Aurora, blu all'interno e dorate all'esterno.


91- E se fossero..?


Sono con mamma, papà, Laura e Angelica.
Dobbiamo passare per un parcheggio ma la zona è controllata da un grande gruppo di ragazzi di colore dal comportamento simile ai ragazzi americani che se la tirano.
Non c'e` altra via per uscire da qui, quindi ci avviciniamo all'uscita proprio dove si sono piazzati i ragazzi.
Non ci fanno passare perché non abbiamo niente da barattare come pedaggio.

Mio papà li sfida
"Che auto vuoi? Dimmi un nome di un'auto e ti modificherò questa panda in quello che vuoi"

I ragazzi la prendono veramente sul personale come se li avessimo offesi.
Il "Boss" dice con tono sufficiente... "Lamborghini"
Papà tira un'occhiata all'auto e con uno schiocco di dita si forma attorno alla panda ferma in mezzo alla strada, una luce bianca fortissima che fa chiudere gli occhi a tutti.
Dura pochissimo e appena la luce scompare di botto cresce un boato da parte della folla.
È comparsa una Lamborghini color bronzo con dei riflessi violacei... ha dei rifinimenti neri... la folla impazzisce.

Per me... è un transformer. Solo loro possono modificare in così poco tempo la tecnologia di un altro veicolo.

Molti di loro consigliano vivamente di accettare l'auto e farci passare, ma il Boss è molto perplesso e non accetta, non gli sembra reale.
Noi cinque saliamo in quella Lamborghini, i miei davanti e noi tre dietro, rombiamo davanti ai ragazzi che esultano, ci allontaniamo e torniamo indietro...
Ci fermiamo davanti al ragazzo. Chiediamo se poteva bastare per farci passare.

Lui consapevole dice "No. Dammene un'altra"
Papa` "Ok, modello?"
"Mercedes... slrls... (qualcosa del genere)"
Papa` "Va bene"

Eh no. Questa volta voglio vedere più da vicino...
Mi avvicino alla Punto blu scrostata in mezzo alla strada e mio papà gli tira la stessa occhiata di prima.
Ma ora sono vicina, sento mio papà che sussurra alla Punto il nome esatto dell'auto e ricomincia la luce...
Sento gli stessi rumori metallici che fanno i transformer... È UN TRANSFORMER!!
Ma ce ne sono due... la Lamborghini e la Mercedes sls grigia metallizzata con le porte che si aprono ad ala di gabbiano.

La folla impazzisce.
Loro accettano e ci lasciano passare. Allhelluhiah...
Scendiamo dal veicolo e proseguiamo a piedi.


Ci allontaniamo e i ragazzi sgommano con le loro auto rombando davanti ad un blocco della polizia.
Li fermano ma i ragazzi non consegnano alcun libretto di autenticazione delle auto prestigiose.
I ragazzi incolpano NOI per aver spacciato a LORO delle auto del genere.
E la polizia inizia ad inseguirci.

E così mamma e papà vennero catturati, persi di vista le altre due e continuai a correre e a nascondermi fino alla fine del sogno...
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 16/06/2020, 12:52

Dopo molti combattimenti con costumi leggermente imbarazzanti, Laura prende lucidita` e si strappa il costume di dosso rivelando sotto di esso la sua armatura.
Se ne va camminando su un lastircato di pietra e tutt'attorno ghiaccio a perdita d'occhio.
In lontananza riconosce suo fratello Loki. Gli corre incontro ma lui ha una brutta notizia.
Le dice che deve rompere ogni legame con lei perche` deve partire.
Indica con un sorriso triste l'orizzonte dove si sta abbattendo una tempesta di fulmini tra nubi nere e viola e tifoni.
Laura vuole partire con lui, ma Loki insiste e la saluta con un bacio casto... e qui io salto sulla sedia su di giri per quello che ho appena letto.
La prende sotto braccio e si rifugiano in una piccola caverna di ghiaccio per parlare ancora per qualche minuto.

Ok, ora pero` devo introdurre l'odio acido che ho verso la prof di ginnastica.
Che ovviamente deve perseguitarmi anche d'estate, due giorni prima del mio 17esimo compleanno, nei sogni.


92- Peruch


Mi trovo assieme a tanta gente che conosco... gente delle medie.
C'è la Peruch che vuole farci fare un lavoro a coppie, sto in coppia con Gloria.
In pratica riassumendo la sua terminologia da finta esperta, dobbiamo correre a braccetto... il braccetto passa attorno al collo dell'altro e viceversa.
Il percorso e` poco segnato ma corre attorno a questa proprietà.
Iniziamo a correre e trovo la posizione molto scomoda perché storpia totalmente i movimenti meccanici della corsa sfasciandoti sia le caviglie che le braccia.
Appena la Peruch sparisce dalla nostra vista ci stacchiamo e corriamo normalmente, ma sempre a braccetto.
Il giro è molto confuso ma riusciamo ad arrivare alla rotondina in fondo e a tornare indietro, solo che per motivi a me sconosciuti ci stacchiamo e ci perdiamo di vista.
Mi ficco in posti indesiderati... in mezzo a travi di legno, mi sa di aver deviato per un'officina...
Ma per fortuna all'ultimo momento mi ricongiungo a Gloria e finiamo la corsa come una tra le ultime coppie.

La Peruch ci vede arrivare e sbuffa andandosene con in mano il suo foglio.
Ci stacchiamo ed ognuno va per conto suo.

Per terra vedo stesi Demo e Manuel che prendono il sole (le mie due cotte dei tempi che furono)
Raggiungo Anna che mi dice "Tirargli acqua a quei due"
"E con cosa?"
"Con le due sfere del drago là per terra"

Mi avvicino di soppiatto e prendo in mano la sfera da 3 e da 5 stelle... le piazzo sopra le loro capocce a loro insaputa e spremo le sfere come spugne e queste sgrondano un botto di acqua acqua.
Loro due rinvengono di colpo traumatizzati ma poco dopo si rilassano, fa caldo e una doccia gli andava anche bene.
Mi sorridono ancora tramortiti.
Lascio cadere le sfere a terra e allungo le mani verso terra dov'era caduta l'acqua... e la ritiro su.
La faccio riemergere limpida da terra e la agglomero facendola aderire alle mie gambe.
La faccio salire e mi avvolgo completamente il corpo dal collo in giù.
Si sta da dio freschi-freschi.
Demo mi stima con lo sguardo ma arriva la Peruch e rovina tutto.
Scolo via tutta l'acqua e sono fradicia, rassegnata.

Lei ci richiama tutti al suo cospetto e ci dice
"Non sono affatto soddisfatta di voi, di come avete lavorato oggi..."
Onnooooh adesso ricomincia...
E bla bla bla bla bla bla BLA BLA BLA!!! ECCHEPP*LLE FÌAA
"... e quindi ho messo una nota a Fregonese, Tiso, Demo, Gobbo e ad altri 20... praticamente quasi tutti"
Tutti sbuffano e intervengo
"Ma allora se anche cercando di impegnarsi e fare di meglio si prende una nota, allora che senso ha fare ginnastica?"

E dopo il consenso generale della folla e l'occhiataccia della Peruch, me ne vado senza guardarmi indietro.
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 17/06/2020, 12:44

Ho ufficialmente 17 anni.
Sono arrivata alla 17esima Luna.
Incrociamo le dita, speriamo vada tutto bene...


93- Salto Temporale


Mi trovo parte di un grande cerchio di persone, gente delle medie.
Stiamo dicendo delle parole strane, le sto dicendo anch'io ma non ne conosco il significato.
Alziamo le braccia a quasi toccare quelle di chi abbiamo intorno e

Puf

Non è successo niente...
Ragazzo "WOH ha funzionato! Siamo nel 2018!"
SIAMO COSA??
Siamo saltati in la` di un anno?!
Ma che stavo dicendo poco fa..?
Era un rituale??


In un attimo l'attenzione di tutti cade a guardare per terra... anche la mia.
In mezzo al cerchio sta passando un serpente che striscia tenendo la testa alta, pur non essendo un cobra...
"Non spaventatevi, il serpente andra` spontaneamente in quel sacco"
Cerco il sacco con gli occhi. E` dall'altra parte di questo negozio di abbigliamento.
Negozio di abbigliamento?
Tutti i ragazzi vogliono vederlo e si avvicinano schiamazzando.
Il serpente nota il movimento alle sue spalle, si incuriosisce, si volta e vede tante gambe mordere.
Il serpente sorride malignamente e inizia a girare attorno per il negozio in cerca delle gambe sfuggenti.
Panico nella stanza.
Tutti corrono e occupano sedie, sgabelli, posti alti dove rifugiarsi...
Non vedo alcun posto sicuro e mi "nascondo" dietro una colonnina quadrata bianca, dove sopra ci sono un paio di scarpe in esposizione.
Troppo alta, non riesco ad arrampicarmi.
Il serpente mi vede e mi viene incontro fissandomi prima i piedi e poi i polpaccini belli.
Mi si avvinghia ai polpacci e mi pietrifico dal disgusto.
Serro gli occhi trattenendo il respiro.
Fai l'albero. Fai l'albero. Fai l'albero.
Spera che non stringa... non stringere...

Mi arriva alle cosce.


"DÀLIH! CHE STAI FACENDO?! VIENI SUBITO VIA DI LÌ"

Una voce. Spalanco gli occhi. Un vecchio marinaio.
Guardo in giu`. La testa del serpente e` appoggiata alla mia anca sinistra, mi guarda dritto negli occhi.
Perche` mi sta sorridendo? :?
Il serpente se ne va strisciando nel sacco osservato da quel marinaio con la pipa in bocca.
Appena il serpente e` nel sacco, tutti sono sollevati e ci raduniamo fuori dal negozio.
È sera tardi ed è scuro. Ci mettiamo tutti in cerchio e ripetiamo di nuovo il rituale...

Puf

Il ragazzo di prima guarda di nuovo il suo orologio
"WOH siamo nel 2008!"
PERCHÉ SIAMO NEL 2008??
Nononononononoooo... mi tocca rifare tutte le medie e le superiori :cry:
Rifare tutto da capo... gli anni alle medie sono stati seriamente i peggiori.
Però aspetta, ho la mentalità del 2018.
Perché distruggersi quando so già come andra` a finire e posso cambiare alcuni fatti in meglio???
: WohoW :
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 18/06/2020, 13:44

94- Ehi, spiega questo


Mi trovo negli spogliatoi delle piscine comunali della Dreamworld. Quelli femminili ovvio.
Lascio scarpe, calzetti, maglie, felpe... tutto.

Siamo io, Laura e Chiara. Chiara poi la perdiamo e rimaniamo noi due.
Ci avviciniamo alle piscine, Laura coi capelli sciolti e io con coda alta.
Addosso abbiamo il nostro costume intero, il suo bello viola scuro con righette nere ai fianchi, il mio tutto nero con due fasce vertiacali arancione fluo ai lati...
Ma qualcosa ci fa guardare indietro... siamo osservate.
Non mi piace...


Dalle piscine agli spogliatoi ci sono delle finestrelle che comunicano, non del tutto trasparenti.
Vedo presenze che si muovono moooolto veloci negli spogliatoi maschili...
Tocco Laura guardandomi sempre indietro e lei vedendomi coi nervi a fior di pelle mi segue fino agli spogliatoi femminili passando per le docce che precedono le piscine
, quelle che ti lavano prima di entrare nelle piscine.
Ma queste tirano acqua bollente! Gli hanno cambiato la temperatura per intrappolarci??
La doccia si ferma e il vapore sparisce rivelando le piastrelle a bolle da quanto calda è l'acqua.
Laura con un salto riesce a passare la fossa, e nel momento in cui sto per saltare, la doccia riparte per via che rilevato il movimento di Laura...
Aspetto che la doccia si fermi.
Alle spalle urli soffusi.
Mi giro e c'è SAMUEL con un'intera forza speciale al suo comando!
E io sono intrappolata di qua!!!
Laura "Ehi! Ho trovato qualcosa!"
Laura trova un bottoncino in alto sulla colonna destra della doccia che schiacciandolo blocca il flusso dell'acqua.
Passo e corriamo negli spogliatoi a mettere almeno le scarpe per correre, e una felpa.
Laura straveloce mette gli scarponi e li lega entrambi, mentre io a quel punto sto ancora infilando la prima scarpa.
Non so cosa indosso.
Vado in panico e non allaccio le scarpe. Infilo solo i lacci dentro per le scarpe e ciao-ciao.
Usciamo dagli spogliatoi e troviamo la hall principale
, stanzona gigantesca con dei vasi di piante in fila e in fondo l'uscita in grandi vetrate.
Bloccate ovvio.
E noi abbiamo un esercito alle spalle.

Proviamo ad aprire le porte ma sono RINFORZATEEE

Non si ESCEEEE


Poi noto che in tutta questa mia ansia, riesco a trovare il pelo dell'uovo di tutta questa perfezione di stanza...
Tutto lineare...
Tutto elegante... e allora perché una delle piante non è alta come le altre due, leggermente più basse??
Lì c'è la risposta.

Alzo la pianta di quel poco per vedere qualcosa di luminoso...

Da dietro le piante, da lontano, esce Samuel incazzato e col mantello svolazzante...
Cazzo... fuori-fuori-via-corri-VIAAAA

Laura è riuscita a scheggiare il vetro con un'accetta, non chiedermi dove l'abbia trovata.
C'e` un piccolo buco ma nessuna delle due ci passa.
Prendo la rincorsa da dove sono, vicino alle piante, spingo potente i passi e sBAM!
Sfondo il vetro e rimango incastrata con la spalla, il fianco, la chiappa destra e il femore, fuori dal vetro come una salsiccia.

Laura mi tira a se`, esco dal buco e c'è la via di fuga : Thumbup :
Esce Laura, esco io, Samuel porcona :D
Fuori troviamo un passaggio in macchina da parte di mia nonna, che c*lo.

Puf

Sto camminando di nuovo con Laura nei corridoi della piscina.
C'e` anche Chiara, e vedo la doccia bollente.
Ma la gente ci passa sotto ed è tiepida... cos'è che non va?
L'acqua.
Non è bollente.
Abbiamo ancora tempo
.

Panico.
Tiro per un braccio Laura che mi chiede perplessa "Che c'è?"
Fisso il vuoto...

"... si sta ripetendo..."

"Cosa..."
"... ... Samuel... è qui"
" :| "

Chiara chiede "Che state aspettando?"
Laura "Vai vai te, noi arriviamo subito"
E lei se ne va.

"Dobbiamo uscire di qui prima che la doccia... prima che... blocchino tutto... prima che..."
E la tiro come una diversamente abile per il braccio.
Manca poco prima di arrivare ai nostri abiti e mi rilasso.

Incontriamo Carlo, il fratello di Mario... solo che ce ne sono due, uno più giovane dell'altro...
Strano che non ci sia Mario... vabbeh, li saluto entrambi e camminiamo tutti insieme tranquillamente agli spogliatoi quando in mezzo ai due Carlo si aggiunge Mario.
Moooolto più maturo di quello che è veramente : Love 2 :
Ha fatto un salto di qualita`
: Love 2 :
E la combriccola è al completo.

Urla...

CACCHIO NON MI RICORDAVO PIÙ

Siamo fottute di nuovo.
Ma siamo vestite.

E andiamo nella hall.
Qui troviamo un altro mio compagno di classe che era intento a uscire.
Corro alle porte,
ma queste sono gia` bloccate e neanche lui puo` uscire.
Ci da una mano a sfondare il vetro.
Ci agganciamo con le braccia, schiena contro schiena, e un movimento prima lento e poi veloce facciamo breccia con i suoi piedi nel vetro.
L'intera vetrata crolla come in un film americano.
Già che ci stiamo divertendo, ne sfondiamo due/tre in più.
Sento un brivido, stanno arrivando i soldati col mitra, giubbotto antiproiettile, caschetto e occhiali da sole.
Saluto l'amico che ci ha aiutato e se ne va.

Laura stra-stressata è già sull'uscio pronta a correre visti i numerosi soldati pronti a uccidere che si stanno schierando sotto i nostri occhi.
Ma io sorrido e le faccio l'occhiolino... me la sento... sta volta la facciamo franca.

Cammino verso la pianta sospetta, sotto il tiro delle armi dei soldati.
Mi piazzo davanti alla pianta, la tiro su... beccata.

Appena sotto i 5cm di terriccio parte un cilindro nero grosso quanto il vaso, e c'e` un display stretto e lungo che segna un conto alla rovescia.
L'ha messo Samuel. Avrebbe sacrificato tutte le vite all'interno di questo edificio... pur di prendere noi... : Blink :

Arriva davanti a me un soldato con l'arma puntata alla mia testa.
Mi fa cenno col mitra di lasciare la pianta, ma io alzo la pianta facendogli vedere il timer che scorre... e la sua faccia... unica.
Tira una smorfia accennando un Sì della testa del tipo "aaahhh beh... bel lavoro"
Chissà a chi e` rivolto...

Arriva iperterrito Samuel dallo stesso punto di prima
"CHE STA SUCCEDENDO?! PERCHÉ NON SIETE ALL'INSEGUIMENTO DI QUELLE DUE?"

In quella si gira verso di me che mi nota e si immobilizza...
Prendo il cilindro nero in mano.
"EHI SAMUEL... spiega questo!!"
E lo mostro tenendolo alto.

Lui muto si vede tutti i soldati girarsi contro di lui e alcuni gli puntano contro il mitra...

Questa non me la voglio perdere...

E si spegne tutto il sgno con me a braccia conserte e un ghigno di vendetta... con al mio "servizio" l'intera sua forza armata, rivoltatasi contro di lui perché ha piazzato cariche esplosive in tutto l'edificio e messo in pericolo troppe vite innocenti alle spalle di tutti, anche dell'esercito, che ha rifiutato di uccidermi poiché non siamo noi quelle squilibrate... ma lui.
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 19/06/2020, 17:29

95- La punizione della montagna


Mi trovo in un parcheggio nascosto tra gli alberi fitti tutt'attorno e inizio l'escursione con questo gruppo di persone.
Da qui, parte un solo sentiero asfaltato, ma non percorso da veicoli ormai da tempi immemorabili.
Dopo una luuuunga camminata tra la fitta vegetazione verdissima di tutte le sfumature di verde possibili, si apre il cielo ed enormi colline pratate di verde chiaro...
Il cielo limpido con qualche nuvoletta... qualche staccionata qua e là senza un senso...
Loro camminano e io sorvolo le loro teste proteggendoli da qualsiasi potenziale minaccia.
Arriviamo ad una collina immersa in una folta vegetazione ombreggiante dove troviamo un bambino che ci saluta e facciamo amicizia, si unisce a noi.

Questo bambino ha con sé sottobraccio un sacchetto con qualche sorte di polvere...

Facciamo una pausa e allestiamo un tavolino con bibite e qualche snack.
Lui mi offre un bicchiere d'acqua che aveva preso dal tavolino.
Bevo, e tutta l'acqua nel mio corpo si prosciuga.
Mi viene una sete che... ... non riesco più a salivare : Surprice : ma come... no! Mi serve acqua.
Giro per la gente a dire a bassa voce di non bere l'acqua che sta distribuendo il bambino...
ma ormai tutti hanno bevuto.
Il bambino è dietro di me a qualche metro che mi guarda con un ghigno cattivissimo : :s :

Passano due persone davanti e il bambino scompare sotto i miei occhi.
Ha contaminato tutte le bevande, qualsiasi liquido peggiora la situazione.
Dobbiamo cercare acqua. Disidratati così gravemente il corpo non resiste...

Corriamo giù dalla collina.
Provo a volare ma non ne ho le forze... le ali... non rispondono... sembrano secche persino loro.
La gola secca brucia e i muscoli non resistono alle pendenze in salita delle montagne.
Arriviamo per fortuna ad un villaggio ma troviamo tutto chiuso. Nessuno disponibile.

Poi... chiamano da lontano. Hanno trovato una farmacia aperta ma nessuno ha il coraggio di entrare...
Mi ci fiondo e il farmacista vedendo tanto soldi in arrivo... rimane deluso dalla mia richiesta...

"HA UN RUBINETTO QUA?"
"No... ma ho una soluzione che potrebbe aiutarvi"

Bevo un sorso dal bicchiere che mi porge.
... è acqua... sicura... con zucchero? Polvere? Che cacchio ci ha messo dentro?
Fa schifo e non avendo saliva e` carta vetrata da mandare giù.
Ma scherziamo? Cos'e` sta roba?? Vogliamo acqua!
Sputo e corro fuori.


Una corriera che si avvicina... piena di turisti con bottigliette d'acqua : WohoW :

La rincorriamo come zombie ma la corriera non si ferma.
La strada che sta percorrendo fa una curva a U in fondo, per poi proseguire giu` lungo la collina.
Trascino le gambe e mi butto dalla collina.
Con una planata stentata atterro quasi crollando sull'asfalto qualche attimo prima che arrivi la corriera.
Fermo la corriera e arriva la flotta di zombie assetati.

Si fermano anche qualche auto per il casino... così la corriera si parcheggia a bordo strada e i turisti cercano acqua da dare a noi tutti.
Chiedo anche alle auto, ricevo una bottiglietta d'acqua.

Mi bruciano fin gli occhi da quanto sono disidratata.
Appoggio la bottiglia alla bocca e con due sorsi si ripristina tutto a normalita`.

Ok. La gita è finita.
Iniziamo a tornare indietro camminando allegri e arrivati alle colline pratate... c'è una lunga staccionata che prima non c'era e che ora ci sbarra la strada.
Passiamo dall'altra parte.

Conduco stando in testa il gruppo di gente fino alla volta degli alberi, dove il sentiero di asfalto porta al parcheggio iniziale.
Camminiamo sotto la galleria scavata a bordo parete, con la vista degli alberi tutti a destra.
Non riesco a non immergermi nelle tonalita` di verde. Non ci riesco. E` troppo bello : Love 2 :
Passo l'angolo e blocco all'improvviso tutto il gruppo.
Davanti a noi... 30m… ci sono tre lupi grigi giganteschi che sbarrano la strada.
Questi ci uccidono...

"Se rimaniamo fermi... immobili... e zitti, forse non ci vedono..."

Ma dopo una manciata di secondi un lupo alza la testa e ci vede.
Ringhia e salta avanti verso di noi.
Non ci penso due volte e avanzo velocissima.
Porto le mani col palmo in su da terra a sopra la mia testa a braccio teso, e innalzo ghiaccio a formare una barriera tra noi e i lupi.
Ma appena sto per chiudere la barriera,
il primo ci sbatte il muso, mentre gli altri due scavalcano il muro saltando contro il tronco d'albero in parte.
PERCHÉ SONO PASSATI PER DI LÀAAAA

Alzo le mani per creare un altro muro spesso di ghiaccio attorno alla galleria, ma si vede solo lo spettro del ghiaccio che avrebbe dovuto materializzarsi... ok. Piano B.
I lupi avanzano aggressivi e il garrese mi arriva al torace.
Prendo un respiro a labbra strette.
Uno scatta in avanti verso le persone dietro di me, lo intercetto e gli tiro un pugno laterale, che lo fa solo inc*zzare di piu`.
Mi ringhia addosso scoprendo denti enormi.
Lo prendo da sinistra con un pugno sul naso per poi subito dopo placcarlo al collo col braccio destro e scaraventarlo via.
Fa un volo di qualche metro e crolla vicino il bordo della barriera.
Carica il secondo, quello più grosso, lo affronto di petto.
Nel momento in cui sta per aggredirmi a fauci spalancate, parte la mano sinistra aperta e intercetta il naso, lo porto a destra e gli scarico addosso un gancio destro dritto sul naso che lo tramortisce.
Non gli do tregua e slancio un pungo laterale alla testa e lo scaravento dritto contro la parete di ghiaccio, ci sbatte e cade a terra.

Il terzo lupo, quello piu` giovane credo, scavalca la barriera di ghiaccio saltando contro il tronco d'albero imitando i suoi compagni.
Osserva i suoi due compagni stesi a terra contro la parete di ghiaccio, mi guarda e ringhiando mi salta addosso con la bocca aperta.
Scatto in avanti e gli afferro la gola con la mano destra tesa. In un attimo rimango in sospensione a mezz'aria, mentre il lupo e` in piedi sulle zampe posteriori.
Un colpo secco e gli sbatto la testa di fianco per terra, poggiando il ginocchi destro a terra accanto alla sua testa.

Mi alzo in piedi e lui fa fatica a muoversi.

Ha il coraggio di ringhiarmi ancora.
Rapida mi accascio a terra appoggiando il ginocchio sinistro e la mano destra a terra internamente alla gamba destra, e avvicinandomi alla sua testa mi blocco sui 30-40cm.
Mi parte una ringhiata da lupo a denti stretti.
Il tono di voce è alto ma i rantoli rallento al minimo, facendogli capire che è stato uno sbaglio aggredirci... aggredirmi.
La faccio durare sui 7-8 secondi ma non finisco più... glielo voglio proprio rinfacciare.


Il lupo tiene gli occhi bassi e i suoi ringhi si ridicolizzano di fronte al mio.
Alle mie spalle sento miei amici che si fanno avanti su di giri
"WOHOO attenzioonee"
"E adesso chi è che comandaa?"
"Andiamo Ambra, penso l'abbia capita"

Smetto di ringhiargli ma lo guardo fisso ancora per qualche attimo.
Non alza gli occhi.

Mi avvicino alla parete di ghiaccio, lontana dai due lupi ancora a terra che ci fissano guardinghi, faccio un gesto vago con la mano come se scacciassi via una mosca davanti a me, e una porzione di barriera si sbriciola e si forma un passaggio dall'altra parte.
Ci allontaniamo e tutto il gruppo sale sulla corriera.
Decido di seguire la corriera dall'alto e mi butto giù da un foro nella vegetazione che da` allo strapiombo.
Mi libro in aria per le grandi altezze tenendo d'occhio la corriera di tanto in tanto...
quando un lazzo dall basso mi acchiappa il piede e mi fa quasi precipitare.

MI PRENDI PER IL C*LO
COS'E` STA ROBA


Non riesco a vedere chi ha lanciato la corda, è pieno di alberi.
Mi sta tirando a se` molto velocemente nonostante la forza che ci contrappongo...

Prendo al volo una decisione.
Mi butto in picchiata a caso su uno degli alberi più lontani
, e quando lo faccio, la tensione della corda cala vertiginosamente e si sente un "UOOOOOOO" di voci di diverso calibro da sotto gli alberi...
Non sarà mica una tribù di cannibali?
Mi imbuco di testa tra la vegetazione e la corda si impiglia come previsto tra i rami... peccato che sono a testa in giù a penzoloni.
E non ho appigli poiché grande albero dai grandi rami grossi sporadici.


Domanda...
Perché queste idee stupende Ambra?

Scatto dell'ala destra e con la lama delle penne sterne inizio a tagliare la corda.
Nel frattempo che taglio, lascio pendere l'altra ala nel vuoto cosi` poi posso planare immediatamente...

Tra la picchiata, l'incastro, e nel tagliare la corda, passano massimo tre secondi.
Cado in planata e batto comunque per terra dal poco spazio disponibile per manovrare.
Corro sotto la volta degli alberi inseguita da voci

"ECCOLA"
"PRENDIAMOLA"
"È QUI VICINO"
"NON FATELA SCAPPARE"

Ansia.
Ma non troppa.

Alle spalle scorgo le prime sagome a due gambe che corrono al mio inseguimento.
Mi hanno gia` raggiunto.
Intravedo un buco laterale tra il fogliame basso che porta allo strapiombo... peccato che non ci passerei manco se non avessi le ali... non voglio rimanerci incastrata e continuo a correre.
Guardo in alto ed è tutto coperto...
fino ad un certo punto, in cui c'è un bellissimo foro tra il fogliame fittissimo degli alberi, che colgo e mi fiondo fuori in soli due battiti.
Sento sotto di me tutti i passi che si fermano proprio lì del foro con delle voci tristi...

Poi una voce adulta che fa correre tutti in alto, verso le distese a strapiombo, dove gli alberi si diradano.

Volo più in alto di prima, dove non puo` raggiungermi alcuna corda, e vedo che in un sentiero accanto al burrone sottostante...
si affacciano correndo dei piccoli barbapapà simili a persone...
nel senso che le persone sono di un colore unico (pelle, vestiti, capelli) e non hanno una propria sagoma... cambia in continuazione.
E sento sempre ste voci di sto adulto color blu, che dice "tranquilli, verrà punita dalla montagna"

Punita?
Io?
Dalla montagna?

...

Come c*zzo fa una montagna immobile a punire un essere libero che doma i venti?
Spero vivamente che non prenda vita e che spuntino braccia e cose brutte... :?

Continuo a volare sempre ad una certa distanza dalla parete della montagna alla mia destra dove molto piu` in basso stanno i selvaggi a guardarmi...
La parete adesso che mi accorgo... e` totalmente liscia e pende a 80°...

Poi di nuovo un "abbi pazienza" di quel f*ttuto coso blu.

Arriva di botto una corrente potentissima di vento che mi investe e si scontra sulla parete.
Ecco cosa intendevano quelli là... la corrente che mi avrebbe spinto verso di loro.
Ma pensaaaaaavi che mi sarei fatta prendere :roll:

Vado in planata contro-vento come fanno i rapaci per salire di quota, ma io rimango ferma qui per paura di trovare correnti diverse o un bell'imprevisto...
Per ora credo rimarro` qui.
Vedo le facce dei tizi laggiu` prima tutte contente e affamate che mi guardano aspettandomi con forchette e coltelli alla mano... e poi... triiiistiiii :lol:

F*CK YEAH : Yahooo :

Prendo confidenza con la forte corrente che si schianta contro la parete e decido di azzardare a muovermi, perché la corriera sta per passare per il sentiero più in alto su questa montagna.
Da "controcorrente" che sono, mi metto di fianco con la corrente proprio che mi arriva perpendicolare da sinistra.
E stranamente non disturba la mia traiettoria...
Scalo le alture senza battere le ali e raggiungo la corriera
sotto la corsa sfegatata dei cannibali che non sono riusciti a prendermi manco con la "punizione della montagna".

Pff...
Pensavano davvero di prendermi?
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

~DreamWorld~ la Saga

Messaggioda Ambra » 21/06/2020, 17:42

96- Pongo al Transformio


Ok Ambra, ce la puoi fare... devi solo avvicinarti.
Sono ad una festa e ho intenzione di riuscirci sta volta...
Devo riuscire a far amicizia con questo gruppo di ragazze.


Gia`, devo socializzare con queste ragazze a questa festa in questo parchetto... ma all'inizio mi è sempre difficile.
Provo ad accennare un saluto ma piu` di occhiatine non ricevo...
Alla fine facio amicizia col gruppo maschile.

E le ragazze mi guardano storte...
Ma perché mi sono avvicinata ai maschi..? Sta volta potevo farcela.

Mi sono avvicinata ai ragazzi perché stavano trafficando con un materiale sconosciuto che non sanno maneggiare... ma io sì...
E` tipo pongo, che si comporta come l'amido di mais, se lo maneggi con prepotenza non hai risultati, mentre se usi una calma assurda con le mani calde, il pongo si muove...
Potrei dar luce a creazioni funzionanti di qualsiasi tipo.
Assieme ad un ragazzo preso piu` in simpatia, abbiamo fatto il colpo della storia: un aereo di 25m o più, nero bitorzoluto, che spicchera` il volo all'interno del parco tra pochi istanti.
Peccato che il prototipo non funzioni...


"Non ci rimane che l'elicottero"
E coinvolgiamo tutti i presenti.
Ognuno si crea il proprio elicottero, dove ci sali solo tu e lo comandi telepaticamente.
Ognuno puo` scegliere il suo unico colore... lo scelgo nero.
Per creare il proprio elicottero ci separiamo, ognuno per conto suo, cosi` da far emergere l'originalita` di ognuno.
Provandolo su vari terreni apporto delle modifiche.
Ossia ridurre le dimensioni così tanto da farci stare nella cabina solo il mio busto, e le gambe risultano la coda dell'elicottero.
Posso attivarlo solamente col movimento brusco del braccio destro, simile a quellomche Bumblebee col braccio per attivare il cannone, solo che al posto del cannone di B mi si forma un mitra d'assalto.
Questo poi si apre dalla schiena, si stendono le pale, si sviluppa il resto e mi incapsula mentre mi slancio e prendo il volo.


Ci troviamo tutti in forma umana al parchetto iniziale e qui può iniziare la missione... sopravvivere in luoghi selvaggi.
Con una conferma generale dico "Ok! Andiamo" e con il mio movimento brusco attivo il mitra e le pale, che mi alzano mentre l'elicottero finisce di chiudersi.
Gli altri innescano la trasformazione con uno schiocco delle dita, chi con un suono, un movimento in particolare... o semplicemente un salto.
Più o meno tutti hanno avuto questa idea delle piccole dimensioni.
E ci dirigiamo al portale.
Non so dove sia ma mi faccio guidare dall'istinto.


Arriviamo al portale/passaporta e ci mettiamo tutti una mano sopra per essere teletrasportati in un luogo selvaggio random.
Ognuno prima di mettere la mano doveva pero` pensare ad un luogo selvaggio di sua conoscenza.
Penso all'ultimo sogno... dove c'erano tutte quelle montagne piene di quegli alberi verdi... abitate dai barbapapà cannibali...
No, in realtà quegli alberi verdi erano di quel sogno dove mi sono battuta con quei tre lupi. Lì vorrei andare.
Appena l'ultimo mette la mano tutto attorno a noi vortica in una luce bianca e con un

Puf...

Siamo in uno strano posto di notte...
Siamo... a casa di mia nonna : :s :
Uno dei ragazzi esclama che in un bosco qui vicino vivono degli orsi... bellooo cacciamo gli orsi.
Ma il problema è... che qui non ci sono boschi.
Gli unici quattro alberi sono nel giardinetto davanti casa, forse in mezzo là si nasconde un orso...

Ci costruiamo delle armi con il materiale che abbiamo usato per farci gli elicotteri, che a questo punto penso sia sul serio transformio... e preparo un bel fucile.
Dall'alto ispeziono la gli alberi e faccio luce col mio faro sopra la testa... ED ESCONO DUE ORSI


Bruni.
Enormi.
Con la coda a pompon.

Provano a colpirli ma non ci riescono.
Uso il mio fucile ma non lo prendo.
Non so cosa succede... le cose precipitano e vado in confusione... attiro involontariamente l'orso sulla strada e passa Daniele lì vicino...
Mi abbasso di quota ma non perché lo voglio io... perché non mi va più l'elicottero!! Non ho più armi funzionanti! Non ho più il faro! Non funziona più niente.
Sono avvolta nell'oscurita`, e solo con quel mezzo lampione in strada per orientarmi.
Le pale non hanno più potenza... mi tocca darmi lo slancio con i piedi a terra per risalire.


L'orso mi guarda e spuntano dall'oscurità due occhi grandissimi rossi a forma di mirino a doppia circonferenza.
E inizia a parlarmi con la voce di Batman, quella grossa e distorta.
"Mmh le tue gambe a penzoloni... te le mangero`, ti tirero` giù e ti divorero` viva"
Panico.
Sto per toccare terra.
L'orso carica un balzo.
Mi do una spinta fortissima e risalgo ma rimango a mezz'aria.
Questo salta altissimo e azzanna l'aria appena sotto i miei piedi che si contorcono per non essere presi.
Lo schivo sempre per un soffio...
Ma perché gli orsi?? Erano meglio i barbapapà c*zzo!!

Torno in quota con uno sforzo di concentrazione e vedo che lì a bordo giardino ci sono i miei genitori assieme a quelli di Laura e di Angelica...
Quindi se ci sono i loro genitori, ci sono anche loro...
La mamma di Angelica arriva in carica e comincia a prendendere a picconate uno dei due orsi, gli altri genitori la incitano.
L'altro orso scappa tra i quattro alberi.
Lo rincorriamo tutti noi in volo, ma da là dietro comincia un'altra dimensione, un atro bosco sconfinato.
It's not just a Dream, it's your Life.
~~~
E che i miei sogni possano influenzare i vostri.
Avatar utente
Ambra
 
Messaggi: 121
Iscritto il: 17/03/2020, 16:16
Ha  fatto 'Mi piace': 6 volte
'Mi piace' ricevuti:: 17 volte

PrecedenteProssimo

Torna a Diario dei Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 4 ospiti