Indice I Sogni Lucidi Diario dei Sogni Lucidi > diario di olrac

Raccontateci i vostri sogni lucidi e confrontatevi con quelli degli altri: una importante fonte di idee e ispirazione. Potete tenere un diario personale con i sogni che ritenete rilevanti.

Re: diario di olrac

Messaggioda cetaceon » 21/10/2021, 12:19

ciao Olrac,
ti volevo chiedere se le tue esperienze nel basso astrale così frequenti come dici, sono cercate oppure se spontaneamente di ritrovi in quelle frequenze quando esci dal corpo.
Hai provato a sperimentare il se superiore come dice Buhlman o altre tecniche per sperimentare frequenze più alte, oppure sono dimensioni che al momento non ti attirano?
Avatar utente
cetaceon
 
Messaggi: 214
Iscritto il: 29/05/2014, 10:14
Località: Milano
Ha  fatto 'Mi piace': 174 volte
'Mi piace' ricevuti:: 98 volte

Re: diario di olrac

Messaggioda olrac » 21/10/2021, 16:16

cetaceon ha scritto:ciao Olrac,
ti volevo chiedere se le tue esperienze nel basso astrale così frequenti come dici, sono cercate oppure se spontaneamente di ritrovi in quelle frequenze quando esci dal corpo.
Hai provato a sperimentare il se superiore come dice Buhlman o altre tecniche per sperimentare frequenze più alte, oppure sono dimensioni che al momento non ti attirano?


Ciao Cetaceon,
In passato ho cercato spesso dimensioni elevate e ho avuto modo di incontrare il mio 'comitato esecutivo' (definizione di bob monroe per dire un incontro con le 'parti superiori di te stesso'), poi di sperimentare certi ambienti di natura paradisiaca (chiedendo ad alta voce 'se' superiore!'), oppure sono arrivato in un cosmo a contatto con presenze luminose e altre esperienze di contatto con i cosiddetti 'maestri interiori'.
Ma quando ho cominciato a fare i recuperi, cioè a cercare di aiutare p.o. presumibilmente defunti, non potevo certo trovarli in dimensioni elevate ma...bloccati nel basso astrale.
Quindi ho fatto tutto il contrario di quello che i maestri dicono per avere lucidi: ho aumentato l'apporto di proteine la sera, reintrodotto la carne e mangiato molto di sera. Risultato: mi ritrovavo più facilmente nel basso astrale proprio perché la mia naturale tendenza era di 'andare in alto' spiritualmente. Come dire: se vuoi incontrare un povero disperato, non lo vai a cercare in hotel di lusso ma lì dove c'è inquietudine e dolore. Non so se sto facendo bene ma al momento funziona...:)
olrac
 
Messaggi: 625
Iscritto il: 07/06/2014, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 818 volte
'Mi piace' ricevuti:: 435 volte

Re: diario di olrac

Messaggioda olrac » 26/11/2021, 17:24

Vivido e lucido. Mattina

Dopo varie avventure in città, cammino lungo una piccola strada di campagna, osservo i campi, le piccole costruzioni, le colline...e mi sento veramente bene. Salgo e vedo dall'alto la vallata e i prati...meravigliosamente verdi.

Prendo una bicicletta e comincio a pedalare per le strade di ghiaia...e comincio a prendere lucidità. Vado sempre più veloce, lascio la strada principale per una che divide un immenso campo di grano...
C'è una lunga discesa e io sfreccio giù velocemente...e provo una sensazione di leggerezza...e chiudo gli occhi...e mi distacco dal corpo! Mai avuto un distacco del genere :)
L'ambiente naturale sparisce...

Sono lucido dentro una casa che sto esplorando...mi arriva un rote di informazioni che riassumo così: 'questa è la casa ideale dove potrei abitare in futuro, la mia futura casa...'. Vedo le camerette dei bimbi in legno, calde ed accoglienti, poi la camera da letto matrimoniale e decido di ricordare bene i particolari perché qualcosa mi fa pensare che questa casa esiste anche nella realtà . Memorizzo tutti gli ambienti, il particolare dell'armadio che ha al centro del legno dipinto color metallo (?), poi vado sul balcone e noto che è piccolino con un armadio chiuso. Da questo mi arriva una sensazione di pericolo...(?), forse per il suo contenuto. Rientro e sento che squilla un telefonino e io che sono molto curioso vado a rispondere. Mossa sbagliata perché è X che mi parla e io perdo la concentrazione...vedo I miei bimbi sdraiati a dormire nel letto ma ritorno in un sogno vivido. Maledetti telefonini...danno fastidio anche qua  :)


Lucido

Esco da un sogno intermedio lasciandomi semplicemente andare all'indietro...l'ambiente si dissolve e approdo in un ambiente piuttosto scuro, di notte, e sto camminando per strada insieme alla persona X. Mentre cammino guardo per terra e vedo un pavimento di sanpietrini, penso che sto facendo un'azione un po meccanica, infatti per la prima volta ho la sensazione che la strada scorra sotto di me in modo automatico, e anche tutto il paesaggio ha qualcosa che...si ripete all'infinito. Se l'ambiente intorno sembra ripetitivo non lo è X che alla mia richiesta di essere baciata mi risponde un no senza esitazione.
"Non voglio baciarti ora", "stai buono lì", dice X, e ha tutta l'impressione di essere consapevole.
L'ambiente si oscura...richiedo chiarezza...e vedo che l'ambiente si illumina ma sta per dissolversi...e mi ritrovo a letto in paralisi e di fianco ad X. Provo a girarmi perché sento una presenza ostile. Di fianco a me X emette dei suoni grotteschi, come di un mostro. Non provo paura, cerco di guardare in faccia X e vedo un...una specie di inquietante maschera giapponese...mostruosa che ringhia di dolore.
Mi ringhia contro per spaventarmi! Io stavolta, invece di usare la compassione e il mio chackra del cuore gli urlo contro come un animale! :)
"Aaarghhh!!", e il tizio si azzittisce :)
Invece di comunicare col mostro gli do addosso e perdo lucidità...


Vividi che voglio ricordare

Sono stato invitato in un locale molto particolare, dove mi ritrovo in mezzo a persone vestite di nero e tatuate dappertutto. Stiamo facendo un rito...non molto chiaro, mi dipingono addosso sulla pelle con un colore rosso. Su tutto il mio corpo disegnano delle strane figure, simili a piccoli graffiti rupestri...Il rito consiste praticamente nel...aggiustare una piccola miniatura che si trovava esposta in vetrina insieme a tanti altri personaggi. Ci riesco e il gruppo sembra acclamarmi (?). Io prendo un po' di lucidità e comincio a prendere le distanze da questa situazione decisamente opprimente e inquietante. Sollevo la maglia e tocco sulla pancia una serie di disegni fatti con un rossetto rosso fuoco, li cancello e ne trovo altri su tutto il mio corpo. Sul polso e l'avambraccio ne trovò uno simile ad una croce con molti raggi che diventano spirali, ma il colore viola e nero lo fanno sembrare una ferita da bruciatura...
Vado via, ma prima mi giro ad osservare l'insegna e la vetrina dello strano locale...e vedo una specie di bandiera tricolore in verticale fatta su legno, che mi ricorda molto simboli massonici del '900. Poi vedo anche cavalieri e personaggi vestiti di nero ai lati della bandiera.
Sembra che questo posto attiri i ragazzi perché in vetrina ha tutta una serie di miniature giocattolo...

Incontro ancora una volta Y, un p.o. che ha l'aspetto di una mia ex da sempre cerca le mie attenzioni, invitandomi a stare con lei e desiderosa di passare il tempo (onirico) con me. Mi chiede di passeggiare per il Corso, come facevamo tanti anni fa, e mi invita ad abbracciarla...ma io sono freddo, distaccato, perché so che la mia vita non è qui con lei ma nel mondo fisico, con un'altra persona, che amo.
Lei si avvicina e mi bacia con grande passione, ma noto in lei il solito sentimento di profonda malinconia perché Y può vedermi solo durante la notte, nei sogni (vividi). Questo p.o. mi commuove ogni volta...è qualcosa di struggente e non è né un fantasma ne' un demone travestito che vuole rubare energia. Ma quindi: chi sei?...

Annoto questa esperienza molto particolare:

Mentre ero in paralisi sento un boato pazzesco che mi fa sobbalzare e ho una breve visione di qualcosa che esplode sul balcone e poi mi sveglio. La mattina vado a vedere e noto che uno dei palloncini della festa della settimana scorsa è scoppiato. Cosa piuttosto curiosa perché dormo dalla parte opposta del balcone con tapparelle chiuse e non potrei mai sentire lo scoppio di un palloncino a quella distanza, in modo così potente.

Lucido

Prendo lucidità mentre cammino per una strada che non conosco, vedo sulla destra un ristorante indiano o arabo. Penso che 'oggi mi va di divertirmi e basta', quindi entro nel locale...
Trovo una signora e sua figlia che mi salutano, vedo le pareti decorate con bellissime ed esotiche mattonelle giallo oro e motivi vegetali azzurri. Sul bancone vedo una serie di ampolle con dentro spezie e preparati per kebab...e mi viene voglia di assaggiare tutto! :)
Ma una cosa mi attira ancora di più...la presenza e la bellezza della ragazza giovane (sui 20-25 anni circa), vestita con gonna e tessuti di stampo arabo. Ha uno sguardo magnetico e sensuale...e stavolta non resisto a fare un 'test di densita' su di lei.
Mi avvicino e la abbraccio...ha un volto magnifico e tremendamente reale. Il tatto è straordinariamente consistente, percepisco il grado di acidità della saliva e la pressione delle labbra...ma la ragazza sembra semplicemente obbedire ai miei desideri, senza ostacolarmi.
La sollevo e guardo uno specchio davanti a noi...la mia volontà di fusione con questo p.o. è tale che mi accorgo di averla denudata senza pensarci!
Come un qualunque principiante mi lascio andare...e gli stimoli sensoriali a contatto col corpo mi riportano alla Base.

Che sciocco!

Lucido e obe. Recupero di 'Anna'.

..prendo lucidità mentre esploro il cortile di una scuola, sembra un liceo. Non ho voglia di fare nulla di speciale, qui di dopo un po trovo di fronte a me una giovane professoressa sui 30 anni che cammina con pantaloni molto attillati. Mi avvicino e decido di fare un 'test di dens' su di lei, quindi la fermo delicatamente e ne tasto la consistenza. Lei è in uno stato di ipnosi. Il mio desiderio è talmente potente che il p.o. si spoglia da solo e fa quello che io vorrei, senza nessuno sforzo. Ma dopo un po comincio a percepire una strana sensazione...il suo corpo nudo sembra assomigliare a quello di un pezzo di carne confezionato. Tocco il corpo e prende la consistenza delle interiora di un pollo...orribile.
Mi ritraggo e non so cosa pensare. L'emozione negativa mi fa perdere lucidità per un po, esco dal lucido ma ci ritorno dopo qualche secondo.
Mi ritrovo a pensare di fronte ad un tavolo. Vedo delle lettere che si stanno componendo su una specie di taccuino...e leggo una frase in latino che mi lascia senza parole: la violenza uccide la tua anima. So che queste parole sono per me è si riferiscono proprio all'episodio di prima e il mio uso improprio del sogno lucido. Rifletto un po e mi disconnetto dall'ambiente...poi ritorno di nuovo nella scuola di prima. Rimango sospeso nel vuoto e poi una leggera vibrazione...
Stavolta tutto è più realistico e nitido, cammino e do una forte manata sulla porta in modo da stabilizzarmi bene nell'ambiente, poi entro in una classe e decido di esprimere un obiettivo più nobile.
"Voglio aiutare qualcuno ad andare in focus 27! C'è qualcuno qui che ha bisogno del mio aiuto?", chiedo ad alta voce. La classe è vuota ma sento una presenza da qualche parte. Guardo meglio e vedo che sotto ad un banco si materializzano le gambe di una ragazza. Forse il p.o. è un po timido ma alla fine vedo la figura intera che è seduta, è una ragazza sui 20 anni, capelli mossi lunghi fino alle spalle, un bel viso candido.
Mi avvicino a lei con attenzione...
"Ciao come ti chiami?", chiedo. Mi arriva una risposta telepatica: 'Anna, sono una studentessa'.
"Ciao Anna, ti ricordi quando sei nata?", le chiedo ma vedo che ha un po di confusione...
"..io...non mi ricordo".
"Allora...ti ricordi quando sei morta? Perché tu sei morta, giusto?", chiedo delicatamente, ma lei si blocca e la vedo preoccupata.
Si sente una voce dietro alla parete, nella stanza di fianco che dice:"Certo, Anna si ricorda che lei è morta". Mi arriva un altro rote: è un aiutante che interviene, una signora sui 60 anni, una professoressa che forse sta aiutando la ragazza a ricordare.
Provo a rendere il dialogo più leggero...
"Anna ti ricordi cosa ti piaceva fare nella tua vita? Cosa ti piaceva fare di più?"
"Servire...ed essere servita", risponde con sicurezza come se ritrovasse la memoria.
Non so perché ma la risposta mi commuove. 'Servire', aiutare gli altri, il suo spirito altruistico mi commuove...e comincio a piangere per lei...

Piango e singhiozzo e non riesco a fermarmi! Stavolta sono travolto dall'emozione, cosa non molto utile nei recuperi. Riesco solo ad inviare un rote di amore verso di lei, una piccola preghiera che parte dal chackra del cuore. Accanto a me si materializza mio figlio per darmi conforto, poi vedo una grande luce sopra di noi, forse si sta manifestando una dimensione superiore (focus 27?). Non vedo più nulla e chiedo agli esseri luminosi di aiutare la ragazza e spero che in qualche modo le mie richieste siano esaudite.
Non so se l'ho aiutata ma ho avuto la forte percezione che non sia più nel focus precedente.
olrac
 
Messaggi: 625
Iscritto il: 07/06/2014, 16:42
Ha  fatto 'Mi piace': 818 volte
'Mi piace' ricevuti:: 435 volte

Precedente

Torna a Diario dei Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


cron