Indice Off Topic Riflessioni > Riflessioni filosofiche sull'Onironautica

Discussioni, aforismi e pensieri di ordine culturale. Speculazioni filosofiche astratte, psicologia, antropologia, sociologia, arte, scienza, cultura e società...

Riflessioni filosofiche sull'Onironautica

Messaggioda NeuroEngineer » 18/09/2021, 12:21

Non c'è molto da aggiungere rispetto al titolo: vorrei condividere tra noi utenti del forum le nostre riflessioni filosofiche in merito al mondo dei sogni lucidi e dell'onironautica.
Certo, se siete qui a leggere questo post significa che siete onironauti o che comunque sappiate qualcosa in merito al mondo dei sogni in generale.
Lo studio dei sogni dal punto di vista scientifico, psicologico, spirituale (per chi ci crede) e altri campi è stato più che trattato.
Ma perché non esporre le proprie conclusioni in merito? Così come molti ragionano sul senso della "felicità", sul "conformismo", sul "potenziale umano", sul "tempo", sulla "percezione della mente", ecc., così si potrebbero esporre le proprie considerazioni in merito.
Inizio io, così vi faccio anche degli esempi (valgono sia citazioni esterne che pensieri personali, oltre che una rielaborazione attraverso un'altra chiave interpretativa di detti o frasi):

"I sogni sono risposte a domande che non abbiamo ancora capito come formulare" (X-FILES)
"Il sogno è l'infinita ombra del vero" (Giovanni Pascoli)
"Silenziosa la notte? Può essere, per fortuna ci sono i sogni a fare rumore" (Fabrizio Caramagna)
-
"Tra pochi minuti, tornerai nel mondo reale e una parte di te dirà che niente di tutto questo era reale: Quindi come avrebbe potuto significare qualcosa? Ma - proprio come il potere della prospettiva stessa - sarà stato reale tanto quanto tu hai creduto che lo sia" (Superliminal)
-
"La maggior parte delle persone credono che la mente sia uno specchio,
che riflette più o meno accuratamente il mondo esterno, senza rendersi conto, al contrario,
che la mente stessa è l’elemento principale della creazione."
(Rabindranath Tagore)"
-
"L'unica differenza che insiste tra Realtà e Sogno Lucido alberga nel loro contenuto" (Me/NeuroEngineer)
"L'inconscio è il Big Bang dell'universo onirico" (Me)
"L'aspettativa viene demolita nel mondo reale, concretizzata nel mondo onirico" (Me)
"Il sogno lucido è l'Utopia della mente: il controllo consapevole di qualcosa che non lo è" (Me)
"La realtà, se la si analizza a fondo, si rivela essere molto più strana e meravigliosa di quanto possa esserlo un sogno" (Me)
"Sarà pure una follia, ma sono io la mia regia" (Me)
"Il sogno consapevole non deve essere un rifugio o una via di fuga dalla realtà, ma una strada alternativa per crescere come persona e per vivere avventure incredibili: la realtà influenza il sogno e il sogno influenza la realtà, prendi atto di questo collegamento" (Me)
"Le tecniche di induzione di un sogno lucido non devono essere un prezzo faticoso da pagare, quanto una parte del viaggio da godere" (Me)
"Non sottovalutare il potenziale della tua mente: plasmi ciò che vedi, plasmi ciò che senti, plasmi ciò che sei." (Me)
"Il Tempo è un ottimo maestro: peccato che uccida tutti i suoi allievi. Comprendi i suoi insegnamenti sia di notte che di giorno prima che l'anno scolastico giunga al termine". (Variazione personale di Hector Berlioz)

/

E' accettato anche specificare ciò che si vuole affermare con una frase, quindi oltre a scrivere la propria riflessione la si può spiegare nel dettaglio.
Spero che vi piaccia come idea, potremmo condividere spunti di riflessione molto interessanti e accrescere la nostra personale visione in merito! :D
But - just like the power of perspective itself - it will have been as real as you believed it to be
Avatar utente
NeuroEngineer
 
Messaggi: 97
Iscritto il: 26/08/2021, 17:53
Ha  fatto 'Mi piace': 3 volte
'Mi piace' ricevuti:: 20 volte

Torna a Riflessioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


cron