Indice Tecniche e Divulgazione Il mondo dei sogni lucidi > Dilatazione Temporale nei SL, è possibile? Parliamone!

Conversazioni generiche su tutto ciò che è inerente ai sogni lucidi: dinamiche al loro interno, funzionamento, personaggi onirici, ambientazioni, e considerazioni varie sull'argomento.

Re: Dilatazione Temporale nei SL - E' possibile? Spoiler: sì

Messaggioda Arwen » 15/10/2022, 14:07

Farò un commento 'serio' più avanti perché c'è veramente troppo da dire e non ho molto tempo né mente fresca ora, ma la prima domanda che mi sorge è: Neuro, secondo te in che modo si potrebbe (ipotizzando) dilatare il tempo negli SL efficacemente? A te capita spontaneamente, da quel che ho capito (correggimi in caso), ma se io ad esempio volessi riuscirci volontariamente per vivere alcuni sogni lucidi più a lungo come se fosse una seconda vita, una vita che viviamo nei sogni, come potrei fare?
Season of mists and mellow fruitfulness,
Close bosom-friend of the maturing sun;
Conspiring with him how to load and bless
With fruit the vines that round the thatch-eves run;
To bend with apples the moss’d cottage-trees,
And fill all fruit with ripeness to the core...

(John Keats)
Avatar utente
Arwen
Moderatore
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 29/05/2019, 16:41
Località: Ingary
Ha  fatto 'Mi piace': 173 volte
'Mi piace' ricevuti:: 175 volte

Re: Dilatazione Temporale nei SL - E' possibile? Spoiler: sì

Messaggioda LucidFede » 16/10/2022, 17:47

Oh santo dio :shock:
Quanta roba, dammi tempo una settimana per leggere con calma tutto e poi ti rispondo. Ho letto solo questo e poi ho scrollato la pagina vedendo che non finiva più:

Si sconsiglia la lettura del seguente testo alle persone che soffrono di allergia ai neuropost o, al contrario, a chi ne è già completamente dipendente e assuefatto. Si raccomanda inoltre ai minorenni di essere guidati nella lettura da un accompagnatore-neuroscienziato-pazzo di fiducia. Per reclami o richieste di rimborso del tempo speso, rivolgersi a Doctor Strange e al suo occhio di agamotto, presente in segreteria al desk di 40 anni fa (è andato in vacanza temporale a godersi gli anni '80 ancora una volta). L'event horizon effect è un marchio registrato NE-Corporation, se qualche onironauta lo utilizza senza permesso è considerato perseguibile dai PO, ai sensi della legge n.427 del codice penale degli incubi, posto a revisione il 01/04/99 dal presidente della repubblica di Oniria Sir Morfeo.


Hahahahahaha
LucidFede
 

Re: Dilatazione Temporale nei SL - E' possibile? Spoiler: sì

Messaggioda Arwen » 18/10/2022, 18:46

Ho bombardato Neuro in privato di mp e volevo scrivere una cosa anche qui: tempo fa ero incappata, online, nella questione shifting: https://link.springer.com/article/10.10 ... 21-02439-3.
Adesso, in breve, lo premetto: la questione dello shifting mi sembra solo una cavolata che va di moda tra i teenagers, ma: queste presunte realtà di cui parlano queste persone riguardo lo shifting ("raggiungere un'altra realtà tramite la meditazione") mi sembra coincidere alla perfezione con il fenomeno del sogno lucido dilatato di Neuro. E se quindi questo fenomeno dello shifting (che, di nuovo, lo sottolineo: descritto così è una cavolata inventata dai teenagers) avesse in realtà delle fondamenta, e se queste fondamenta fossero che si tratta di un sogno lucido in cui ci si autosuggestiona talmente tanto che la mente attua qualche meccanismo per il quale la percezione del tempo viene distorta e ci sembra davvero di vivere in una realtà desiderata, perché essa è in realtà un sogno lucido molto lungo, molto stabile e coincidente alla perfezione con la realtà che desideriamo e immaginiamo (perché grazie alla forte convinzione, grazie ad una meditazione -in cui si diventa fortemente convinti di trovarsi in una realtà specifica- il sogno lucido assume le sembianze di un mondo calibrato sull'idea che ci siamo fatti)?


Mi era venuto in mente ieri sera, poi mi sono dimenticata di scriverlo. Aspetto con ansia una neuro risposta, perché sebbene non abbia mai creduto alla cavolata dello shifting, dopo aver letto la testimonianza di Neuro comincia a venirmi in mente che forse le cose sono collegate e che con il giusto allenamento e lo giusto stato mentale si possa davvero fare una cosa del genere (edit: mi riferisco ovviamente a ciò di cui parla Neuro, non allo shifting) e, che, soprattutto, un sogno lucido con queste straordinarie caratteristiche sia qualcosa di possibile.
Season of mists and mellow fruitfulness,
Close bosom-friend of the maturing sun;
Conspiring with him how to load and bless
With fruit the vines that round the thatch-eves run;
To bend with apples the moss’d cottage-trees,
And fill all fruit with ripeness to the core...

(John Keats)
Avatar utente
Arwen
Moderatore
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 29/05/2019, 16:41
Località: Ingary
Ha  fatto 'Mi piace': 173 volte
'Mi piace' ricevuti:: 175 volte

Re: Dilatazione Temporale nei SL - E' possibile? Spoiler: sì

Messaggioda Arwen » 19/10/2022, 18:52

C'è talmente tanto da commentare che non so da dove iniziare ma

E, forse, ho trovato il metodo di innescare e controllare questo fenomeno volontariamente.


Mi offro come tester per qualsiasi tecnica tu abbia in mente, letteralmente qualsiasi . Sono ben consapevole dei problemi etici e di tutte le possibili conseguenze negative sulla veglia di cui parli, ma voglio assolutamente andare a fondo a questa faccenda e capire di cosa si tratta, voglio riuscirci anche io.
Season of mists and mellow fruitfulness,
Close bosom-friend of the maturing sun;
Conspiring with him how to load and bless
With fruit the vines that round the thatch-eves run;
To bend with apples the moss’d cottage-trees,
And fill all fruit with ripeness to the core...

(John Keats)
Avatar utente
Arwen
Moderatore
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 29/05/2019, 16:41
Località: Ingary
Ha  fatto 'Mi piace': 173 volte
'Mi piace' ricevuti:: 175 volte

Re: Dilatazione Temporale nei SL - E' possibile? Spoiler: sì

Messaggioda Anakin » 19/10/2022, 21:08

Ciao Neuro, ho letto tutto il post con grande interesse, video annessi.
Ero un po’ confuso all’inizio (da utente stereotipato non ancora neuropostizzato :D) su come tu usassi il termine “percezione” nelle diverse fasi del ragionamento, poi ho capito che separi il fenomeno della percezione temporale nel sogno lucido (chiamo percezione A) da quella che si prova in qualsiasi altro stato (percezione B). Dalla mia esperienza mi verrebbe da dire che in un sogno lucido, essendo controllato, la dilatazione del tempo è più evidente ma ciò non esclude che sia possibile anche nei sogni comuni, aldilà di eventi caotici, emozioni ecc, o in altri stati di coscienza. Anche nella realtà la percezione temporale può essere drasticamente distorta se sottoposti ai giusti stimoli. Non sono un esperto infatti ti chiedo di correggere questa ipotesi in caso, ma mi sono fatto l’idea che nello stesso stato di veglia si aprano canali temporali paralleli a quello che chiami oggettivo, ma che dovendo per forza fare i conti con la realtà tendono ad allinearsi allo scorrere del tempo fisico, cosa che non avviene in sogno. Tutte queste percezioni di tipo B, che vanno dal semplice fenomeno de “il tempo vola quando ci si diverte” a quelli più “seri” (per esempio in stati alterati di coscienza quali la meditazione, sotto effetto di droghe, o anche sogno comune), li vedo disposti in un unico spettro dove al culmine (per ora) è posta la percezione temporale nel lucido di cui parli (quindi sono sfumature di uno stesso fenomeno). Alla base di queste distorsioni temporali a livello mentale ci sono gli impulsi che arrivano alle aree del cervello destinate alla concezione del tempo o per usare un termine appena imparato alla cronocezione. Se questi impulsi avvengono in uno stato alterato come può essere il sogno lucido, dove di fatto viviamo in un mondo illusorio o per usare le tue parole in cui la nostra mente è immersa nella percezione di sé stessa, saranno molto più efficaci in quanto reputati come reali dal nostro cervello, senza possibilità di contraddittorio. A questo proposito volevo anche chiederti se non può essere un meccanismo fisiologico proprio del sogno, avendo poco tempo durante la fase REM, quello di cercare di dilatarne l'esperienza. D’altra parte non penso sia necessario dover percepire un lucido per più di 8 ore (o in generale del tempo passato a letto) e che la maggior parte delle persone, se al risveglio ci fosse qualcuno che monitori il loro sonno, direbbero di aver sognato per più tempo di quello reale, anche in alcuni sogni comuni. A livello personale capisco la maggior parte delle cose che dici perché anche a me è successo di vivere lucidi durati ore, ben scanditi e dove ci fossero pause in cui pensare al fatto che il tempo sembra essersi fermato e che non ci svegliamo nonostante non facciamo niente. Non mi capita di viverli così male però (forse non ne faccio abbastanza di così lunghi), anche se per alcuni momenti ho avuto la tua stessa paura irrazionale di rimanerci intrappolato. Ma davanti ad un'angoscia così grande come quella che descrivi non sei riuscito a svegliarti?

Alla domanda di inizio post direi che l’affermazione è sia vera che falsa in base ai punti di vista, ma penso sia volutamente provocatoria. In fondo stiamo confrontando due grandezze per loro natura incomparabili (da una parte il tempo oggettivo TO e dall’altra quello percepito) e mi verrebbe quindi da dire che la teoria della relatività non calza. Però effettivamente possiamo invece confrontare il tempo percepito di un ipotetico osservatore esterno che ci guarda dormire senza riferimenti temporali con il nostro e qui l’esempio calza a pennello. Stra interessante questa visione!
Alla questione se è possibile che la percezione del tempo sia dilatata in un SL (aldilà di eventi caotici, sensazioni ed emozioni) invece direi sicuramente di sì, anzi non capisco come si possa credere il contrario.

Ho una domanda però su quanto sia effettivamente potente questa dilatazione, perché io sono rimasto alla teoria fantascientifica di Inception in cui a tot minuti corrispondono tot ore o giorni e non ho mai capito se una fase REM possa davvero estendersi più a lungo, avendo letto qualcosa a riguardo in giro. Ho letto la teoria delle sottofasi REM che si “uniscono” in una sola ma nella mia esperienza non mi sembra così comune, almeno non nei lucidi. Insomma è possibile avere una fase REM lucida anche di qualche ora in modo continuativo, oppure il tutto si condensa sempre in minuti, massimo un’ora? In questo caso le tue 24 ore percepite si condenserebbero in molto meno di 8 ore di sonno, essendone la fase REM solo una piccola parte.

Voglio chiederti anche secondo te che limiti ha questa percezione sul nostro corpo fisico. Mi spiego meglio: tu dici che hai “vissuto” 24 ore mentre dormivi, sappiamo che non è realmente così a livello temporale, però se gli impulsi nel cervello sono reali, come dici tu “internamente” è come se fosse successo. Il tempo passato in sogno non è buttato e può influenzare quello reale e banalmente la nostra persona, correggimi se sbaglio. Leggevo che allenarsi in sogno lucido può avere risvolti a livello di sinapsi quando si riprova l’allenamento nella realtà. E’ possibile quindi che il cervello viva una vita a parte e che faccia esperienza in modo slegato dalla veglia e dal tempo oggettivo in cui è al mondo? Anche perché si tratta di illusioni solo se viste in fase di veglia, il cervello non sempre lo sa, vedi falsi ricordi. Parlando di apertura di possibili porte, se tra qualche decennio sarà possibile immettersi un chip per avere abilità non acquisite durante la veglia oppure immettere ricordi falsi, saremo coscienti anche di ciò che non abbiamo realmente vissuto. Un po’ come in sogno, forse. Se il tempo cerebrale e quello fisico non sono appaiati, mentalmente possiamo aver vissuto più di quanto non abbiamo fatto davvero?

@Arwen
Avevo letto anche io di questo trend, se non sbaglio su TikTok. Avevo visto anche qualche video e ti confermo che quello che intendono con “shifting” in realtà è un lucido wild oppure un “viaggio astrale”, poi ognuno è libero di chiamarlo come preferisce. Le tecniche che consigliano se non sbaglio sono molto simili a quelle che si leggono anche qui, ma dubito che anche solo il 5% di chi ci fa video a riguardo ne abbia davvero avute. Molti ragazzi pensavano che il tutto si riducesse ad un lavoro di immaginazione, per cui basta starsene sdraiati ad immaginare di essere ad Hogwarts durante il lockdown e dopo un po’ sembra vero. In realtà come sappiamo non c’entra niente ed era più un meme che altro, perché pochissimi ci riuscivano ovviamente. Tuttavia ero incappato in alcune di queste video-meditazioni per shiftare e ho fatto davvero dei lucidi ad Hogwarts ahaha. Il fatto che siano visti come “realtà parallele” dipende probabilmente dalla durata del lucido ma soprattutto dalla sensazione di entrare in un’altra dimensione, che è quello che succede alle prime esperienze di lucidi wild no? Si potrebbe pensare ad una collab con qualche tiktokers per portare pubblico giovane però :lol:
Avatar utente
Anakin
 
Messaggi: 185
Iscritto il: 28/03/2022, 15:16
Ha  fatto 'Mi piace': 0 volta
'Mi piace' ricevuti:: 53 volte

Re: Dilatazione Temporale nei SL, è possibile? Parliamone!

Messaggioda LucidFede » 23/10/2022, 13:58

@LucidFede per non farti perdere tempo, puoi direttamente seguire quel topic e lasciar perdere questo :angel:


E se li avessi letti già entrambi? : Razz :
Ci sono così tante cose da dire che non so da dove cominciare, l'unica cosa che volevo dirti è che attendo con ansia i prossimi gigapost sul nuovo topic "tald". Piacerebbe molto anche a me provare ad avere questi sogni dilatati, quindi appena proporrai le tecniche prendimi in considerazione come tester.
Sono molto curioso della spiegazione scientifica che darai al fenomeno, qualche link che hai inserito lì lo ho già spulciato un pò e sembra promettere bene. Non ci ho capito molto però... :?
Quindi prenoto una neurolezione!
LucidFede
 

Re: Dilatazione Temporale nei SL, è possibile? Parliamone!

Messaggioda Arwen » 28/10/2022, 10:32

se qualcuno di voi ha delle preferenze su cosa trattare prima

Sì! Ovvero,
le tecniche da testare
Season of mists and mellow fruitfulness,
Close bosom-friend of the maturing sun;
Conspiring with him how to load and bless
With fruit the vines that round the thatch-eves run;
To bend with apples the moss’d cottage-trees,
And fill all fruit with ripeness to the core...

(John Keats)
Avatar utente
Arwen
Moderatore
 
Messaggi: 423
Iscritto il: 29/05/2019, 16:41
Località: Ingary
Ha  fatto 'Mi piace': 173 volte
'Mi piace' ricevuti:: 175 volte

Re: Dilatazione Temporale nei SL, è possibile? Parliamone!

Messaggioda LucidFede » 28/10/2022, 16:05

Sono un sacco curioso di questo

le ipotesi sul funzionamento nozionistico del fenomeno


ma capisco che le tecniche sono più utili in questo momento, come dici tu fare qualche esperimento pratico prima di fiondarsi sulla teoria potrebbe aver molto senso. E poi come anticipato mi proporrei per testarle.
Quindi l'ideale per me sarebbe
1 tecniche
2 ipotesi sul fenomeno
3 riassunto dei link e altro

Ma lascio decidere a te naturalmente
LucidFede
 

Re: Dilatazione Temporale nei SL, è possibile? Parliamone!

Messaggioda Reylock » 17/11/2022, 0:12

Innanzitutto Grazie mille di condividere questi post su TALD e relativi annessi, si sono rivelati un epifania (così come tutti i Neuropost!)

Questo è un piccolo pensiero quotidiano al riguardo. : WallBash :

Premessa della premessa: Sono convinto che la TALD sia possibile, percepisco una sensazione di chiarezza/verità, sia mi pare logico secondo alcuni pensieri, che se pur primordiali e isolati,
avevo avuto anni fa soprattutto riguardo alla percezione del tempo.

Premessa 1: Essendo arrivato da poco e nella vita occupandomi di altro, è altamente probabile che mi manchi un bagaglio di informazioni importanti per comprendere al meglio le varie argomentazioni
e/o scambiare le mie personali riflessioni in maniera ordinata e fruttuosa riguardo al TALD, mi scuso quindi in anticipo se le mie parole e ragionamenti potranno sembrare senza senso o risultare banali conclusioni.

Premessa 2: Da qualche giorno “ascolto” (tramite app di lettura del testo) il post relativo https://www.sognilucidi.it/forum/viewto ... 39&t=13317
Mentre eseguo dei semplici lavori manuali. fino ad ora comprendevo il testo senza però inquadrare a livello pratico il funzionamento del TALD. Ma ascoltando con leggerezza e tranquillità e vagliando i pensieri che ne
conseguivano, sono tornati a galla pensieri dal passato e mi si è accesa una lampadina.
Purtroppo dal pomeriggio ad ora che rientro a casa, tutto il castello di carte che mi ero costruito con argomentazioni varie è crollato miseramente, ma ne rimane un succo concentrato. (succo direte voiXD)


Ora probabilmente dirò un enorme stupidata, voglio comunque postare prima che il ripensamento mi faccia cancellare tutto.

Disclaimer… la seconda parte è una serie sconnessa di pensieri che non sono riuscito a legare in modo adeguatamente logico e conciso…con numerose ripetizioni.e

Prima parte


@NeuroEngineer, a grandi Linee, semplificando e sicuramente con numerose incorrettezze, è corretto affermare che il TALD (definizioni e termini specifici a parte):

[“può essere ottenuto con relativa facilità”, perché la mente (regia creatrice della “realtà” in cui percepiamo di vivere di giorno e di notte, insieme dei processi neurali)
solitamente è impegnata a farci percepire lo scorrere del tempo basandosi prevalentemente sul susseguirsi di eventi a cui pure la memoria associa dei ricordi, ai processi biologici e mentali
e in ultimo alle leggi della fisica. (e altro come da te spiegato nei dettagli)

Nel mondo onirico la regia è sempre la mente stessa, ma non esistono stimoli esterni da interpretare e riprodurre, non esiste necessità di assecondare processi biologici o leggi fisiche.
Ogni aspetto e valore è regolato dalla mente, e dalla mente soltanto!
Quindi riuscendo a produrre molti eventi/fenomeni in uno spazio temporale più ristretto, la percezione temporale può essere dilatata fino ai limiti dei processi stessi della mente.

Tutto può essere velocizzato e condensato perché gli step sono meno e necessitano pure di meno risorse, (visto che dovendo solo riprodurre un mondo senza doverne interpretare stimoli
che arrivano da un altro, adeguarsi a processi biologici etc etc)

Il tassello mancante è riuscire a convincere la mente stessa che ne è capace, sicuramente lo sa già,
ma per una questione di ottimizzazione delle risorse a livello evolutivo pure l’orologio onirico viene impostato seguendo dei limiti biologici
(dico una stupidata per esempio, il battito cardiaco, la frequenza del respiro, alcune frequenze a livello cerebrale su cui la mente basa la formula per creare il tempo onirico,
ma non ne sono effettivamente influenzati, è un valore standard di convenienza a livello evolutivo)

Visto che durante la veglia non possiamo dilatare il tempo che si basa su leggi fisiche ben precise,
aspetti biologici etc..etc…, l’unico modo per convincere la mente di tutto ciò è tramite alcuni esercizi che si focalizzano sull'illusione di distorsione temporale, es. crono stasi. O altri esercizi(?)]

Parte seconda


Purtroppo non riesco a formulare questa idea più chiaramente ora, il cervello sta friggendo, ma non volevo perderne il filo generale.

La lampadina oggi mi è comparsa pensando che durante la veglia la percezione del tempo viene “continuamente tagliata e montata”
“dal minuto 3.16 in poi, è graficamente "smascherato" il meccanismo per cui vengono cancellate le immagini che vengono ricevute come input visivo durante il movimento saccadico oculare.
Queste verranno poi rimpiazzate dall'immagine definitiva seguente, proprio come in un montaggio video si tagliano le parti "inutili" o venute mosse “


Quindi abbiamo dei buchi di percezione temporale/coscienza/memoria, tra un input e l’altro
(sia uditivo che visivo penso che comunque il limite è fisico/biologico…percepiamo determinate frequenze e riusciamo a processarle con un ulteriore limitata frequenza)
Che per “risparmio energetico a livello evolutivo” vengono omesse dal processo percettivo temporale/di coscienza.

MA! Se noi potessimo riempire quei vuoti con dei ricordi, a cui si la memoria e la coscienza possano aggrapparsi, la percezione del tempo già si dilaterebbe.
Quindi il tempo come elemento a se stante non esiste !, esistono diversi avvenimenti a cui vengono associati dei processi mentali di coscienza e memoria.
-ma nella veglia se pur possiamo aumentare l’attenzione per il presente, focalizzarsi su illusioni come cronostasi etc…
i processi biologici seguono leggi fisse, il ciclo giorno-notte rimane quello che è, i suoni hanno una frequenza ben definita e non possiamo percepirne altri per un limite fisico, così per gli altri sensi…e così via.

Quindi tutto l'insieme di fattori finisce sempre per farci percepire il tempo con un certo ritmo che può essere solo limitatamente alterato.

Nel mondo dei sogni la mente per visualizzare un passo non deve aspettare le contrazioni muscolari, che sono dettate da precisi processi chimici che a loro volta sono dettati da precise leggi fisiche,
quindi tutto quel processo visivo e sensoriale può essere condensato in meno “tempo”

La mente è al controllo di ogni aspetto e può organizzarsi al meglio per gestire tutto ciò, questo fa risparmiare un sacco di risorse e queste risorse possono essere investite nella produzione di eventi più condensati nel tempo.
(definito e delimitato solo da processi elettrici nel cervello, che a loro volta sono limitati da precise leggi fisiche, ma invece di dover assecondare molteplici fenomeni che si manifestano in un terminato lasso di tempo, la mente è libera di assecondare solamente le leggi che guidano il funzionamento della stessa)…
che non sono da immaginare come frenetici avvenimenti come se velocizzassimo un video, solamente a questi eventi condensati viene associato un processo di coscienza/memoria e quindi effettivamente il tempo si dilata.

Ora le tecniche sia diurne che interne al sogno vanno quindi a implementare questi processi, a dare fiducia a noi stessi e all’incoscio che ciò effettivamente è possibile e molto semplice.
“prendersi del tempo per stabilizzare, trovare un gadget che convinca la mente che può dilatare il tempo fa si che essa si impegni effettivamente a produrre eventi più condensati nel tempo."



Mi piace molto l’aspetto “Respirare e convincersi che si avrà una giornata di vacanza nel mondo dei sogni”
Quando alcuni anni fa lavoravo in una situazione che non mi piaceva e casualmente finivo la giornata una o due ore prima, quelle due ore erano per me e basta. Nessuno al lavoro o a casa mi aspettava, nessun amico mi chiamava perché tecnicamente sarei dovuto essere al lavoro.
Quelle due ore erano dedicate a me stesso, me le gustavo fino all’ultimo secondo, la vita in quel momento non mi piaceva, ma quelle ore inaspettate qua e la sparse casualmente erano estremamente benefiche. Scappavo nei boschi senza aspettativa di cosa fare e mi gustavo la bellezza e i dettagli che la natura aveva da offrire. Improvvisavo al momento. Ho dei ricordi molto vividi e chiari di quel periodo.
Un ultima domanda potrebbe essere, esiste già un limite noto a livello cerebrale di fenomeni chimici/elettrici o di frequenze che possa influenzare il numero massimo di eventi che la mente riesce a ricreare in un determinato periodo di tempo?
Immagino sia ancora difficile da definire e sarà variabile da individuo a individuo.

Spero presto di rimettermi in forma come Onironauta, non voglio correre, ma non vedo l’ora di passare alla pratica!!!
Grazie ancora di tutto!
Pray. Do not wake me
Avatar utente
Reylock
Moderatore
 
Messaggi: 54
Iscritto il: 05/11/2022, 23:23
Località: L' Altrove
Ha  fatto 'Mi piace': 56 volte
'Mi piace' ricevuti:: 25 volte

Re: Dilatazione Temporale nei SL, è possibile? Parliamone!

Messaggioda Reylock » 04/01/2023, 0:58

Per quanto sia nell'approccio ai sogni lucidi che nel TALD le tecniche e i percorsi più fruttuosi siano da ricercare, personalizzare e testare sulla propria pelle ...

- Se possibile posso chiedere quali tecniche (in aggiunta allo stile di vita presentato nel diario) hai trovato più efficaci per indurre o comunque guidare il raggiungimento di
tutti questi TALD, in quanto la frequenza mi pare cambiata in modo importante e non penso sia più imputabile solo a una tua "particolare predisposizione".
Tecniche o comunque approccio iniziale, tra quelle proposte nel relativo post.

- Se possibile pure le ore di sonno nei giorni in cui si sono verificati i TALD e se nella fase finale del sonno, grossomodo! ( capire se possibili pure con 5-6 ore o se per durate così
lunghe siano necessarie fasi REM "corpose")

- Come è possibile dopo un TALD così lungo riuscire a rimanere abbastanza rilassato per rientrare 6 volte tramite WILD?
Un particolare approccio emotivo? cercare di non pensare e muoversi per non stimolare particolari onde cerebrali? pensiero di pensiero? visualizzare intensamente le emozioni di tale sogno?

Comunque wow wow WOW! :shock: :shock: :shock: : Yahooo :

BabboDreamer deve essere passato solo da quelle zone :lol:

(fabbro dei sogni : Hide : )
Pray. Do not wake me
Avatar utente
Reylock
Moderatore
 
Messaggi: 54
Iscritto il: 05/11/2022, 23:23
Località: L' Altrove
Ha  fatto 'Mi piace': 56 volte
'Mi piace' ricevuti:: 25 volte

Prossimo

Torna a Il mondo dei sogni lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


cron