Indice Condivisione Esperienze Diario dei sogni lucidi > Diario di Luke

Raccolta dei propri sogni lucidi condivisa con gli altri sognatori.
La parte di testo dove il sognatore è lucido viene colorata di blu.

Re: Diario di Luke

Messaggioda LuKe94 » 06/08/2022, 20:19

La mia intenzione era di postare almeno un'esperienza storica rilevante per ogni anno passato. Ma rileggendo i diari mi sono accorto che ci sono tanti bei sogni lucidi (e altrettante piccole obe) che tuttavia non vanno oltre la mia media personale di rilevanza. Per quanto belle io volevo condividere solo cose fuori dall'ordinario. Quindi riparto dal 2016 con questo ''episodio onirico'' unico nel suo genere (almeno per me), di cui avevo già parlato e finalmente mi sono deciso a riportare.
ESPERIENZA STORICA
2/10/2016
VOLTO AZZURRO
Dopo anni di piccole obe in cui mi trovavo (quasi) sempre nell'oscurità totale della mia stanza ho vuluto provare un esperimento mettendo una piccola luce led sotto il letto. Cosi avendo un po' di visibilità volevo vedere cosa succedeva in astrale. Ho aspettato diverse notti finchè sono riuscito ad indurre un uscita dal corpo.
Dopo le tipiche vibrazioni pre-uscita avevo la visuale ad altezza materasso. Più o meno quello che potrebbe vedere una mosca posata sopra il letto. Volevo andare verso il bordo del letto verso la luce azzurrina che veniva da sotto (che nella ''realtà'' era bianca). Ma il bordo del letto non arrivava mai. Vedevo scorrere la superficie del materasso sotto di me ma paradossalmente il punto che dovevo raggiungere non arrivava. La sensazione l'avevo già percepita altre volte senza vedere nulla, ma sentendo la consistenza ruvida delle coperte scorrere addosso in mio corpo astrale in una sorta di '' mondo microscopico''.
Ci ho messo un tempo non definito per arrivare al bordo del letto e quando ce l'ho fatta ho trovato qualcosa di inaspettato. Un volto luminoso simile ad una maschera teatrale, inespressivo se ne stava immobile davanti al comodino all'altezza del pavimento. Non aveva occhi, era semplice e azzurrino come la luce. Non lo percepivo come una minaccia ma sembrava più ''neutrale'', indifferente.
Successivamente succedono alcune cose strane nel tentativo di uscire dalla stanza. Ma avevo anche voglia di rientrare nel corpo al dove mi sarei risentito al sicuro. Verso la fine mi ero ricongiunto al corpo e non riuscivo più a staccarmene. Forse per l'inquietudine.
Dopo un po' sono riuscito a svegliarmi.
Non nascondo il fatto che nel periodo successivo ho un po' evitato, perché si...
Ma la cosa sorprendente non è avvenuta per merito mio.
30 Novembre 2016
Mia sorella, che è l'unica parente che sa che faccio viaggi astrali ecc, mi chiede un parere su due sogni strani che aveva fatto nell'ultimo periodo. Cosa insolita poiché lei non ha mai voluto avvicinarsi a queste cose. Mi ha detto che questi sogni erano diversi dagli altri. Molto vividi e in entrambi i casi nella camera da letto (che si trova al piano inferiore)
In uno di questi era presa per mano da qualcuno. E non la lasciava andare anche se ha detto che l'ha percepita come una presenza positiva, e sembrava volesse proteggerla.
Nell'altro caso, avvenuto a circa metà novembre, sono rimasto veramente colpito dal suo racconto. Poichè mi ha detto che ha guardato verso il comodino della sua stanza e sopra c'era una testa azzurra luminosa messa di profilo. Mi ha colpito la sua descrizione che differiva solo in una cosa. Aveva delle striature sottili luminose a detta sua simili a luci di Natale. Ma al di la di quello la sua fermezza in un punto a guardare nel vuoto, la sua neutralità e tutto il resto sembrano coincidere. Era sconvolta quando le ho letto quello che ho annotato nel mio diario. Ha aggiunto una considerazione: la testa sembra provenire dal pavimento.
Abbiamo provato a cercare qualcosa nel web riguardo a maschere o volti di luce nel viaggio astrale ma non abbiamo trovato molto di significativo.
Si tratta di una una prova o di una coincidenza? Dipende dal grado di scetticismo. Tuttavia una prova non è ancora sufficiente per convincermi del tutto di una stessa ''informazione'' condivisa in astrale.
“Professore, è vero tutto questo? O sta accadendo dentro la mia testa?”
“Certo che sta accadendo dentro la tua testa, Harry! Dovrebbe voler dire che non è vero?”
Avatar utente
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 206 volte
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda Luna » 07/08/2022, 7:20

Molto interessante Luke!
Premesso che credo nella telepatia onirica, per esperienza diretta personale di qualche anno fa, perché non fissate un appuntamento onirico tu e tua sorella, per esaminare la tua casa e la tua stanza sul piano “ astrale” ?
Caspita, se avessi la fortuna di una sorella onironauta non mi lascerei scappare l’ occasione per una quantità di esperimenti !
Dedicato con immensa gratitudine a Ben, amico insostituibile ed artefice dei miei sogni!
Avatar utente
Luna
 
Messaggi: 561
Iscritto il: 29/05/2013, 8:13
Ha  fatto 'Mi piace': 156 volte
'Mi piace' ricevuti:: 133 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda LuKe94 » 07/08/2022, 7:46

Ciao @Luna! Eh... Mia sorella è di una pigrizia inclassificabile purtroppo. :lol: Ha avuto questa possibilità in modo del tutto occasionale. Ho provato a insegnarle qualcosa ma tanto se lo sarà già dimenticato :roll:

Mi sono dimenticato di scrivere che dopo tre anni, nel 2019, abbiamo scoperto che anche mio fratello da piccolo aveva visto queste maschere in "dormiveglia''. Quindi sembra ci sia un legame di famiglia. Purtroppo lui è del parere che queste cose bisogna lasciarle perdere.

A dire il vero sono abbastanza sicuro anch'io che si possa condividere informazioni in astrale, però vorrei almeno un'altra prova schiacciante.
In seguito ho avuto altre esperienze che hanno rafforzato la mia volontà di differenziare sogni lucidi e viaggi astrali, le riporterò prossimamente.
“Professore, è vero tutto questo? O sta accadendo dentro la mia testa?”
“Certo che sta accadendo dentro la tua testa, Harry! Dovrebbe voler dire che non è vero?”
Avatar utente
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 206 volte
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda LuKe94 » 18/08/2022, 9:30

Non potevo dimenticare di copiare qui nel mio diario la più bella (forse) esperienza di sogno lucido di sempre. Quella con cui ho partecipato al concorso per il ''miglior sogno lucido''.
Ne aprofitto del momento per far sapere agli utenti arrivati o tornati da poco che se sono interessati possono partecipare ancora in modalità fuori concorso.@Luna e @Saladriel visto che siete utenti esperti potrebbe interessarvi, anche solo per leggere delle belle avventure ;)
https://www.sognilucidi.it/forum/viewto ... 47&t=13001

ESPERIENZA STORICA
7/5/2019
62°Sogno Lucido - La città perfetta
Premessa: Io sono uno che usa molto l'immaginazione da sveglio. Mi immagino come cambierei le cose, simulazioni mentali, progetti e cosi via.
Una delle mie più vecchie costruzioni mentali è una città in un mondo parallelo al nostro, dove sostanzialmente le cose non funzionano come nell'Italia in cui viviamo...sarà il desiderio di vivere in una civiltà dove logica e coerenza prevalgono, ovviamente senza negare alcuni tratti utopici della cosa, ma questo progetto immaginario negli anni è cresciuto, e dato che ho imparato a fare i sogni lucidi ad un certo punto ho tentato di visitare questo luogo.
Questa città-stato è costruita sull'idea di Neo-Tokio 3 di Evangelion perché mi piace la luminosità dei grattacieli e la sua grandezza ridotta. E si colloca proprio di fianco al mio paese reale da cui prende il nome con il prefisso Neo- cosa che la rende (volendo) più facile da raggiungere. (Questa foto con i monti dietro è proprio azzeccata)

NeoTokio3..png
NeoTokio3..png (388.84 KiB) Osservato 3078 volte

Mi trovavo in un luogo semi-urbano in cattive condizioni. Le piante arrampicanti coprivano alcuni piccoli edifici e c'erano materiali edili sparsi un po'ovunque.
Forse era una base militare abbandonata, e li stavo giocando a softair con degli amici ed ex compagni di scuola.
Due avversari si dichiarano colpiti ed alzano la mano. In quel momento mi accorgo di non avere la maschera protettiva per gli occhi quindi intuisco che c'era qualcosa di strano.
Penso ad una realtà virtuale, ma poi mi viene in mente di contarmi le dita e ne conto 6.
Volevo cambiare subito ambientazione con una di più interessante.
Passo in mezzo a due bambini che giocavano e arrivo al bordo del campo da gioco. C'era una barriera da cantiere che delimitava il perimetro. Oltre c'erano palazzi di una periferia di città qualsiasi.
Per superarla ci sono corso contro separandomi in tanti pezzi e ricomponendomi subito dall'altra parte.
Qualche passo più avanti ricordo un bar con la classica insegna dei gelati all'esterno. Li ho guardati, erano tutti viola. Ne ho preso uno direttamente dal cartello (stranissimo) e l'ho assaggiato.
Era ricoperto di cioccolato viola con pezzi di bagigi, al tatto non era freddo come doveva essere e aveva un gusto molto tenue (...) Ho un vuoto di memoria.
Avevo proseguito verso l'interno della città con qualcuno (che poi e sparito) e facendo tre salti ho preso il volo.
Non so se ho generato io la mia città o se è stato l'inconscio a farlo in automatico, comunque all'alto riuscivo a vedere meglio alcuni grattacieli del centro città esattamente come l'avevo immaginata.
Il problema è che riuscivo a volare solo fino al tetto degli edifici più bassi che la circondavano. Andare più in alto era troppo ''faticoso''.
Mi appoggio su uno degli edifici della via in mattoni rossi tipo periferia di New York e stabilizzo il sogno, urlando anche di trovarmi in un lucido, cosa che mi aiuta ad aumentare la lucidità.
Mi butto giù e cammino per le vie per osservare com'era. In quel punto sembrava molto una città americana, ma noto una cosa particolare. Nelle colonne di alcuni marciapiedi coperti sotto gli edifici c'erano delle alte colonne di cassetti di archivio dentro la muratura, che potevano essere usati dagli abitanti per mettere le cose mentre erano all'aperto. Questa cosa l'avevo già sognata in un sogno normale credo nel 2011. Mi ha colpito ritrovarla li.
Al centro di un incrocio di strade a ''V'' c'era un edificio con due fontane che fiancheggiavano un entrata. Ci sono entrato, e questo posto lo percepivo come il mio ''ufficio presidenziale'' : King :
Ricordo ancora che nella prima stanza d'accoglienza si sentiva il rumore dell'acqua delle fontane all'esterno. I mobili erano pregiati in legno scuro e c'erano diverse librerie e una scrivania in legno. Una stanza non eccessivamente grande ma davvero prestigiosa e con un fascino d'altri tempi.
Uscendo ho deciso di prendere il volo di nuovo, e di dirigermi verso il centro vero e proprio della città, dove ci sono cinque grattacieli più alti rispetto agli altri edifici.
Per qualche motivo faticavo a raggiungerli...mi sembrava di girarci sempre intorno, e nell'intenzione ho perso parzialmente lucidità.
Nel mentre ho trovato ben tre chiese diverse, che nel progetto non erano previste. Nella prima di queste, la più grande, ci sono salito sopra e ho osservato dall'alto una piazza che sembrava piazza San Marco di Venezia circondata da un contesto più moderno.
In quella successiva ci sono sorvolato intorno ma era poco più di un rudere.
L'ultima era la chiesa del mio paese ma più grande (...) In questo punto ho di nuovo un amnesia.
Sono riuscito a recuperare lucidità ma mi trovavo fuori città in mezzo ai campi.
Ho preso il volo per provare nuovamente a raggiungere il centro. Poco dopo il decollo è partita una canzone che non ho mai sentito, molto energica e se non ricordo male di genere punk.
Sembrava di essere ai titoli di coda alla fine di un film, e infatti in poco tempo diventa tutto buio e mi sveglio

Nel diario ho segnato che mi ricordo vagamente di aver fatto molte altre cose in questo lucido, ma è stato piuttosto lungo quindi non me le sono ricordate tutte.
È stato molto bello vedere un luogo immaginario materializzarsi e poterlo esplorare. C'erano delle aggiunte che non avrei mai immaginato ma anche l'imprevedibilità ha suo fascino.
Piccola annotazione: In questo momento riflettendo sul finale mi sono accorto che in diversi sogni lucidi che ho fatto alla fine parte una canzone poco prima del risveglio. In particolare quelli lunghi.
“Professore, è vero tutto questo? O sta accadendo dentro la mia testa?”
“Certo che sta accadendo dentro la tua testa, Harry! Dovrebbe voler dire che non è vero?”
Avatar utente
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 206 volte
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda Luna » 18/08/2022, 11:26

Davvero molto bello Luke, complimenti per esser riuscito a trasportare in sogno la città della tua fantasia. : WohoW :

Anche io sto cercando di portare in sogno un oggetto che mi è molto caro, ma per ora niente :angry:

Mi ha colpito il particolare che ti risulta faticoso volare: è una cosa successa anche in uno dei miei ultimi sogni lucidi, che non ho ancora riportati nel diario. In pratica non riesco al alzarmi oltre una certa altezza e non sono mai, dico mai, riuscita a volare fino alla Luna o simili, non so perché : Surprice :
Dedicato con immensa gratitudine a Ben, amico insostituibile ed artefice dei miei sogni!
Avatar utente
Luna
 
Messaggi: 561
Iscritto il: 29/05/2013, 8:13
Ha  fatto 'Mi piace': 156 volte
'Mi piace' ricevuti:: 133 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda LuKe94 » 18/08/2022, 11:47

Luna ha scritto:Davvero molto bello Luke, complimenti per esser riuscito a trasportare in sogno la città della tua fantasia. : WohoW :

Anche io sto cercando di portare in sogno un oggetto che mi è molto caro, ma per ora niente :angry:

Mi ha colpito il particolare che ti risulta faticoso volare: è una cosa successa anche in uno dei miei ultimi sogni lucidi, che non ho ancora riportati nel diario. In pratica non riesco al alzarmi oltre una certa altezza e non sono mai, dico mai, riuscita a volare fino alla Luna o simili, non so perché : Surprice :


Grazie Luna! Mi è successo in modo abbastanza automatico da quello che ricordo, dopo diversi tentativi falliti in cui mi impuntavo senza successo.
Magari succederà così anche a te, quando meno te lo aspetti. Credo che l'importante sia continuare a focalizzare l'obiettivo come qualcosa a cui si tiene particolarmente.

Riguardo al volo a basse altitudini ti dico come la interpreto collegandomi ad altre cose simili che ho letto sul funzionamento dei sogni lucidi.
La mente fa molta fatica ad elaborare pattern che non conosce o che considera comunque anomali. Se ci pensi siamo abituati a vedere le strade di un paese o una città affacciati dalla finestra di un edificio o dal suo punto più alto. Volare sopra gli edifici invece è una cosa più innaturale da ricreare. Per questo troviamo quella resistenza che è a mio giudizio è una resistenza a qualcosa che la mente non è abituata ad accettare.
Ovviamente è possibile andare più in alto e anche arrivare nella luna. Ma per qualcuno è più difficile e ci vuole tempo per sbloccarsi. Non è facile accettare di essere onnipotenti : Chessygrin : Di recente sono riuscito a volare molto in alto, tanto che ho dovuto fermarmi e tornare giù in picchiata sennò perdevo troppo tempo (se non ricordo male stavo provando a raggiungere lo spazio). Quella volta invece dovevo atterrare di pancia sul tetto degli edifici con un enorme sforzo, i progressi continuano insomma :)
“Professore, è vero tutto questo? O sta accadendo dentro la mia testa?”
“Certo che sta accadendo dentro la tua testa, Harry! Dovrebbe voler dire che non è vero?”
Avatar utente
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 206 volte
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda Luna » 18/08/2022, 12:32

Grazie Luke, concordo con te nel dire che è difficile sognare situazioni ed ambienti di cui non abbiamo esperienza, ma credo che ci siano, almeno nel mio caso, delle resistenze di qualche genere: forse lo Spazio mi fa paura , o forse lo reputo poco interessante. : Surprice :
Magari chiederò a Ben ( il mio inconscio) cosa ne pensa : Chessygrin :
Dedicato con immensa gratitudine a Ben, amico insostituibile ed artefice dei miei sogni!
Avatar utente
Luna
 
Messaggi: 561
Iscritto il: 29/05/2013, 8:13
Ha  fatto 'Mi piace': 156 volte
'Mi piace' ricevuti:: 133 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda LuKe94 » 16/11/2022, 16:57

ESPERIENZA STORICA
2/12/2019
Mondo bianco e nero
Ho applicato i metodi imparati da Michele e Oksana e il 1 dicembre ho avuto successo al primo tentativo. Ci saranno molti nuovi episodi nei giorni e mesi seguenti. Questo mi ha colpito perché mi ha dato l'impressione di un mondo incompleto, "caricato male" se vogliamo fare un paragone informatico.
Al conto alla rovescia mi sono sentito strano al numero 60 circa, e ho arrotolato subito dalla parte opposta del letto (il lato dove non mi alzo la mattina). Mi sono messo in piedi e la stanza era completamente bianca. Tutto era bianco e anche gli angoli si distinguevano a fatica perché le distanze così non erano chiare. Le uniche cose ben visibili erano gli interruttori e le altre cose nere nella stanza che rimanevano nere. Vado davanti all'armadio specchio e lo tocco. Sento che al tatto è come quello reale, sembrava di toccare un vetro, ma non riuscivo a vedermi perché anch'esso era tutto bianco. Noto nell'armadio dei vestiti che c'era una parte nera che sembrava un tilset mancante o corrotto. Ho cercato di trapassare la porta per uscire ma sono tornato nel corpo.
“Professore, è vero tutto questo? O sta accadendo dentro la mia testa?”
“Certo che sta accadendo dentro la tua testa, Harry! Dovrebbe voler dire che non è vero?”
Avatar utente
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 206 volte
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda LuKe94 » 16/11/2022, 17:02

ESPERIENZA STORICA
29/9/2020
Braccia trasparenti
Ero andato a dormire con l'intenzione di programmare l'uscita in astrale. Però avevo il collo bloccato che non mi ha fatto dormire bene... Ho provato quindi a dormire sul materasso di riserva, che è più morbido, messo a terra davanti alla porta della mia camera aperta.
Durante la notte mi sono svegliato sentendo un fischio crescente nelle orecchie (suono del silenzio) quando è diventato abbastanza forte ho cominciato a dondolare e mi sono distaccato. Mi sono messo in piedi e ho visto la mia camera esattamente com'era, luce compresa. Ho messo un piede sopra il materasso e ho sentito il rumore come di una carta accartocciata. Sarebbe stato bello raccoglierla ma non riuscivo a muovermi liberamente. Anche la visuale era leggermente spostata verso l'alto, forse un riflesso del collo bloccato.
Allora ho fatto delle prove da fermo toccandomi il corpo astrale e sentendo dei vestiti. Poi mi sono guardato le braccia e per la prima volta ho visto una parte di me in astrale. Sembravano di vetro ma allo stesso tempo liquide. Non so dire se erano limpide o no, perché la camera era semi-buia, però vedevo chiaramente tanti punti e tratti bianchi che comparivano e sparivano in modo molto dinamico. Davvero strano da vedere.
Poi ho provato a ricordarmi una vita passata, ma nulla. Anche provando a focalizzarmi su periodi storici recenti non mi veniva in mente nulla.

All'improvviso sono tornato nel corpo e ho guardato l'orario, ho appuntato che avevo dormito due ore.
“Professore, è vero tutto questo? O sta accadendo dentro la mia testa?”
“Certo che sta accadendo dentro la tua testa, Harry! Dovrebbe voler dire che non è vero?”
Avatar utente
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 206 volte
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

Re: Diario di Luke

Messaggioda LuKe94 » 16/11/2022, 17:07

ESPERIENZA STORICA
18/4/2020
69°sogno lucido - Campanile in fiore
Ho un ricordo particolarmente bello di questo lucido e volevo condividerlo con voi.
(...) Entrando in casa dalla porta già aperta ho trovato le scale senza il pianerottolo a metà salita, e mia mamma da sopra mi ha detto che i muratori dovevano ancora finire i lavori in casa. Mi sono guardato la mano perché avevo già capito, e ho contato sei dita. Sono uscito di nuovo cercando di cambiare il colore del cielo buio. Lo preferivo celeste e luminoso, e anche se non ha cambiato subito e come volevo è diventato un bel crepuscolo con alcune nuvole. Mi sono diretto in Piazza senza senza ricordare il mio obiettivo. Là c'erano tantissimi personaggi onirici perché c'era un mercato serale. Ho girato per le bancarelle osservando come tutto fosse organizzato in modo così diverso dal mondo reale, ma con una perfetta armonia. Ho girato intorno al patronato e ho trovato una bancarella con una piastra per cucinare. Mi sono buttato sopra il bancone proprio vicino a quella piastra e sentivo con la mano che emanava calore. E ho chiesto ai quei lavoratori ambulanti se mi potevano dare qualcosa di buono da mangiare. Mi hanno dato un dolce di marshmallow ricoperto di cioccolato. Il sapore era come poteva essere nella realtà ma piú delicato. Gli ho dato €20 lasciando il resto come mancia, ma mi hanno guardato come se il denaro non avesse alcun valore, ed effettivamente era così ma ho voluto fare il Signore : Sig :
Cambiando posto Il paesaggio era cambiato e al posto del campetto da calcetto c'era un argine erboso. La luce si era fatta intensa e nell'aria c'era un calore piacevole al tatto senza umidità. Ho chiuso gli occhi per un attimo, si stava proprio bene.
Facendo il giro dell'edificio ero ritornato in piazza, che era completamente diversa da prima. Non c'era più nessuno e un manto erboso la ricopriva con fiori di campo e soffioni che spuntavano dai sanpietrini. Anche l'architettura era cambiata: Il campanile era posizionato sopra il patronato e sembrava una torre antica con la cupola a punta, fatto di pietre di diversi colori e con dei fiori che prosperavano in punti regolari per tutta la sua altezza, geranei mi sembra. Anche la chiesa era così. Purtroppo e difficile rendere a pieno la bellezza di quel luogo fuori dal tempo.
Per un attimo, in un calo di lucidità, ho creduto di usare il telefono per fare delle foto per potermi ricordare anche nella realtà di questo paesaggio e architettura così bella.
Poi consapevole ho sfregato le mani per stabilizzare e mi sono diretto verso casa insieme a mia sorella più grande che avevo trovato lì.
"Ma perché non possiamo vivere con il corpo astrale o onirico? Si sta così bene qui..." ho detto. E anche mia sorella mi dava pienamente ragione.
Rientrando in casa le scale erano a posto. Vado in cucina dove c'erano i fratelli ed alcuni parenti a tavola che pranzavano.
Mi sveglio.
Uno dei più bei regali che il mio inconscio mi abbia mai fatto.
“Professore, è vero tutto questo? O sta accadendo dentro la mia testa?”
“Certo che sta accadendo dentro la tua testa, Harry! Dovrebbe voler dire che non è vero?”
Avatar utente
LuKe94
Amministratore
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 25/02/2011, 13:34
Località: Colli Euganei
Ha  fatto 'Mi piace': 206 volte
'Mi piace' ricevuti:: 208 volte

PrecedenteProssimo

Torna a Diario dei sogni lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 39 ospiti