La tecnica “Meditazione riepilogativa”

Questo esercizio è una meditazione molto semplice presa a prestito da un libro di Stuart Wilde e che deriva da una tradizione indù. Ha molto a che fare con la “ricapitolazione” che don Juan consigliava di fare a Castaneda per far si che la sua vita di sogno si sbloccasse dagli intoppi in cui si trovava.


A cosa serve

Questo esercizio rappresenta un modo di dipanare le esperienze vissute. Riduce il bisogno di molti sogni superficiali, dove la mente passa al vaglio ciò che è accaduto durante la giornata. Permette di essere più lucidi.

E’ come spostarsi a ritroso nel tempo. E’ un esercizio che ti permette di osservare la tua vita. La vita non ti passa semplicemente accanto; ti prendi il tempo di osservarla da vicino. Ripercorrere gli eventi della giornata serve a sgombrare la mente dalla confusione e ti consente di addormentarti in stato di coscienza molto puro.

A parte i risvolti interessantissimi per ottenere più facilmente un livello di consapevolezza tale da favorire i sogni lucidi, questo metodo può rivelarsi molto utile anche per risolvere le questioni quotidiane. La notte porta consiglio si dice.

Se ti assilla uno specifico problema, esaminalo durante la notte. Imponi a te stesso (o meglio, al tuo Io superiore) di prenderlo in considerazione. Dì a te stesso: “Stanotte voglio prendere in esame questa particolare situazione. Domattina avrò la risposta al mio problema”. Il giorno dopo, al risveglio o più tardi, idee e soluzioni potrebbero entrare nella tua mente. Questo processo ti consente di stabilire una comunicazione più salda tra il tuo Io intellettuale-emotivo, che vive la giornata, e il tuo vero Io che è dentro di te.


Prima di dormire

Quando riposi nel letto, non ancora addormentato, cerca di ripercorrere a ritroso gli eventi di cui sei stato protagonista durante la giornata. All’inizio, di certo, non ricorderai perfettamente tutto, dovrai quindi tracciare una linea generale degli avvenimenti che l’hanno caratterizzata, le cose che hai fatto, le cose che hai visto, le persone che hai incontrato. Col passare delle notti riuscirai ad entrare sempre con più precisione in ciò che è accaduto, rivivendolo per qualche istante.

Gli eventi della giornata, dunque, vengono rivisti con l’occhio della mente, ripercorrendoli all’indietro dal momento in cui ci si è coricati fino al momento in cui ci si è svegliati. Non rimuginare o commentare troppo ciò che è accaduto, limitati a osservare.


Integrarla alla Reflection

Esegui diversi test di realtà durante il giorno. Quando li esegui cerca di memorizzare le percezioni sensoriali che provi in quel momento. La sera mentre eseguirai la meditazione riepilogativa cerca di sfruttare i reality check per aiutarti a ricostruire la giornata. Mentre ricordi gli RC fatti, prova a rivivere con l’immaginazione le sensazioni che hai memorizzato in quel momento.


Fonti

  • www.onirolandia.com (eccetto paragrafo “Integrarla alla reflection”)

Un pensiero su “La tecnica “Meditazione riepilogativa”

Lascia un commento