Indice I Sogni Lucidi Diario dei Sogni Lucidi > Il Diario di NebulaWA

Raccontateci i vostri sogni lucidi e confrontatevi con quelli degli altri: una importante fonte di idee e ispirazione. Potete tenere un diario personale con i sogni che ritenete rilevanti.

Re: Il Diario di NebulaWA

Messaggioda roberto89 » 24/10/2015, 14:55

NebulaWa ha scritto: Piu storie chiudi e piu si ha l'abilità di avere una doppia vita.


Non basta la vita reale? :sleep: :sleep: :sleep:
roberto89
 

Re: Il Diario di NebulaWA

Messaggioda NebulaWa » 22/05/2016, 10:26

Scrivo qui perchè era una task in comune.
Avrei qualche sogno da scrivere prima di questo, eventualmente lo scriverò in seguito.

Era sera, eravamo in compagnia. C'era molta allegria. Sapevo che era una giornata come un'altra, passeggiando per le campagne in cerca di una pizzeria. C'era molta gente per strada. La compagnia era numerosa e come sempre alla fine si sono fatti dei gruppetti piu piccoli per arrivarci. Mentre cammino scorgo qualcosa sulla destra. E' un albero stupendo e sembra tutto così luccicante. Talmente luccicante che ho pensato, sarà un riflesso del tramonto. Però non quadrava qualcosa, il tramonto era gia ormai molto inoltrato, e diventava tutto buio. Faccio uno scatto con la fotocamera a quest'albero che sembra abbia le pigne che emanano luce.
Vado avanti di qualche passo, ma poi dico tra me e me. Com'è possibile che ci sia un albero così bello e stravagante?

Guardo la foto e zoomando noto che l'albero produceva dei frutti che si muovevano, che emanavano luce. Capisco da una foto sul cellulare che è un sogno. Avviso subito tutti quanti e faccio vedere loro l'albero.

Dico loro, guardate, questo è quello che creiamo con la nostra mente. Mi avvicino all'albero e i frutti simili a pigne come consistenza sembrano delle meduse in acqua bioluminescenti. Dietro all'albero vedo miriadi di lucciole e il cielo è stellato. Mi accorgo in questa stupenda visione, che c'è un altro tramonto verso sud, molto arancione, probabilmente di una seconda stella. Spero di vedere qualche onironauta come dixit o Al come previsto la sera prima...ma non vedo nessun altro al di fuori della mia compagnia. Dico ad un amico: guarda cosa faccio su questo sogno, tu fotografalo e poi mandami una foto nel mondo reale (la nona Era).
Guardo il tramonto ormai molto lontano, oriento il mio braccio verso di esso e lo faccio diventare blu.
Un tramonto blu non si scorda facilmente, le nuvole sono bellissime, il riverbero della luce si infrange sul contorno delle nuvole ,e sembra come guardare un fulmine perenne di colore bluastro sulla parte piu luminosa, diventando sempre piu elettrico e blu scuro verso l'esterno, aumentando l'impatto scenografico. Il colore arriva a spegnersi sulle nuvole grigie, ma si notano ancora le sfumature blu intenso intrecciarsi col cielo scuro.
Guardo il viso del mio amico gioioso e stupito, e la compagnia che fa le foto. Poi, acquistando un certo controllo del sogno, con uno schiocco di dita il tramonto diventa verde intenso. Prendo la mia fotocamera e faccio uno scatto anche io. Quello che penso adesso è che vorrei tanto che questa foto arrivasse a me in qualche modo. Poterlo far vedere al popolo del mondo reale, poter tracciare un ricordo indelebile con una foto, qualcosa che ho creato, qualcosa che ho trasformato con arte. Infine dopo qualche minuto schiocco entrambe le dita e si colora tutto di un rosso scuro. Un colore talmente intenso che sembra sia la fine del mondo, piu intenso di qualsiasi rosso sulla Terra.
Saluto e lascio la compagnia, cerco di incontrare qualsiasi sensazione che mi possa portare da voi onironauti. Il tempo passa e faccio molta strada, attraversando gran parte della città, un po a piedi e un po volando a raso terra, nel buio della notte. Arrivo in una zona in periferia, sempre di campagna misto a palazzine. Trovo un ex bunker o una vecchio deposito di minerali in cemento. Qui sento della musica a tutto volume. Trovo un sacco di gente che balla, e qualcuno scommette su qualche combattimento. Arrivo qui sperando di trovare Al o Milenaone o Dixit ma trovo soltanto una ragazza molto dark col coltello in mano che vuole liberarsi di me. Con la mente faccio volare via il coltello e spingo lontano i suoi scagnozzi in aria senza battere ciglio. Esco da quel posto e mentre guardo l'orizzonte notturno il sogno finisce.
..Superare i propri limiti.. SogniLucidi.net
Avatar utente
NebulaWa
 
Messaggi: 2076
Iscritto il: 28/01/2008, 20:19
Ha  fatto 'Mi piace': 37 volte
'Mi piace' ricevuti:: 113 volte

Re: Il Diario di NebulaWA

Messaggioda dixit » 22/05/2016, 13:32

Se vogliamo incontrarci in sogno dobbiamo prima vederci di persona. Dovremmo fare un raduno... chi lo organizza? : Chessygrin :

p.s.
raccontami meglio di quei scagnozzi, com'erano fatti?
Avatar utente
dixit
 
Messaggi: 4489
Iscritto il: 31/01/2008, 14:01
Località: Italia
Ha  fatto 'Mi piace': 118 volte
'Mi piace' ricevuti:: 601 volte

Re: Il Diario di NebulaWA

Messaggioda Searig » 22/05/2016, 13:49

NebulaWa ha scritto: Dico ad un amico: guarda cosa faccio su questo sogno, tu fotografalo e poi mandami una foto nel mondo reale (la nona Era).
Guardo il tramonto ormai molto lontano, oriento il mio braccio verso di esso e lo faccio diventare blu.
Un tramonto blu non si scorda facilmente


Come su Marte! Lì, per qualche ragione fisica che adesso non ricordo, il tramonto si tinge di blu... Sbaglio o eri tu quell'onironauta che aveva già fatto un sogno in un paesaggio che aveva richiamato a tutti l'idea di Marte?

Ps: non ho capito bene la cosa della nona Era, me la spieghi?
Searig
 
Messaggi: 2783
Iscritto il: 16/06/2015, 16:39
Ha  fatto 'Mi piace': 271 volte
'Mi piace' ricevuti:: 398 volte

Re: Il Diario di NebulaWA

Messaggioda NebulaWa » 24/05/2016, 21:38

Searig ha scritto:
NebulaWa ha scritto: Dico ad un amico: guarda cosa faccio su questo sogno, tu fotografalo e poi mandami una foto nel mondo reale (la nona Era).
Guardo il tramonto ormai molto lontano, oriento il mio braccio verso di esso e lo faccio diventare blu.
Un tramonto blu non si scorda facilmente


Come su Marte! Lì, per qualche ragione fisica che adesso non ricordo, il tramonto si tinge di blu... Sbaglio o eri tu quell'onironauta che aveva già fatto un sogno in un paesaggio che aveva richiamato a tutti l'idea di Marte?

Ps: non ho capito bene la cosa della nona Era, me la spieghi?

Sul mio blog trovi tutto, in pratica è il mondo reale.
X dixit. Ricordo uno con la bandana,occhio bendato e orologio da taschino, stile apocalittico :)
..Superare i propri limiti.. SogniLucidi.net
Avatar utente
NebulaWa
 
Messaggi: 2076
Iscritto il: 28/01/2008, 20:19
Ha  fatto 'Mi piace': 37 volte
'Mi piace' ricevuti:: 113 volte

Re: Il Diario di NebulaWA

Messaggioda NebulaWa » 21/11/2016, 21:16

21/11/16

Devo annotare, e fare richiesta di soccorso, chiedendo perdono.

Ho paura di aver commesso qualche errore col mio subconscio.
Non me ne sono accorto ma un po alla volta sono cambiato, non volevo , non era mia intenzione.
Quelle volte che sono poco lucido tendo a oscurare l'ambiente, quando cala la sera c'è qualcosa dentro di me che mi dice di non essere il solito.

E' come se reagissi a quel sentore, quella sensazione che inizia a permeare, alterare la mente, una sorta di sensazione che mi fa captare un incubo.
E' una sensazione che conosco molto bene, ma non sono piu come una volta che mi preparo, che aumento la lucidità, divertendomi.

Forse sto reagendo diversamente alle mie stesse emozioni che ho avuto negli anni passati con gli incubi, quelli insidiosi, quelli profondi, ai quali non ho opportunità di affrontare o superare.

Ebbene si, In questo modo , a causa di questo,divento io stesso un incubo per gli altri sognatori. Un'angosciosa situazione per il PO, un angosciosa situazione per l'incubo stesso, che non affronto piu, ma lo cambio ribaltandone le sorti, senza volerlo.

Provo paura per loro, ma in realtà è una sensazione che sento di provare su me stesso. Una reazione. E' come se il mio inconscio mi dicesse "meglio agli altri che a me stesso."
Quello che succede è ciò che mi rende forte ma in questo momento i miei PO non passano dei bei momenti e io non volevo farlo.

Forse sto capendo in questo momento una cosa.
Credo .... credo che
Certo..
posso assumere forme, colore, energia e ambiente di ciò che voglio.
Forse ho bisogno di confrontarmi. E' molto molto tempo che non lo faccio, nemmeno per gioco.
Preferisco un sano incontro piuttosto che diventare un incubo per qualcuno.

Ho bisogno di sfogare l'energia che ho nella mente e nel corpo, ho voglia di urlare, ho voglia di far schizzare la forza nella mente reale, vorrei piegare l'universo in cerca di qualcuno che mi affronti.
Mi manca il mio antagonista. Senza di esso, sono freddo, glaciale, oscuro.

Voglio uscirne, ma a modo mio.
..Superare i propri limiti.. SogniLucidi.net
Avatar utente
NebulaWa
 
Messaggi: 2076
Iscritto il: 28/01/2008, 20:19
Ha  fatto 'Mi piace': 37 volte
'Mi piace' ricevuti:: 113 volte

Re: Il Diario di NebulaWA

Messaggioda NebulaWa » 07/06/2018, 21:57

06/06/18
Ho preso spunto dal forum per continuare il libro con Al. Inserirò qui le righe essenziali cercando di abbreviare il tutto. Sono circa le 3 e mezza e mi rimetto a dormire facendo una wild.
Sogno che sono nella mia città , vicino ad una montagna. Sono poco lucido, cerco di aumentare la lucidità battendo le mani. LA lucidità di alza e comincio a volare sulla città, cerco di sfiorare i palazzi, passo un fiume e sento che la lucidità non è ancora alta, infatti faccio fatica a volare col pensiero. Mi siedo su un muretto vicino ad un magazzino e concentro me stesso con il lucido.
Cerco di ricordare che task dovevo fare, mi viene in mente il libro con Al. La lucidità si impenna, mi giro e vedo un neon, e ne cambio il colore da bianco a viola e poi multicolore. Facendo questo aumento ancora la lucidità. Ora posso entrare dentro uno dei miei mondi, in un'altra dimensione. Chiudo gli occhi e immagino di essere dentro Cielo Castano e di continuare dove avevamo lasciato.
Mi trovo vicino ad un castello diroccato, una torre con un arco, di sassi, vicino ad una collina. Trovo particolare lo stile dell'arco, mi ricorda qualcosa di elfico.
Mi agito moltissimo perchè non mi capita spesso di tornare in queste ere da un po di tempo, specialmente Cielo Castano. Cerco di calmarmi con varie tecniche. Volo attraverso colline e vette in cerca di qualcuno, qualche sognatore, qualche anima.
Non vedo nessuno, cerco una radura, sono vicino ad un monte altissimo che si perde tra le nuvole e la nebbia.
La cima è illuminato dalla luce del sole e i riflessi sono bellissimi. Vicino alla radura c'è chiaramente una discesa artificiale.
Volo in quella direzione, cercando ricordi. Vedo che sulla discesa c'è un mezzo , una sorta di anfibio e apc , chiaramente non assomiglia a nulla che ricordi del mondo reale.

Atterro in mezzo alla radura, mi siedo per terra e tasto il terreno. Voglio aumentare la lucidità e godermi il momento, apprezzare quello che vedo e quello che sento.
Prendo una manciata di terra , è pastosa, di colore marrone , tendente al rosso, come immagino siano gli occhi di Al.
La terra è sabbia finissima, apprezzo il senso del tatto e il vento tra i capelli. Sono solo ma mi sento appagato.

Il tempo passa e mi sembra strano che tra l'agitazione e il tempo consumato sia ancora tutto così reale. Volo via a rasoterra verso un altro posto cercando persone.
Trovo un paese, mi addentro e diventa una sorta di città povera con un centro caratteristico e ricco. E' pieno di persone, sono tutte mulatte, una sorta di tribu indigena ma civilizzata. Utilizzano fasce come i thailandesi. Chiedo chi è il piu saggio, qualche anziano per poterci fare domande. Mi portano da una donna molto anziana, chiedo se c'è un labirinto da quelle parti e mi dice di no.

Probabilmente è proprio Cielo Castano.
Saluto e parlo con altre persone. Ci cambiamo e ci vestiamo per una serata elegante. Usciamo e ci dirigiamo verso il centro, sono trattato come uno sconosciuto e per tutti questi sono stimati e trattati da re. Arriviamo ad un ristorante, ceno li con altre persone che sembrano proprio sognatori.
I sognatori mi sembrano familiari, mi sembra di ricordare i loro volti, sono volti che penso di conoscere. L'ambiente è bello e romantico, poetico, ma la lucidità si abbassa e si trasforma in un sogno normale, finchè mi sveglio e annoto tutto.
..Superare i propri limiti.. SogniLucidi.net
Avatar utente
NebulaWa
 
Messaggi: 2076
Iscritto il: 28/01/2008, 20:19
Ha  fatto 'Mi piace': 37 volte
'Mi piace' ricevuti:: 113 volte

Precedente

Torna a Diario dei Sogni Lucidi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti